Friday, Jan. 21, 2022

Poker Live

Scritto da:

|

il 5 Gen 2022

|

 

Commerce Casino, cash game live 1-2: un fastidioso angle shooting

Commerce Casino, cash game live 1-2: un fastidioso angle shooting

Area

Per “Angle Shoot“, nel poker, si intende quella spiacevole situazione in cui un giocatore seduto al tavolo utilizza, per vincere una mano, dei metodi non strettamente irregolari, ma fortemente antipatici e antisportivi. Ne abbiamo visti a bizzeffe, negli anni, e persino qualche poker pro ogni tanto è ricorso a determinati mezzucci per vincere un colpo.

Quello che vedremo si è concretizzato qualche settimana or sono, in America, più precisamente presso il Commerce Casino di Los Angeles.

Un bluff ardito, poi il fattaccio

Lo svolgimento della mano è assolutamente ininfluente ai fini del racconto. La partita è un 1-2$ No Limit, e ci troviamo infatti su un board che recita qualcosa del tipo 2 2 4 Q 6 , con il protagonista della mano (non sappiamo il nome, per comodità chiamiamolo John ) che  ha effettuato un bluff su tutte le strade.

Avendo in mano 7 8, infatti, John ha rilanciato preflop, puntato al flop, puntato al turn e ora si trova al river dopo aver trovato in ogni strada il call di un singolo avversario.

Con un piatto di circa 600 dollari e un resto di approssimativamente 250$, John decide di andare in all-in al river, sperando di far foldare l’avversario, presupponendo, ovviamente, che il suo “8 carta alta” non sia certo buono.

Al suo all-in, però, corrisponde lo snap call dell’avversario, che lancia una chips in mezzo al tavolo per segnalare la sua chiamata. Evidentemente ha qualcosa di molto forte, quantomeno di più forte della mano di John.

Sembra finita lì, ma invece succede qualcosa.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Un gesto antisportivo

Dopo aver lanciato la chip nel mezzo, l’avversario guarda John con sguardo interrogativo, come a voler dire “che cos’hai?“. John, scottato per essere stato scoperto, e in tilt per aver perso tutto il suo resto in un singolo colpo, in modo provocatorio esclama “ho due assi!” però senza girare la propria mano.

L’avversario, imprecando, getta le sue carte senza girarle, fidandosi di quanto detto da John. Il dealer le infila nel muck, rendendone la mano irriconoscibile: a quel punto, l’unica mano in gioco è quella di John, colui che ha appena mentito e che nella realtà dei fatti ha decisamente la mano peggiore.

John, piuttosto imbarazzato, si vede spingere l’enorme piatto nella sua direzione, e cerca di muckare la propria mano senza mostrarla. Qualcuno, però, chiede sia girata, così il dealer mostra le carte: ecco che il 7 8 si concretizza, e – giustamente – apriti cielo.

Interviene il floorman, e i toni si fanno piuttosto pesanti. John afferma di aver detto “due assi” solo in preda al tilt e al nervoso per aver ricevuto il call; è vero, però, che la mano avversaria al momento non esiste. Giusto o sbagliato che sia, dopo svariati minuti di discussione, il piatto va a John. Per protesta, i componenti della partita abbandonano il tavolo, e la partita finisce lì. Si è concretizzato un angle – shoot dei più antipatici. Magari non inizialmente voluto, ma poi tremendamente scorretto.

Come avreste reagito se foste stati al tavolo? E nei panni del floorman, qual era la scelta ottimale da effettuare?

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari