Wednesday, May. 12, 2021

Poker Live

Scritto da:

|

il 18 Apr 2021

|

 

PCA 2013: Mizrachi vs Cody e un leveling estremo

PCA 2013: Mizrachi vs Cody e un leveling estremo

Area

La cosiddetta “history” , tra i giocatori di poker, è talvolta l’unica spiegazione che giustifica certi atteggiamenti e certe scelte che all’apparenza sembrano assurde. In particolar modo, questo assunto è valido quando si scontrano – in modo apparentemente confuso – due grandi professionisti.

Andiamo a vedere cosa è successo tra Jake Cody e Robert Mizrachi qualche anno fa al PCA organizzato da PokerStars.

Scelte assurde o geniali?

E’ il 6 gennaio del 2013, e siamo alle Bahamas: è in corso il 10,000 + 300 No Limit Hold’em – Main Event del PCA 2013. I partecipanti al torneo sono 987, e in questo caso siamo rimasti a 140 giocatori ancora in corsa.

La bolla è scoppiata da pochissimi minuti, ma la vera sfida è arrivare al tavolo finale, con i premi che contano.

In questa mano i bui sono 1.500/3.000 e da middle position l’inglese Jake Cody apre a 8.000 con A 5, con uno stack di circa 140 mila. Foldano tutti sino al big blind in cui siete il noto pro americano Robert Mizrachi, che con 8 8 ed uno stack di 170 mila chiama.

Si va al flop:

9 7 J

Mizrachi check, Cody bet 9.700, Mizrachi call.

Turn:

A

Mizrachi check, Cody bet 18.000 . Mizrachi raise 39.000 , Cody fa call.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

River:

4

Mizrachi check, Cody all-in. Mizrachi pensa e chiama.

Avete letto bene. L’azione al river è proprio questa, super strana e a tratti illogica. Quello che sembra uno dei check back più facili del mondo Cody lo trasforma in un all-in che è a metà tra una thin value bet (ovvero una sofisticata puntata per valore) ed un bluff.

Ma qui, chiaramente, intervengono dinamiche di gioco legate alla storia tra i due giocatori che noi non possiamo conoscere.

Certo è che l’azione è molto interessante, ed è da notare come già al turn il rilancio di Mizrachi potesse, molte volte, indurre ad un fold.

Sarebbe bello capire su che mani i due vicendevolmente si collocano: chissà se agli occhi di Cody, Mizrachi aveva esattamente quel valore medio che avrebbe potuto pagare la puntata al river. Chissà cosa Mizrachi pensava avesse Cody.

Voi come giudicate la mano? In particolare, nei panni di Cody, avreste fatto all-in al river?

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari