Sunday, Jan. 29, 2023

Strategia

Scritto da:

|

il 27 Dic 2022

|

 

500 ore o 100.000 mani: quanto dura il lungo periodo?

500 ore o 100.000 mani: quanto dura il lungo periodo?

Area

Quante volte avrete letto su questo portale che i parametri di un giocatore vincente, ma anche perdente, vanno commisurati dopo un congruo volume di tempo e, soprattutto, di produzione di gioco e di colpi giocati.

Ma in virtù di questa nozione che non ci stancheremo mai di ripetere, poiché il breve periodo è  influenzato dalla varianza in maniera troppo incisiva per trarne delle conclusioni supportate da un ragionamento che fila,  la domanda che ci si deve porre soprattutto quando attraversiamo quei tremendi periodi di magra, è “quanto dura sto lungo periodo?“.

La durata del lungo periodo

Ho pensato a questo articolo trovando un pezzo nell’archivio di Pokernews, scritto alcuni anni da uno degli autori che apprezzo i più a livello internazionale, Ashley Adams, che collaborava con il portale più conosciuto al mondo e che ha ristretto ultimamente parecchio le sue produzioni di articoli.

In quella occasione Adams si era posto il problema di rispondere alla domanda che più spesso appassiona i pokeristi di tutto il mondo e che fa capo alla durata del lungo periodo nel poker.

Sanno che tutti i giocatori attraversano dei momenti in cui sono caldissimi e altri in cui lo sono meno, in virtù della loro run momentanea. Questo produce il solito risultato: devono convincersi di non fare affidamento sui risultati a breve termine quando giudicano il loro gioco.

Ma cos’è esattamente il lungo periodo? E come lo sapranno quando ci saranno arrivati? In poche parole, quanto tempo ci vuole prima che si possa attribuire il profitto nel poker all’abilità piuttosto che alla fortuna?

Non esiste una risposta definitiva. Questo perché non esiste un segno temporale definitivo che designi un certo periodo come il lungo periodo. Come nella maggior parte delle cose nel poker, la risposta è relativa.

La prima differenza tra live e online

Nei casinò fisici in cui i giocatori giocano solo una mano alla volta, la regola empirica è generalmente che 500 ore di gioco sono un importo ragionevole da considerare nel “lungo periodo”. Cioè, se avessi una percentuale di vincita oraria dopo 500 ore (ad esempio), potresti considerarti un giocatore vincente nel complesso. In questo caso per dare una definizione di giocatore “vincente”, non andrebbe considerata una base di partenza e una di arrivo, dove quella di arrivo denota una cifra di colore verde, quindi di profitto.

Dopo 500 ore di gioco andrebbe semmai calcolata la base oraria di vincita di tale profitto per capire se le cose stanno andando per il meglio.

Con il poker online, dove i giocatori possono giocare molte mani contemporaneamente, e quindi cento (o centinaia) di mani ogni ora, il lungo periodo è misurato dal numero di mani più che dalle ore di gioco (poiché il numero di mani giocate in un’ora varia al variare dei tavoli aperti).

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Con questo in mente, alcuni seri giocatori online hanno suggerito che 100.000 mani siano considerate il “lungo periodo”.

Giocare 100 mani all’ora, significa giocare poco meno di sei mesi se si gioca full time o quasi, 40 ore alla settimana. Se sei in positivo a quel punto, è generalmente considerata una conclusione equa se stai “battendo il livello” non con il solo beneficio della fortuna.

Questi numeri possono funzionare come linee guida generali. Ma a dire il vero, ci sono alcuni difetti essenziali nell’applicare anche queste stime approssimative.

Non tutto è oro ciò che luccica

Prima di tutto, tali numeri presumono che sia tu che i tuoi avversari stiate giocando a un livello di abilità costante per l’intera dimensione del campione. Ma tu? Puoi davvero dire che il tuo gioco è allo stesso livello di sei mesi o un anno fa?

Allo stesso modo con i tuoi avversari. Sono davvero allo stesso livello di un anno fa o giù di lì? Se, ad esempio, sei migliorato durante le 500 ore di poker dal vivo o le 100.000 mani di poker online che hai giocato, allora forse i tuoi risultati più recenti sono un’indicazione migliore della tua abilità relativa – e quindi della tua capacità di vincere – di quanto sarebbe l’intero risultato medio.

Inoltre, e forse più preoccupante, se il livello medio di abilità dei tuoi avversari sta migliorando (poiché i cattivi giocatori abbandonano il gioco, per esempio), allora i tuoi risultati medi sul campione potrebbero gonfiare artificialmente il tuo vantaggio contro i tuoi attuali avversari. Il fatto che dopo 500 ore sei in profitto, potrebbe effettivamente essere un indicatore fuorviante della tua futura capacità di battere i giocatori migliorati nel gioco.

Cosa deve fare un giocatore, allora? La risposta non è né semplice né confortante. Mentre le regole empiriche approssimative possono dare al giocatore riflessivo un quadro generale del fatto che lui o lei sia un giocatore vincente o perdente, l’osservazione di tali parametri di riferimento non sostituisce il regolare esame del tuo gioco e le decisioni che prendi al tavolo.

Indipendentemente dal fatto che i tuoi risultati nel breve o nel lungo termine siano positivi o negativi, devi costantemente rivedere e giudicare le singole decisioni che hai preso nel modo più obiettivo possibile. Questo è l’unico vero modo per valutare il tuo gioco.

Liberamente tratto da Pokernews per Ashley Adams

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari