Domini confiscati negli USA per Fulltilt, Pokerstars e Absolute Poker | Italiapokerclub

Sunday, Mar. 29, 2020

Scritto da:

|

il 15 Apr 2011

|

 

Domini confiscati negli USA per Fulltilt, Pokerstars e Absolute Poker

Domini confiscati negli USA per Fulltilt, Pokerstars e Absolute Poker

Area

Quello che sta succedendo negli USA è un vero e proprio cataclisma per quanto riguarda il mondo del poker. Il procuratore di New York ha aperto un mandato contro 11 persone tra le quali i fondatori delle tre maggiori compagnie di poker online negli Stati Uniti PokerStars, Full Tilt Poker e Absolute Poker e sequestrato i loro siti web.

Le accuse sembrano pesantissime: i reati contestati sono frode bancaria, riciclaggio di denaro e gioco d’azzardo illegale.

Secondo il sito ufficiale del governo americano gli imputati avrebbero istituito conti bancari fasulli per elaborare le transizione avvenute tramite il gioco d’azzardo online, che per i cittadini statunitensi è illegale.

Il documento dell’intelligence afferma che le banche a cui si rivolgevano spesso erano inconsapevoli di tutto questo oppure venivano utilizzate delle banche tolleranti.

Secondo l’FBI il denaro che le poker room ricevevano dai giocatori veniva rigirato come pagamento verso attività commerciali in realtà non esistenti come gioiellerie o acquisto di palline da golf.

I nomi che al momento sembrano essere coinvolti, e che riguardano direttamente le poker room,  sono i seguenti: Isai Scheinberg e Paul Tate di  PokerStars, Bitar Raymond e Burtnick Nelson di Full Tilt Poker e Tom Scott e Brent BecKley di Absolute Poker.

Gli americani che aprono i siti web di queste poker room (e di conseguenza anche gli italiani che utilizzano DNS statunitensi) vedono ora il logo dell’FBI che avverte che il sito è sotto sequestro e vengono elencati tutti i rischi e pericoli nel partecipare al gioco d’azzardo e al riciclaggio del denaro.

Ovviamente queste sono le accuse del governo, e di certo finchè non saranno verificate gli imputati sono innocenti; lasciamo quindi spazio alle dovute indagini, ma sicuramente se tutto verrà accertato il poker online negli USA subirà un colpo durissimo.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Ecco il comunicato stampa ufficiale di FullTilt sulla vicenda

Full Tilt Poker è addolorata per le accuse di ieri contro il suo responsabiled Raymond Bitar è offre tutto il supporto possibile a Mr. Bitar and Nelson Burtnick.

Il poker online è un gioco di abilità praticato da decine di milioni di persone negli Stati Uniti e in tutto il mondo e FullTilt resta impegnata come sempre per preservare i diritti di queste persone per poter giocare online al gioco che amano.

Mr. Bitar e Full Tilt Poker credono che il poker online sia legale – una posizione assunta anche da alcune tra le migliori menti legali negli Stati Uniti . FullTilt si è sempre impegnata a preservare l’integrità del gioco a in rispetto della legge.

Sono sorpreso e dispiaciuto della decisione del governo di fare queste accuse. Credo nella futura assoluzione mia e di Mr Burtnick’s. Sfortunatamente, come risultato di queste azioni, FullTilt Poker ha deciso che è necessario sospendere il gioco “real money” negli Stati Uniti finchè questa situazione non verrà risolta. Comunque FullTilt Poker continuerà a garantire il poker online negli altri paesi ad esclusione degli USA


Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari