Wednesday, Oct. 16, 2019

Strategia

Scritto da:

|

il 23 Lug 2010

|

 

Bluffare con l’Asso al turn

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Bluffare con l’Asso al turn

Area

Ci troviamo in Middle Position con una coppia di due, rilanciamo ed otteniamo il call del big blind. Cade un flop T-High e rainbow. Il nostro avversario va in check e noi effettuiamo una continuation bet; BB chiama.

Il Turn è un asso. Questa potrebbe sembrare la carta ideale per effettuare un bluff ma… non lo è! Ci sono due principali ragioni che stanno dietro a questa decisa affermazione:

  • Su un flop T-High, saranno molti i giocatori che effettueranno un float sul flop con mani all’asso.
  • Molto spesso quando qualcuno chiama da fuori posizione su un board T-High rainnbow ha accoppiato una carta. Poiché molti players, più o meno skillati, giocano spesso mani come Ax, la caduta di questo asso sul board potrebbe addirittura aver regalato al nostro avversario una doppia coppia.

Su un flop T73 molto spesso vi troverete a giocare contro mani come A7, A3 o 76, 89. L’asso al turn spaventerà chi ha floppato una coppia più bassa, ma è necessario rendere credibile il nostro bluff, che lo sarebbe molto di più se avessimo scelto di propendere per un check-behind sul flop, per poi uscire in bet al turn, alla caduta dell’asso.

Al contrario, se foste stati voi ad essere entrati in un piatto con Ax, ed aveste accoppiato al Turn, sarebbe preferibile effettuare un check-behind sul turn anziché uscire puntando. L’asso è una buona bluffing-card proprio perché ottiene spesso il fold delle under-pair, e dunque anche quando lo avrete realmente otterrete poca action contro le mani peggiori.

Dall’altro lato, otterrete invece molta action da assi con kicker più forti del vostro e mani migliori, che potrebbero costringervi al fold o farvi del male. Dunque, quando accoppiate un Asso al turn la miglior scelta è indubbiamente quella del check, per poi uscire in bet sul river. Così facendo spesso otterrete il call dalle mani peggiori, che avrebbero invece foldato al turn (anche per paura del turn-leverege).

Se in mano avessimo avuto un Ace-King, Ace-Queen, la miglior opzione sarebbe invece stata quella di puntare sul turn. Questo perché AK, AQ, sono mani che estraggono il loro miglior profitto contro i giocatori ostinati che non mollano il loro asso con weak-kicker.

Talvolta invece, se abbiamo il presentimento che il nostro oppo possa aver accoppiato anche il kicker (poiché non è un giocatore che ama il floating sul flop), può essere utile checkare anche con AK, AQ, per pot-controllare il piatto e limitarci ad un call sul river.

Praticamente con questa strategia, il vostro gioco sembra essere invertito: punterete con le mani peggiori e farete check-back con molti dei vostri assi.

Contro i giocatori che scopriranno il vostro gioco, non dovrete che ri-invertire questa strategia per portarvi a casa dei grossi piatti, in quanto questi leggeranno debolezza nella vostra bet sul turn e tenteranno di estromettervi con un raise, a cui voi risponderete con una mano reale!

Con le mani peggiori farete invece un bluff ritardato, ovvero farete check al turn, per uscire in bet sul River, mimando così un asso con weak-kicker, che in realtà non avete.

Occhio però, perché se quest’ultimo bilanciamento di bluff ritardati è estremamente profittevole contro giocatori pensanti, non lo è contro…chiamiamoli “gli altri”. Questi, se vi vedono puntare sul turn, penseranno immediatamente che avete l’asso e folderanno, ed allo stesso modo se checkate il turn con una coppietta per uscire in bluf sul river, penseranno “Non ha puntato sul turn quindi non ha l’asso” e chiameranno il vostro bluff con una middle pair.

Per schematizzare e riassumere:

  • Dopo aver raisato preflop e ricevuto un call alla nostra continuation-bet, un asso sul Turn rappresenta una decente opportunità di bluff. Uso la parola decente perché mentre per noi è molto facile rappresentare un asso, quello stesso asso avrà spesso aiutato realmente la mano del nostro avversario.
  • Quando siamo noi ad avere l’asso con un weak-kicker fare check è la migliore opzione perché puntando faremmo foldare tutte le mani peggiori e troveremmo azione solo dalle mani che ci battono, e dunque cercare di ottenere un po’ di action sul solo river è la strategia migliore.
  • Qualora qualcuno capisca il nostro gioco, se e solo se questi è un giocatore pensante, invertiremo la strategia ed effettueremo dei delayed-bluff.

GG

TomRight

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari