Saturday, Dec. 4, 2021

Storie

Scritto da:

|

il 20 Giu 2021

|

 

Humberto Brenes, il più goliardico tra i pokeristi: biografia e cosa fa oggi

Humberto Brenes, il più goliardico tra i pokeristi: biografia e cosa fa oggi

Area

Le parole “simpatia” e “poker” non viaggiano esattamente sullo stesso binario. Anzi, in un gioco così competitivo diventa spesso difficile ergere a esempio di comicità e fair play qualche avversario.

L’eccezione che conferma la regola, però, è quella costituita dal costaricano Humberto Brenes: a suon di battute, goliardia e correttezza al tavolo, è diventato negli anni una vera icona del poker internazionale, inevitabilmente amato e rispettato da tutti.

Andiamo a conoscere la sua storia.

Un talento innato

Humberto Brenes nasce l’8 maggio del 1951 a San Josè, Costa Rica.

Il primo approccio con le carte avviene in tenerissima età: suo padre, infatti, era un giocatore piuttosto affermato, e Humberto passava ore a vederlo giocare (e vincere con i propri amici). Così, fin dai sette anni di età, inizia a giocare e a prendere confidenza con regole e giochi. Tracce della bontà che avrebbe contraddistinto la sua carriera si riscontrano anche in quel periodo della sua vita: pur giocando per pochi spiccioli, logicamente, le volte che vince li restituisce ai propri avversari.

Dal punto di vista della formazione, nel frattempo, Humberto si rivela essere un ragazzo coscienzioso e molto attento agli studi: frequenta infatti l’Università del Costa Rica, dove si laurea in ingegneria industriale. A quel punto, pur avendo in essere l’hobby di giocare nei Casinò locali, sceglie di buttarsi nel mondo dell’imprenditoria: Tale scelta, in effetti, paga: Humberto, nel giro di pochi anni, riesce ad avviare alcune attività sul suolo costaricano, a cominciare da una stazione televisiva locale, finanziandosi con dei lavoretti che compie in compagnia del fratello.Il progetto ha successo, e dopo poco tempo i Brenes hanno la possibilità di espandersi, ottenendo delle partecipazioni in alcune aziende alimentari e, in seguito, nella ristorazione.

La passione per il gioco e per i Casinò, però, non si è mai sopita.

La svolta nel gambling

Sebbene Humberto possedesse tutte quelle attività, palesando un forte spirito imprenditoriale, sembrava poter addirittura guadagnare ancor più soldi al Casinò. Basti vedere come, nei primi anni ’80, poteva frequentare i Casinò delle Bahamas, nei quali era diventato un vero abitudinario di baccarat e craps, vincendo anche $ 377.000 in una sola serata, in occasione di un torneo di dadi.

A quel punto, col poker che nel continente americano era sul punto di esplodere, Brenes  capisce di dover precorrere i tempi e diventare giocatore professionista, alternando il lavoro con i fratelli Alex ed Erick (anch’essi appassionati di gioco).

Il primo risultato che dà fiducia a Humberto è quello del maggio 1987, ovvero in occasione del $10,000 No-Limit Hold’em World Championship (suo primo evento WSOP in assoluto) termina al 14° posto, risultato che più che la gratificazione economica gli dà la certezza di essere sulla strada giusta.

L’anno successivo, infatti, la stessa partecipazione al Main Event si conclude al quarto posto, dietro ai soli Chan, Seidel e Graham.

Da quel momento in avanti, Humberto Brenes diventa una presenza fissa nei tavoli torneistici di Las Vegas, cogliendo un’infinità di piazzamenti e tavoli finali ad ogni torneo dell’anno.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Nel 1993, poi, l’incoronazione solenne: Humberto vince finalmente due braccialetti d’oro negli eventi $2,500 Limit Hold’em e $2,500 Omaha Pot-Limit, conquistando un totale di $277.000.

Il trend che vede Humberto Brenes protagonista di ogni torneo continua per almeno altri dieci anni, e tra un tavolo finale e l’altro si mette in evidenza anche al WPT, cogliendo ben quattro tavoli finali, corrispondenti a quasi due milioni di dollari in premi.

Ad oggi, Humberto ha conquistato – solo nei tornei – qualcosa come 6 milioni di dollari in vincite, cifra che ne fa uno dei più vincenti di ogni tempo.

 

Goliardia al tavolo

Ciò che ha reso caratteristico Humberto Brenes al tavolo, più delle sue indubbie doti pokeristiche, è senza dubbio il suo atteggiamento, incredibilmente spiritoso e caratteristico, che lo rende simpatico e benvoluto sia da tutti gli avversari che dal pubblico. Vestiti sgargianti, una visiera parasole, due paia di occhiali, battute e scherzi continui, unitamente ad un card protector a forma di squalo sono solo alcuni dei tratti che lo caratterizzano. E’ raro trovare un giocatore così rispettato e amato allo stesso tempo da avversari e dai fan del mondo del poker.

E questa particolarità fa sì che Humberto Brenes sia stato (e sia tutt’ora) uno degli ambasciatori del poker più efficaci di sempre.

 

Humberto Brenes oggi

Negli ultimi anni, le apparizioni di Humberto Brenes sul proscenio pokeristico sono diminuite, dal momento che – ovviamente – Humberto si può permettere di apparire a Las Vegas solo durante le WSOP.

Las Vegas dove, nel 2013, ha ottenuto la nomination per il conferimento del prestigioso titolo “WSOP Hall of Fame”, pur non riuscendo ad ottenerlo.

Dopo tantissimi anni passati a fare da uomo immagine di PokerStars, in modo particolare per lo sviluppo del poker nel continente centroamericano, oggi Humberto vive con la moglie e i tre figli a Miami, in Florida. Non è raro vedere qualche sua improvvisata nei social, magari con un filmato o una dichiarazione, non avendo mai perso quell’attitudine simpatica e calorosa che lo porta a fare battute e ridere o scherzare.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari