Thursday, Dec. 1, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 2 Giu 2022

|

 

Phil Ivey è arrivato subito alle World Series Of Poker per dare la caccia all’undicesimo bracciale

Phil Ivey è arrivato subito alle World Series Of Poker per dare la caccia all’undicesimo bracciale

Area

Vuoi approfondire?

Aveva saltato a piè pari l’ultima edizione, ma in queste WSOP non ci sarà alcun “giallo-Ivey” a tenere banco.

Il giocatore di Riverside ha smorzato sul nascere le domande che ogni anno accompagnano il suo ipotetico arrivo alle World Series Of Poker, presentandosi ai tavoli del campionato del mondo già dal primo giorno.

Evidentemente, i tempi in cui Ivey si doveva muovere col freno a mano tirato nei tornei statunitensi, per la causa con il casino Borgata, appartengono ormai al passato. ‘Il Re’ oggi può dare la caccia al suo undicesimo braccialetto senza timori di sorta.

E dai segnali che ha lanciato sembra avere l’intenzione di dedicarsi alla causa in modo intensivo.

 

L’in the money al 100k Bounty

Ivey è planato sulle World Series Of Poker iscrivendosi al secondo evento del programma, il 100k Bounty che stasera vedrà il nostro Dario Sammartino al tavolo finale con il braccialetto nel mirino.

La partecipazione di Phil Ivey al primo giorno di World Series Of Poker è un evento che non si verificava da tantissimi anni. Phil ha poi chiuso il torneo in settima posizione, eliminato da David Peters (AJ>77 in allin preflop) per un premio di 133.127$.

Quello al 100K Bounty è stato il suo 59° itm alle World Series di Las Vegas, per un ammontare complessivo in vincite di 6.261.000$. .

 

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Il salto al 2.500$ Freezeout

Che l’approccio di Ivey in queste World Series sia ben diverso da quello che avevamo visto di recente si è capito subito guardando cosa ha fatto dopo l’eliminazione dal 100K Bounty.

In altri tempi avrebbe letteralmente snobbato il terzo evento del programma WSOP, 2.500$ Freezeout NLHE, visto il (per lui) low buy-in e il field ad alta varianza dato dal numero di iscritti (che nel caso specifico, al termine della registrazione tardiva, sono stati 752).

Invece no. ‘The King’ è subito corso a iscriversi e si è gettato nella mischia. Le cose non gli sono andate bene. Rimasto con 10.5bb, Ivey ha trovato l’eliminazione pushando da middle position KQ e perdendo il coinflip contro la coppia di nove di Anthony Harb.

Ma con la voglia che ha dimostrato siamo sicuri che in questa edizione WSOP le soddisfazioni per lui non tarderanno ad arrivare.

 

 

Immagine in alto: PokerNews

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari