Thursday, Oct. 24, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 11 Lug 2019

|

 

WSOP 2019: aggrappati a Dario Sammartino nel Main Event, out Marinelli e Petroni

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

WSOP 2019: aggrappati a Dario Sammartino nel Main Event, out Marinelli e Petroni

Area

Vuoi approfondire?

Dario Sammartino ci sarà al day 6 del “$10.000 main event” delle WSOP 2019. Ma rischia seriamente di essere l’unica buona notizia, in una giornata poco felice per i nostri colori. Appena 10 big blind vanno a formare lo stack del partenopeo, il quale dovrà attaccare come se non ci fosse un domani per ricucire le distanze.

Un day 5 davvero infelice per i giocatori italiani. La speranza però è l’ultima a morire e gli 860.000 gettoni di Dario Sammartino potrebbero diventare qualcosa di più importante.

Il day 5 è tutto l’opposto della quarta giornata. Se ieri i nostri giocatori erano cresciuti in maniera costante, oggi faticano e non poco a risalire la china nel count. Soprattutto Dario Sammartino e Dario Marinelli sembrano sulle montagne russe, con Giovanni Petroni piegato di fatto in due mani. Quest’ultimo non concede molti sussulti nella prima parte della quinta giornata, poi il penultimo livello si rivela fatale.

Prima perde oltre 60% delle chips in un 3way pot che vede l’azzurro soccombere al set di 5 di un rivale. Poi rimasto con 800 mila unità tenta il tutto per tutto con A-J, ma Sam Greenwood mostra il disco rosso con A-Q. Giovanni Petroni è dominato dall’inizio alla fine della mano. Si avvia alle casse come 155° classificato e incassa un confortante assegno da 59.295 dollari.

Dario Marinelli come detto, sale e scende nel count. Prima sembra sprofondare quando sbatte su A-A, poi vola addirittura sopra i 4 milioni: finisce in allin con K-Q e dall’altra parte lo domina Brian Park con Q-Q. Un king face card ribalta tutto e l’azzurro riprende quota.

Ma è una sorta di canto del cigno per Marinelli, il quale a ridosso dell’ultimo break di giornata mette le ultime chips al centro del tavolo con 10-10 e rimbalza su K-K di Lars Bonding. Per il player italiano è quindi l’ora dei saluti e alle casse va a ritirare 59.295$ per la 132° piazza.

Resta in gioco solo Dario Sammartino per l’Italia. E’ l’ultimo baluardo azzurro, in una giornata assai complicata anche per un fenomeno come “MadGenius87“. Il partenopeo non sembra trovare la chiave di svolta nel day 5 e scende in maniera pericolosa nel count. Poi nel momento decisivo si trova dalla parte giusta del cooler e con A-A trova il raddoppio vs Q-Q di Michael Lech.

Il finale però non sarà dolcissimo per Dario Sammartino. Se da una parte può essere contento di aver intascato il pass per il day 6, dall’altra sa che dovrà attaccare fin dalla prima mano, visto che nella sua busta ci sono appena 860.000 gettoni. Tradotti in big blind, stiamo parlando di 10 grandi bui. Serve un cambio di rotta netto per risalire la china e vivere con meno ansia la sesta giornata. Le qualità ci sono tutte, sperando che la fortuna non volti le spalle al partenopeo.

In testa al count detta legge lo scatenato Timothy Su. Mette assieme la bellezza di 19.235.000 pezzi e soprattutto crea un solco netto, fra lui e il resto della truppa. Tanto per rendere l’idea, al secondo posto c’è l’immenso Sam Greenwood a quota 11.950.000 chips. Chiude il podio virtuale Duey Duong (11.765.000), mentre nella top ten c’è posto per Romain Lewis (10.600.000).

Prosegue il sogno di Daniel Hachem: l’australiano, figlio di Joe Hachem campione del mondo 2005, imbusta 6.765.000 unità e fra un pezzo di pizza e l’altro, scala altre posizioni. Poco dietro è la volta di Antonio Esfandiari, il quale ha dalla sua 6.630.000 fiches. Al day 6 ci vanno anche Alex Foxen (2.665.000), Eric Cloutier (2.100.000), Jeff Madsen (1.795.000), Jake Schindler (1.390.000) e l’ex leader del day 3 Preben Stokkan (1.100.000).

Il day 6 decolla alle 12 di Las Vegas, quando in Italia saranno le 21.00. Si riprende dall’altra metà del livello 26, 40.000-80.000 big blind ante 80.000, per scendere fino a 27 left.

La top 10 del count

  1. Timothy Su 19,235,000
  2. Sam Greenwood 11,950,000
  3. Duey Duong 11,765,000
  4. Warwick Mirzikinian 11,430,000
  5. Luke Graham 11,280,000
  6. Nicholas Marchington 10,835,000
  7. Milos Skrbic 10,715,000
  8. Romain Lewis 10,600,000
  9. Laurids Nielsen 9,955,000
  10. Ian Pelz 9,635,000

Il redraw di Sammartino

89 Justin Harvell Nashville, TN, US 5,105,000 Amazon / 472 / 1
90 Marcelo Cudos Rosario, AR 5,055,000 Amazon / 472 / 2
91 Daniel Kirsch TORONTO, ON, CA 2,775,000 Amazon / 472 / 3
92 Dario Sammartino Nova Gorica, IT 860,000 Amazon / 472 / 4
93 Christopher Ahrens Malkenbach, , DE 1,805,000 Amazon / 472 / 5
94 Antonio Esfandiari Las Vegas, NV, US 6,630,000 Amazon / 472 / 6
95 Mihai Manole BUCHAREST, , RO 5,685,000 Amazon / 472 / 7
96 Chris Hunichen COLUMBIA, SC, US 6,280,000 Amazon / 472 / 8
97 Corey Burbick DAVIE, FL, US 2,590,000 Amazon / 472 / 9

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari