Friday, Nov. 15, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 24 Giu 2012

|

 

WSOP 2012 – Norman Chad, voce ESPN, va ITM!

WSOP 2012 – Norman Chad, voce ESPN, va ITM!

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Norman Chad entra nella sala stampa del Rio col passo trafelato, parlando al cellulare di una complicatissima mano di stud hi-lo giocata dall’ucraino Oleksii Kovalchuk durante l’evento 42 delle Wsop, un 2.500 dollari che mixa omaha hi-lo e stud hi-lo.

Stavolta però il simpatico baffo della California, da anni seconda voce delle trasmissioni della Espn sulle World Series of Poker, non veste gli abituali panni del commentatore televisivo (usualmente abbinati a delle giacche dal taglio e colore improbabili, come non mancano mai di notare Maurizio Caressa e Riccardo Lacchinelli nei loro commenti su PokerItalia24). Veste invece i panni dell’ ”oppo”, dell’altro giocatore nella mano, associati ad una giacca scura assai più presentabile di quelle “da lavoro”.

Norman, chi l’ha vinto poi quel colpo con Kovalchuk?

“Abbiamo diviso il piatto. D’altronde si giocava ad omaha hi-lo. Però avrei dovuto vincerne almeno tre quarti, di quel pot. Comunque va bene così. Sono lo stesso arrivato tra i 36 giocatori a soldi, e non posso lamentarmi dato che non faccio il giocatore di professione”.

Quanti in the money hai ottenuto alle World Series?

“E’ il terzo (fa segno con le dita alla maniera americana, chiudendo a “o” pollice e indice ed estendendo medio, anulare e mignolo, ndr). Su ventidue tentativi. Quindi oggi è una gran giornata. Speriamo lo diventi ancora di più”.

In che discipline hai ottenuto i tuoi migliori risultati?

“Sempre omaha o stud. Che sono tra parentesi le uniche che gioco, perché a hold’em non posso competere con questi ragazzini. A hold’em faccio davvero schifo. La cosa ironica è che per la Espn io faccio il commentatore di poker parlando solo di hold’em. E ripeto che a quel gioco non valgo proprio nulla”.

Fai il giornalista di poker full-time?

“No, lavoro per la Espn solo per 5-6 mesi all’anno. Quelli in cui sono coinvolto a lavorare sul format sulle World Series. Per il resto faccio l’editorialista sportivo per diverse testate nella città in cui vivo, Los Angeles”.

Di quali sport ti occupi?

“Tutti in realtà. I miei pezzi hanno sempre un taglio umoristico e distaccato dall’aspetto tecnico, un po’ come faccio per la Espn col poker”.

Giochi spesso a poker?

“Abbastanza, ma solo per divertirmi. Ovviamente non on line, ma solo nelle poker room di LA. E poi qualche volta vengo qui a Las Vegas per misurarmi coi  migliori alle World Series, ma senza pretese”.

Al tavolo sei divertente e brillante come davanti al microfono?

“L’idea è quella. Ci provo. Mi piace star bene con la gente e vedere che per loro è lo stesso con me”.

Al tavolo pensi di essere meglio come intrattenitore o come giocatore?

“Probabilmente come intrattenitore. A meno che non vinca il braccialetto…”.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari