Friday, May. 20, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 7 Mag 2022

|

 

Amarillo Slim: biografia della principale icona della storia del poker

Amarillo Slim: biografia della principale icona della storia del poker

Area

Il poker, così come lo conosciamo oggi, è il risultato di una serie di evoluzioni e ammodernamenti che l’hanno trasportato dalle bische fumose e pericolose di mezzo mondo sino ai Casino, che l’hanno trasformato in una competizione di livello planetario.

E il principale artefice di questa colossale operazione è Amarillo Slim, una delle più grandi icone (se non la più grande) della storia del poker.

Conosciamo la sua storia.

Un talento in erba

Amarillo Slim (vero nome Thomas Austin Preston, Jr.) nasca a Johnson, in Arkansas, nel 1928. All’età di 16 anni palesa subito la sua attitudine per gioco e competizione, diventando famoso per essere diventato il più giovane campione del mondo di biliardo.

Divenuto maggiorenne, trova lavoro per l’USO (United Service Organization): una sorta di organizzazione americana (tutt’ora esistente) che si occupa di creare e gestire eventi di intrattenimento per le truppe americane in giro per il mondo, con musica, spettacoli e molto altro. Questo impiego l’ha portato a girare il mondo, dal momento che erano gli anni della Seconda Guerra Mondiale. E’ con le truppe che, di fatto, inizia a giocare a poker.

L’incontro con Doyle

Tornato negli USA, dopo diversi anni sulla strada, si stabilisce in Texas, dove incontra  Doyle Brunson e i iniziano a scambiarsi pareri e opinioni sul poker. Diventano amici e iniziano a scrivere dei libri. Come spesso accade, i due si migliorano a vicenda, e iniziano a frequentare tutte le partite high stakes del Texas, disputate all’epoca (è bene ricordarlo) in bische, bar malfamati, case di personaggi poco raccomandabili, rischiando bankroll (e vita) letteralmente ogni notte.

A poco a poco, Amarillo Slim diventa un’icona, vince e convince. E’ grazie a lui, a Doyle Brunson e alla famiglia Binion se Las Vegas ha l’intuizione di iniziare a pensare alle World Series of Poker, manifestazione che del resto lo stesso Amarillo Slim vince nel 1972 per acclamazione da parte dei suoi avversari.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Le WSOP diventano un marchio inequivocabilmente legato a Slim, che vince quattro braccialetti delle World Series of Poker in carriera ed arriva pure secondo al World No Limit Heads Up Championship 2001.

La passione per il betting

Amarillo Slim non è stato solo un eccellente giocatore di poker, ma anche un famigerato giocatore d’azzardo, scommettendo non solo sugli eventi sportivi, ma anche su cose e circostanze assurde. Una volta, ad esempio, ha scommesso 1 milione di dollari sostenendo che avrebbe potuto lanciare una pallina da golf per oltre un miglio (scommessa che ha poi vinto). Ha battuto svariati professionisti di biliardo utilizzando un bastone di scopa, ha battuto altri gambler a ping pong in partite con… padelle di ferro.

Una vita incredibile

L’essere diventato la prima icona del poker della storia ha portato Slim ad avere esperienze al tavolo pressochè clamorose: ad esempio, si è seduto allo stesso tavolo da poker con i presidenti degli Stati Uniti Lyndon Johnson e Richard Nixon, ma si è anche trovato in heads up con il diabolico signore della droga colombiano Pablo Escobar. A metà degli anni ’90, il cartello di Medellin rapì Amarillo Slim mentre giocava a carte in un Casino a Cartegena, in Colombia. Lo spogliarono nudo, lo legarono e lo portarono in volo a Medellin dove fu infine rilasciato e scampato alla morte per un pelo.

L’icona del poker

Amarillo Slim è stato una vera celebrità, nel poker e non solo. Non si contano, in epoca moderna, le sue apparizioni in TV, i libri scritti e le citazioni nei film (su tutte, quella di Rounders «Se nella prima mezzora non capisci chi è il pollo, allora il pollo sei tu» ). Si spegne nel 2012, non prima di essere meritatamente entrato a pieno titolo nella Poker Hall of Fame , in cui era entrato già vent’anni prima.

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari