Saturday, Oct. 16, 2021

Strategia

Scritto da:

|

il 30 Lug 2010

|

 

10 Cose da fare in una mano di Poker che non giochiamo attivamente

10 Cose da fare in una mano di Poker che non giochiamo attivamente

Area

Argomenti correlati

Durante un torneo di Poker Texas Hold’em vi capiterà molte volte di non partecipare attivamente al gioco e vedrete solamente i vostri avversari e il dealer muovere le loro mani. Se siete come me un giocatore abbastanza chiuso vi troverete a foldare più mani di quelle che giocate.

Questo tempo però può essere impiegato in maniera fruttuosa: avrete molto tempo libero nel quale poter essere produttivi facendo alcuni esercizi. Vediamo dieci modi diversi di usare questo “tempo libero” tra le mani che vorrete giocare e usarlo così a vostro vantaggio.

1) Contare l’ammontare del Piatto

So che può sembrare abbastanza squalificante (e soprattutto a chi gioca solo online inutile) ma vi giuro che non lo è. La grandezza del piatto spesso dovrà per forza di cose entrare nelle vostre decisioni, soprattutto in quelle più difficili. I giocatori esperti sanno contare in corsa le dimensioni del piatto nella loro mente senza alcuno sforzo perché hanno fatto veramente tanta pratica. Per qualsiasi altra persona però, contare il piatto può essere un lavoro difficile: abituatevi a farlo quindi anche quando non siete direttamente coinvolti nella mano. Dopo un po’ di tempo vi verrà naturale e questo è proprio lo scopo cui dovete tendere.

2) Tenere conto delle carte scartate

Questo è fondamentale per gli stud game, ove vi sono carte scoperte, ma siccome è una skill fondamentale per ogni gioco di carte preferisco menzionarla anche a favore di chi gioca solo texas hold’em.  Il saper contare le carte vi permette di costruire una forte capacità di memoria, che ovviamente è trasferibile in tutte le forme di poker e vi permetterà di ricordare più facilmente per esempio l’azione al tavolo e gli stili dei vostri avversari.

3) Ricreare l’azione della mano

Riavvolgete il nastro e provate a ricordare come si è sviluppata la mano. Per esempio immediatamente prima del flop dovreste ricordare: “il giocatore in terza posizione ha puntato 60 chips; il bottone ha chimato così come lo small blind e il big blind”. Provate a tenere la narrazione della mano nella vostra mente aggiungendo una parte della vostra storia alla fine di ogni giro di puntate. Così nel nostro esempio dopo il flop dovreste pensare “il giocatore in terza posizione ha fatto un minimum raise; il bottone ha chimato così come lo small blind e il big blind; dopo il flop, lo small blind e il big blind hanno fatto check, l’original raiser ha puntato 240 chips e tutti hanno foldato eccetto il big blind, che ha chiamato”.  Inizialmente vi servirà un po’ di pratica ma vi aiuterà a ricordare le giocate tipo dei vostri avversari quando sarete coinvolti in una mano.

4) Inquadrare lo stile dei giocatori

Osservate gli stili di ogni avversario, uno alla volta. Osservate chi è solito chiamare e chi è solito passare. Dopo un po’, provate a etichettarli come “loose” o “tight”. Ovviamente dovreste poi essere pronti a mutare la vostra idea durante il torneo, ma anche solo dopo una decina di minuti dovreste girare attorno al tavolo mentalmente e, partendo dall’avversario alla vostra sinistra, dire a voi stessi: “loose, loose, tight, loose, tight, loose, loose, tight”. Con un po’ di pratica dovreste modificare le vostre valutazioni con un’altra caratterizzazione, dividendo i vostri avversari in aggressivi o passivi, e poi mischiare queste due caratteristiche con le prime due in modo da poter considerare ogni giocatore o loose-passive, o loose-aggressive, o tight-passive o ancora tight-aggressive.

5) Assegnare Range agli avversari

Questo punto rappresenta un ottimo test per capire quanto buone siano le vostre capacità di osservazione e la vostra memoria. Usando le informazioni generate dall’osservazione, dovreste essere capaci di trarre conclusioni abbastanza verosimili sulla bontà delle mani dei vostri avversari, anche se non siete direttamente coinvolti nella mano.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

6) Prendere appunti sulle mani giocate in passato

Potete prendere appunti, anche se state giocando dal vivo. Usate il tempo in cui non siete coinvolti in una mano per ripercorrere su un foglio di carta le mani, le azioni, gli avversari incontrati e le decisioni che avete preso. Vi sarà utilissimo successivamente (anche a fine torneo) per ricanalizzare il vostro gioco e per scoprire quali errori avete fatto.

7) Prendere appunti sugli avversari

Se state, come vi ho suggerito, osservando i vostri avversari avrete molte informazioni che potranno esservi utili in futuro: non provate però a ricordare solo con la memoria tale informazioni. Dimentichereste tutto sicuramente e mischierete le varie informazioni. Usate il tempo che avete tra una mano foldata e l’altra per scrivere le caratteristiche osservate dei vostri avversari. Ancora meglio se riuscirete a scrivere note più dettagliate. Per esempio potreste scrivere: “giocatore tight pre-flop ma loose una volta entrato nel piatto” oppure “giocatore a cui piace fare continuation bet ma che passa se subisce un re-raise”.

8 ) Prendere appunti su noi stessi

Appuntatevi come vi può vedere un determinato giocatore magari perché avete visto bruttissime carte mentre eravate al tavolo con lui (e siete così apparsi come un giocatore estremamente tight, anche se non è il vostro gioco usuale) o perché siete stati beccati in bluff un paio di volte sempre dallo stesso avversario.

9) Farsi amico il giocatore alla nostra sinistra

Un giocatore amico alla vostra sinistra spesso crederà alle vostre puntate e non opererà su di voi continui rilanci. Ci sono milioni di modi per essere gentili al tavolo ed è importante voi lo siate con chi vi sta a fianco dalla parte sinistra del tavolo. Avere amico tale giocatore, vi darà un vantaggio strategico quando vorrete che egli giochi contro di voi in maniera soft.

10) Infastidire il giocatore alla nostra destra

Essere amici di tutti i giocatori al tavolo sarebbe l’ideale ma se non siete questo tipo di giocatore potete tranquillamente cercare di scuotere con il sarcasmo l’avversario alla vostra destra. Giocando alla sua sinistra potrete isolarlo qualora fosse in tilt o qualora giocasse in maniera poco corretta contro di voi proprio perché l’avrete infastidito.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari