Wednesday, Dec. 2, 2020

Strategia

Scritto da:

|

il 25 Ott 2020

|

 

Quando il tilt è davvero deleterio per il futuro di un giocatore

Quando il tilt è davvero deleterio per il futuro di un giocatore

Area

Vuoi approfondire?

Un nemico invisibile, ma assai deleterio per ogni giocatore di poker: il tilt. Con il termine tilt si descrive generalmente una reazione emotiva ad una “bad beat” in una partita di poker.

Il controllo del tilt è un fattore preponderante nel determinare la quantità di profitti che un giocatore di poker può ottenere e per i meno bravi può essere la principale causa di ingenti perdite.

La forma più comune di manifestazione del tilt è equivalente a una scarica di rabbia o all’improvvisa necessità di vendicarsi di un altro giocatore. Questo tipo di atteggiamento cambierà radicalmente il vostro gioco al tavolo facendovi effettuare puntate mal calibrate, giocando mani sbagliate, inseguendo la fortuna per cercare di recuperare le proprie perdite.

In questi momenti è impossibili giocare un poker solido e analitico.

Da tilt a valore atteso

Ma il tilt si può manifestare in una forma ancor più pericolosa per il giocatore a seguito di una serie prolungata di bad beats. Il giocatore assume un atteggiamento rassegnato nei confronti del gioco e a ogni mano in cui entra si aspetta di perdere, portandolo a giocare a poker in modo passivo anche con mani molto forti.

Questo genere di forma è molto più grave in quanto porta a periodi duraturi di gioco passivo al contrario della prima che si esaurisce in genere nel giro di un singolo torneo

Comprendere queste e riconoscere questi atteggiamenti è il primo passo per evitare il tilt, ma sicuramente la miglior cura è quella di afffidarsi alla matematica e al valore atteso.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Nel poker raramente si giocano mani con percentuale di vittoria del 100% e se abbiamo perso una mano all’ 80% significa che  in 4 casi su 5 quella mano la si vince, ma la statistica è valida su un campione significativo di mani e nel breve potrebbe anche succedere di perderla per 3 volte consecutive.

Gestione Bankroll nel tilt

Per questo motivo si parla di gestione del bankroll. Nessun giocatore di Poker investirebbe tutti i propri soldi in una mano all’80%, magari ci si può giocare una singola sessione di gioco in una mano del genere e per questo stesso motivo che non vi capiterà mai di innervosirvi e tiltare quando state giocando un sit da 5 euro sapendo di avere nel vostro bankroll 200-250 euro, ma se vi state giocando gli ultimi 50 euro in un singolo sit allora la sconfitta potrebbe avere questo genere di effetti indesiderati.

L’inclinazione naturale è qualcosa che difficilmente si corregge, ma in molti casi si può limitare ed è per questo che praticamente tutti i giocatori nella loro carriera hanno vissuto delle fasi di Tilt ed è per questo che ogni buon giocatore ha sempre pronto un piano per la gestione di questi momenti.

Il modo migliore è sempre quello di smettere di giocare e godersi una bella pausa rilassando il nostro cervello con altre attività e tornando a giocare quando ci si sente pronti. Alcune persone riescono a superare questi momenti cambiando sito per qualche tempo e lanciandosi su una nuova poker room con una nuova personalità.

Il punto fondamentale per ogni giocatore è limitare al minimo i danni derivanti da questi periodi no perché in molti casi si può arrrivare a distrugggere il proprio bankroll.

Aspetti fondamentali

Ecco alcuni importanti suggerimenti che possono risultare utili:

  • Non tenete tutto il vostro bankroll nel conto della poker room, ma depositate delle quote predeterminate che vi permettano di giocare al livello prefissato.
  • Ricordate di valutare attentamente le mani che avete perso perché molte di quelle che voi pensate essere delle bad beats in realtà potrebbero non esserlo: se andate allin preflop con 7-7 contro A-Q std e prendete il set al flop, ma il vostro avversario chiude colore al river ricordate sempre che le percentuali di partenza erano del 50% a testa.
  • Se venite buttati fuori dal torneo da un’ avversario che fa una pessima chiamata e becca una carta fortunata al river e sentite la rabbia crescere in voi, provate ad aprire un tavolo o due da 0,5 cents e andare allin ogni mano, questo potrebbe aiutare a sciogliere la tensione e perderete solo 0,50 cents.
  • Se siete andati  in tilt e volete sapere se potete tornare a giocare, considerate un buon sintomo quando perdete una mano e riuscite a scrivere “nh” al vostro avversario senza risentimento nei suoi confronti.
  • Abbiate sempre degli accessori non costosi e non dannosi di fianco al vostro pc, perché in caso di bad beats e di accesso di rabbia eviterete di perdere ulteriori soldi facendo qualche gesto folle.
  • Tenete traccia delle vostre mani con software e nel caso di bad beats andare a riguardarsi le statistiche per vedere che è stat solo una delle tante e non c’è nessun complotto da parte delle poker rooms.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari