Monday, Nov. 28, 2022

Strategia

Scritto da:

|

il 22 Ott 2022

|

 

Una bussola per giocare il Sunday Million

Una bussola per giocare il Sunday Million

Area

Vuoi approfondire?

Due settimane al Sunday Million. Sale la febbre per il torneo da un milione garantito in arrivo il prossimo 6 novembre.

Sicuramente gli iscritti in cerca del big shot renderanno il field oceanico.

Vediamo come orientarsi al meglio: la stella polare ci fa massimizzare le possibilità di arrivare in fondo al torneo e, vista la formula PKO, incassare le taglie avversarie.

 

Day 1

La prima giornata del Sunday Million è caratterizzata da una giocabilità estrema, con livelli da 20 minuti di durata. Allo shuffle up virtuale lo starting stack di 50 mila chips equivale a 250 bb.

Abbastanza per entrare in tanti piatti in posizione con suited connectors, anche one-gap, e con tutte le coppiette, in particolar modo se vi sentite abili nel gioco postflop. Quando legano bene sul board, nei tornei KO queste combinazioni possono portare a incassare le taglie avversarie, oltre a vincite cospicue in chips come succede anche nei tornei freezeout.

In tal senso vale la pena allargare i range preflop di call in posizione quando nella mano sono entrati uno o più giocatori che copriamo in chips. Viceversa, quando lo stack effettivo è il nostro, e quindi siamo impossibilitati a incassare la taglia avversaria, è preferibile un approccio un filo più conservativo.

Nel gioco postflop è consigliabile non innamorarsi troppo delle monster, in particolare se i piatti sono multiway: per le ragioni di cui sopra, se vi trovate ad affrontare action particolarmente aggressive quando gli stack sono molto profondi, è assai possibile che una overpair non sia buona.

Man mano che i blinds saliranno, e la dotazione in bb degli stack scenderà, diminuiranno gioco postflop e multiway pot. In questa fase diventano fondamentali gli steal per aggredire la deadmoney.

 

Day 2

Nella seconda giornata di gioco i blinds scenderanno a 15 minuti di durata. Il torneo manterrà comunque una giocabilità estrema, ma rispetto al day gli steal dovranno avere sempre più voce in capitolo.

Ricordatevi di aggiustare i range in funzione della situazione specifica del tavolo. Tenendo sempre a mente che la vostra taglia può fare gola agli avversari che hanno più chips di voi, non esitate ad andare all-in con carte che dominano i range avversari che, giocoforza viste le taglie, saranno ben più larghi rispetto a un torneo freezeout.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Se doveste avere la fortuna di arrivare agli ultimi tavoli, cercate di dare una bella ripassata all’ICM senza farvi ingolosire troppo dalle taglie, che a quel punto del torneo saranno ben consistenti.

Per arrivare alla vittoria finale, seguire i dettami dello stack management è fondamentale.

 

I calcoli sul valore atteso con le taglie

Vista la formula progressive KO, è di fondamentale importanza calcolare bounty factor e bounty discount del torneo (qui trovate una spiegazione di Giada Fang).

Ma quanto incidono le taglie sui calcoli del valore atteso? Per vederlo dobbiamo iniziare a estrapolare il valore in chips di una taglia.

Secondo le indicazioni di Greg ‘fossilman’ Raymer, la taglia di ogni giocatore all’inizio del torneo vale 25 mila chips. Questo perché i 225€ di buy-in vengono divisi equamente tra montepremi normali e taglie: le 50 mila chips di partenza valgono 122,5€, mentre sul montepremi delle taglie questo ammontare viene diviso tra la taglia incassata dal killer e la taglia progressiva che va ad accumularsi sulla sua testa.

Supponiamo che un giocatore vada all-in alla prima mano del torneo, noi spilliamo una coppia di donne e dobbiamo decidere cosa fare.

In un torneo normale, dovremmo mettere il nostro stack di 50 mila chips con la prospettiva di vincerne 100 mila, per un punto di break even point del call del 50%.

Al Sunday Million, invece, per chiamare l’all-in dovremo mettere il nostro stack di 50 mila chips con la prospettiva di vincere 100 mila chips più le 25.000 della taglia avversaria.

In questo caso dunque il punto di break-even del call è pari a 50.000/(50.000+50.000+25.000)=0,4%. Rispetto a un torneo normale, quindi, chiamare un all-in alla prima mano del Sunday Million presenta odds più favorevoli di dieci punti percentuali per la presenza delle taglie.

Ovviamente questa addizione in chips al calcolo del valore atteso deve essere effettuata solamente quando siamo nelle condizioni di incassare una taglia, ossia quando la nostra dotazione in chips è superiore a quella avversaria.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari