Wednesday, Jul. 15, 2020

Strategia

Scritto da:

|

il 4 Set 2010

|

 

Profili: il caller passivo, calling station

Profili: il caller passivo, calling station

Area

Il caller (detto anche calling station, stazione di chiamata, chiamatore) entra nel piatto preflop con la maggior parte delle mani e arriva troppo spesso fino al river facendo raramente bet lungo il suo cammino e chiamando quasi sempre a qualunque scommessa. Questo giocatore, anche con un punto decente dal flop al river, tende a lasciare che siano gli altri a scommettere per lui, preferendo il call passivo.

Di solito un tavolo con due o tre di questi giocatori è molto profittevole.
Lo vedrai spesso giocare preflop con AA…22 o AKs…A2s e non c’è da meravigliarsi se a volte lega punti forti ingannevoli e illeggibili.

Elementi di forza:

L’ unico elemento di forza del caller è che quasi sempre la sua mano è sconosciuta in quanto gioca praticamente tutto.
Bluffare un caller è praticamente impossibile e questo fatto dimostra che anche se il bluff è un arma potentissima nel poker, contro questo giocatore non ha alcun senso: la nostra bet verrà chiamata la stragrande maggiornaza delle volte.

Elementi di debolezza:

Un caller non può spremere al massimo lo stack un avversario. Rinunciando a rilanci con mani legittime, egli commette una serie di errori :
rinuncia alla vincita probabile di una ulteriore bet (small o big bet), non testa gli avversari, non protegge sufficientemente il suo punto , non riduce il numero di giocatori in gioco quando dovrebbe.

Passare.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

A ogni rilancio di un caller si dovrebbe passare.
Egli non ama rilanciare, neanche con mani decenti, quindi il momento in cui lo fa, dovremmo essere molto cauti, molto probabilmente ha un punto forte.
Di solito i callers non sono creativi e dovremmo quindi tendere ad un fold ogni volta che rilanciano, anche quando il flop o il turn sembrano innoqui.

Chiamare.

Difficilmente si ha la necessità di chiamare un caller in quanto sono loro che fanno call ad un nostro bet. Se il caller, invece di passarci la parola con un check, scommette lui stesso, allora similmente a quanto detto riguardo ad un suo rilancio, dovremmo essere inclini al fold.

Scommettere.

Di solito quando facciamo bet, otteniamo due risultati: rendiamo più grande il piatto e facciamo passare gli avversari. Contro un caller tuttavia, il secondo risultato è difficile da otterere visto che egli preferisce fare call che fold. Quindi dovremmo cercare di fare bet quando vogliamo rendere il piatto più grande e non con la speranza di rubare subito: un caller chiama sempre, cerchiamo di evitare bluffs e semibluffs e facciamo scommesse di valore.

©2006, Antonio G., Italiapokerclub™

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari