Wednesday, May. 12, 2021

Poker Live

Scritto da:

|

il 14 Apr 2021

|

 

EPT Montecarlo 2017, Litvinov vs Vamplew: una mano molto discussa

EPT Montecarlo 2017, Litvinov vs Vamplew: una mano molto discussa

Area

Vuoi approfondire?

Il cosiddetto “Trash talking”, nei tornei di poker, è un malcostume non esattamente proibito dal regolamento, ma a tutti gli effetti risulta essere una tattica poco elegante per indurre l’avversario a commettere degli errori.

A volte, la cosa funziona, a volte no. A volte, le chiacchiere generano degli spot un po’ particolari.

Come in questo caso.

Slowroll o meno?

Siamo a Montecarlo, in occasione dell’EPT del 2017. Tutto sommato siamo ancora a delle fasi pressoché iniziali del torneo, dal momento che i bui sono 500/1000 con ante 100.

In questa mano, foldano tutti sino allo small blind, dove siede il russo Artem Litvinov, che spilla K K e, con uno stack di 84.000 decide di fare solo call.  Sul grande buio siede il fortissimo inglese David Vamplew, che con 10 8 e uno stack di 23.000 fa check.

Flop:

J 6 10

Litvinov punta 1.500, Vamplew chiama.

Turn:

3

Litvinov punta 2.800, Vamplew chiama.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

River:

4

Litvinov punta 6.800. Vamplew ci pensa su, e Litvinov lo stuzzica: “se vai all-in, ti chiamo. Per favore non slowrollare, se devi andare all-in fallo subito. Ti chiamo. Promesso.” Al termine della considerazione, Litvinov chiama il tempo. Vamplew va all-in, Litvinov chiama e si infuria alla vista del colore, pensando di aver subìto uno slowroll. Vamplew dice di essere stato un po’ confuso da quella parlata, Litvinov per tutta risposta lo insulta in russo.

Prima di tutto: è questo uno slowroll? Noi pensiamo di no, in realtà la pensata di Vamplew dovrebbe essere relativa a capire se chiamare o rilanciare, essendo forse quel colore la parte minima del suo range che potrebbe venire chiamata .

Detto ciò, la mano è ovviamente influenzata dall’azione del russo preflop, che sottorappresenta la sua mano fin da subito.

Ma tutta la chiacchierata che si fa dopo la puntata al river, sostanzialmente, indica due cose: o una mano molto forte, o una mano molto debole (cosa che in effetti una coppia di K è, in quel momento e con quel board).

Ci sono pertanto due domande da farsi, per come è andata la mano: 1- voi al posto di Vamplew sareste andati all-in? E 2- Al posto del russo, ricevuto l’all-in, avreste comunque chiamato? Cioè, Vamplew può puntare tutto con qualcosa più debole di KK?

 

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari