Sunday, Jan. 29, 2023

Strategia

Scritto da:

|

il 19 Gen 2023

|

 

Multitablare da novizi: i consigli e il momento giusto per iniziare

Multitablare da novizi: i consigli e il momento giusto per iniziare

Area

Nonostante il poker sia diventato alcuni anni fa un movimento di massa che non ha bisogno di alcuna presentazione, i giocatori che cominciano a cimentarsi nella disciplina del Texas Hold’Em e del poker moderno in generale, non accenneranno a diminuire da qui a parecchi anni in tutto il mondo.

In più di un’occasione abbiamo assistito ai consigli dei giocatori più anziani, che mettono sempre al riparo i “novizi” dalla smania di voler vincere tutto e subito.

I gradi e il multitabling

Se vogliamo riferirci al poker online, le prime fasi della nostra carriera pokeristica, durante la quale gli sbocchi saranno sempre diversi e imprevedibili, necessitano di una mano più esperta che ci accompagni.

Ma anche se dovessimo procedere da soli senza una guida, il percorso è spesso il medesimo. Si inizia con un solo tavolo alla volta, si prova a capire quali delle specialità possano maggiormente fare al caso nostro e, infine, si decide di cominciare ad aumentare il numero dei tavoli che apriamo per ognuna delle nostre sessioni.

Ma quali sono i consigli per affrontare al meglio il cambio delle nostre marce in relazione al numero dei tavoli?

Quando iniziare?

Intanto quando è giusto cominciare ad aumentare il numero dei tavoli sui quali giochiamo?

Non esiste, un po’ come tutti i mattoni che contribuiscono a formare un giocatore di poker, una risposta unica. Di sicuro non è mai consigliabile farlo senza una ragione, giusto perché l’idea è quella di giocare un po’ di più.

L’input decisivo deve arrivare quando ci accorgiamo di riuscire ad essere a nostro agio e battere quel determinato livello nel quale stiamo battagliando. Sarebbe infatti piuttosto stupido farlo quando stiamo perdendo, non otterremmo altro risultato che quello di moltiplicare le nostre sconfitte per il numero dei tavoli che apriamo e diminuire molto più velocemente il nostro bankroll, fino a prosciugarlo del tutto.

Il cambio deve avvenire quando vogliamo vincere di più e possiamo farlo, non perdere i massimi.

È comprensibile che l’attesa tra una mano e l’altra si dilati quando stiamo monotablando, ma alle prime armi non si può pensare di aprire il fuoco con 7/8 tavoli alla volta, senza aver appreso appieno le dinamiche di un solo tavolo.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Aggiungere un tavolo alla volta

D’altro canto, una volta che raggiungiamo la consapevolezza di poter battere il livello e poter giocare su più fronti, l’errore che si può fare e quello di aggiungere più di un tavolo alla volta.

Ci accorgeremo di passo in passo se saremo in grado di aumentare il numero dei tavoli stessi, ma mai senza esagerare, mai con l’idea di aumentare i tavoli a dismisura.

Lo scopo primario è quello di sviluppare abilità e strategie corrette, ancora prima di quella fase che ci serve per imparare a prendere le nostre migliori decisioni in un lasso di tempo piuttosto ridotto.

A parte matematica, calcolo delle odds, delle pot odds, riconoscimento dei range avversari, uno sguardo ai software di supporto, la concentrazione è il punto focale di tutto il discorso e se ci rendiamo conto di non essere al massimo della nostra concentrazione in ogni singolo colpo che giochiamo, allora è meglio evitare di aumentare i tavoli in cui giochiamo.

Le strategie ai tavoli

Non sono in pochi a commettere l’errore di giocare in maniera diversa ognuno dei tavoli che apriamo, soprattutto quando abbiamo iniziato a giocare da poco.

Non è un segreto che chi ha cominciato da breve tempo, pensi di poter avere le risposte adatte a tutti i quesiti che nemmeno in 10 anni di poker si possono risolvere.

Di più: per ogni quesito che il poker ci mette d’innanzi, non esiste una risposta al 100% esatta, a meno che non si esplorino strategie di gioco piuttosto avanzate, come la GTO ad esempio, ma per quella servono anni e anni di allenamento e sessioni.

Inoltre non è molto consigliabile, sempre alle prime armi, mischiare le discipline l’una con l’altra. Aprire un paio di tavoli di Hold’Em e, ad esempio, un altro paio di Pot Limit Omaha, potrebbe indurre in errore il giocatore che non ha tantissime ore e mani alle spalle.

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari