Tuesday, Oct. 26, 2021

Poker Live

Scritto da:

|

il 18 Set 2021

|

 

Il TP di Andrea Ricci nella mano decisiva per la vittoria allo WSOPC

Il TP di Andrea Ricci nella mano decisiva per la vittoria allo WSOPC

Area

Vuoi approfondire?

La splendida cavalcata di Andrea Ricci per la vittoria del Main Event WSOP Circuit Rozvadov ha avuto un momento cruciale.

Quando il torneo era a 4 left la situazione ha conosciuto una fase di semi-stallo. In quel momento Andrea ha dato una scossa annichilendo il bielorusso Shylko con un herocall da manuale e portando il torneo a 3 left.

Il 30enne di Pesaro ci ha raccontato il processo di pensiero che in game gli ha fatto trovare il call vincente.

 

La mano

Spot numero 85 del tavolo finale, blinds 150k-300k con bb ante. Ricci ha 15 milioni di stack, De Neve 13 milioni, Lombardo dieci milioni, Shylko 7,5 milioni.

Ricci completa da small blind J9, Shylko raise 900.000 T5, Ricci call.

Flop 94A, Ricci check, Shylko 500.000, call.

Turn 2, Ricci check, Shylko 1,3 milioni, call.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

River 8, Ricci check, Shylko all-in 4,5 milioni, call.

 

Il TP di Andrea

“Avevo parecchie informazioni sull’avversario grazie alla history. A inizio day3 giocava chiusissimo, lo avevo anche visto limp foldare da utg mani tipo A-Q, avevo vita facile nell’isolarlo. Nella mano in cui lo elimino arrivo a chiamarlo al river perché non aveva quasi mai isolato quando era su big blind e mi diceva che mi rispettava tantissimo e questo lo avevo notato. Però, da 5-6 left in poi, avevo anche notato che la sua condotta era cambiata, iniziava a mettere pressione da late position e a tribettare largo, ho notato da parte sua una inversione di rotta, poi ho saputo che aveva fatto quarto al Main Event precedente quindi avevo la conferma che era un avversario che sapeva il fatto suo”.

Per Andrea, però, non è vero che in questo spot, dopo aver chiamato al turn, chiami sempre al river:

“Non chiamo sempre al river, però lo avevo visto giocare molto nitty nelle giornate precedenti, anche checkando mani di grande valore. Quando punta tre strade in un limpato mio, in cui quindi io non sto reppando assi ma più nove visto che con un asso avrei messo pressione preflop, c’è qualcosa che non quadra. Lui ha iniziato a spingere su quel board abbastanza bianco, la cbet flop mi sembra abbastanza standard chiamarla, poi le valutazioni si prendono strada per strada… Certo, quando mi punta su due strade e poi spara l’all-in al river in blind war, dopo che ti chiamo al flop e ti chiamo al turn, vista la condotta che aveva avuto nel torneo, non penso che mi possa shovare AT-AJ, e vista la pressione ICM potrebbe checkare dietro anche AQ e persino AK, a volte. E’ una mano giocata ad hoc. Lui con il suo shove, dopo tutte le chips che ha messo, si sta fantapolarizzando su set o scale. Al river c’è il rischio di call-muckare, certo, ma in questo spot non penso di muckare spesso perché come detto credo che avrebbe checkato dietro tante mani di medio valore, o comunque di sicuro non avrebbe overshovato

 

Img credits: PokerGo

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari