Friday, Jan. 21, 2022

Poker Live

Scritto da:

|

il 22 Dic 2021

|

 

PCA 2012: Liu vs Julius, valore che sa di bluff

PCA 2012: Liu vs Julius, valore che sa di bluff

Area

Fare o subire dei bluff, nel poker, è parte del gioco. Può capitare di trovarsi da una parte o dall’altra, ovvero di essere colui che li allestisce o colui che li subisce. Non c’è nulla di male, poi, quando a fronte di un bluff si fa una scelta sbagliata.

In TV, però, molti giocatori accusano particolarmente la situazione, e ci pensano due volte prima di farsi bluffare in diretta internazionale: vediamo quanto successo al PCA 2012 alle Bahamas.

Che coraggio al river!

E’ il  gennaio del 2012, e siamo alle battute conclusive del PokerStars Caribbean Adventure Main Event, torneo dal buy-in di 10.300$. Dei 1072 partecipanti iniziali, siamo infatti rimasti in nove: è appena iniziato il Final Table che incoronerà il vincitore e conferirà il primo premio di oltre 1,7 milioni di dollari.  Chi uscirà nono, invece, dovrà consolarsi con “soli” 100.000$.

I bui sono 60.000-120.000, e da middle position la canadese Xuan Liu spilla 4 4 e con uno stack di 5,7 milioni rilancia a 240.000 . Dietro di lei siede Kyle Julius, che alza Q Q e con 5 milioni opta per fare solo call.

Foldano tutti e si va al flop.

9 7 K

Liu va in c-bet per 325.000 .  Julius, col K sul board, non può far altro che limitarsi al call.

Turn:

3

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Doppio check.

River:

8

Check della Liu, che sembra aprire la porta ad una puntata per valore del suo avversario. Julius, infatti,  punta 420.000 .

La parola torna a Liu, che senza perdersi d’animo, rilancia istantaneamente a 1.550.000! La manovra manda Julius “in the tank”. L’americano ci pensa su, poi annuncia il call vincente.

Grande chiamata, quella di Julius, ed è da capire in che momento della mano abbia capito che quello della Liu era in effetti un bluff. Secondo noi, in un momento preciso: supponiamo che Liu avesse un punto veramente forte, come un colore o un set. Difficilmente avrebbe fatto check sia al turn che al river, potenzialmente perdendo due strade di valore. Sarebbe forse stato più credibile se avesse puntato al turn e check-raisato al river.

In ogni caso, dati i (tanti) soldi in palio, davvero un bel call quello di Julius, che probabilmente è stato anche aiutato dalle tante ore passate al tavolo con l’aggressiva avversaria canadese.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari