Sunday, Oct. 24, 2021

Poker Online

Scritto da:

|

il 22 Ago 2011

|

 

Ancora guai per Full Tilt : si dimette il capo dell’ufiicio Marketing

Ancora guai per Full Tilt : si dimette il capo dell’ufiicio Marketing

Area

Vuoi approfondire?

Non finiscono mai i guai per Full Tilt Poker, di poco fa la notizia che Lothar Rentschler chief marketing officer di Full Tilt Poker e della holding Pocket Kings Ltd (PKL) ha annunciato che si dimetterà il prossimo 13 settembre. Il manager tedesco in carica dal 2009 presso la red room ha lavorato a lungo per Bacardi e per l’agenzia di comunicazione Mec.

La decisione arriva a pochi giorni dalla data del15 settembre, giorno in cui la Alderney Gambling Control Commission riprenderà l’udienza per il mantenimento della licenza della room nella speranza che per quella data la red room abbia trovato nuovi acquirenti in grado di rilevare l’intera società e saldare così i debiti nei confronti dei giocatori statunitensi.

Rentschler nell’anticipare le sue dimissione ha dichiarato come tale decisione fosse dettata dalle attuali circostanze e come tale passo andava fatto già da tempo e si è poi scusato per la gestione dell’ufficio marketing di full tilt poker.

Alle dimissioni del manager tedesco si aggiungono poi le dichiarazioni di Erich Kollmann giocatore professionista austriaco e sponsorizzato da Full Tilt poker, che in una nota postata sul suo blog ha fatto sapere di essere intenzionato a rescindere il contratto con la red room data la impossibilità di certezze sulla ripresa effettiva dell’attività.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Si prevedono giorni di fuoco per Full Tilt che dovrà fare fronte anche alle due class action che hanno colpito tanto le società affiliate a full tilt come Tiltware, Vantage, Filco, Pocket Kings Ltd quanto numerosi membri del team pro, accusati di essere a conoscenza delle situazioni societarie e di non aver fatto nulla per evitarle. Tra gli accusati spiccano i nomi di Howard Lederer, Chris Ferguson, Jennifer Harman-Traniello, Erick Lindgren, Erik Seidel, Andrew Bloch, Mike Matusow e Allen Cunningham.

Staremo dunque a vedere se questa ulteriore tegola abbattutasi su Full Tilt poker condizionerà il suo destino, per il momento non ci resta che attendere il 15 settembre.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari