Sunday, Feb. 25, 2024

Poker Live

Scritto da:

|

il 7 Dic 2023

|

 

Poker Live: Fungo spunta all’EPT Praga, Maria Ho sfiora il bracciale per il WSOP Paradise

Poker Live: Fungo spunta all’EPT Praga, Maria Ho sfiora il bracciale per il WSOP Paradise

Area

Vuoi approfondire?

E’ iniziato l’EPT Praga e il €1.100 Main Event Eureka presenta il primo azzurro che sbarca al day 2 (con la certezza di essere a premio): Mauro Fungo. In attesa ovviamente degli altri round.

Alle WSOP Paradise Bahamas, primi due bracciali assegnati, tra Mystery e Millionaire Maker. Nel torneo con le taglie misteriose si ferma a due passi dal trionfo Maria Ho: per la californiana c’è la medaglia di bronzo.

Vediamo nel dettaglio.

EPT Praga: Fungo unico azzurro nell’Eureka

Si alza il sipario all’Hilton Hotel per l’EPT Praga. La storica tappa del circuito illumina la Repubblica Ceca e come suo solito la partenza è affidata al €1.100 Main Event Eureka. L’obiettivo è battere il record dello scorso anno, quando in 4.017 si diedero appuntamento nella capitale per mettere le mani sulla picca.

Agli archivi i primi due round, con 304 ingressi nel day 1A e 122 nel day 1B, quando restano da giocare quattro flight di qualificazione e il numero di paganti recita per il momento 426: in 45 completano il giro di boa nel day 1A e altri 18 nella versione turno della sera per il day 1B. Questo significa che sono 63 coloro che approdano sia al day 2 e sia in zona premi.

Un solo italiano fra i giocatori che mettono in tasca il doppio pass. Si tratta di Mauro Fungo che si tiene nella zona medio alta del count, per il primo round e lo troviamo a quota 253.000, quando in testa alla graduatoria del day 1A c’è Mircea Flutur con 772.000 pezzi. Nel day 1B il leader della corsa è Ondrej Goetz: il padrone di casa va in fuga con 514.000 unità.

EPT Praga: un Mistery per pochi

In contemporanea al main event Eureka, all’EPT Praga è decollato il €10.200 Mystery Bounty che ha attirato per il momento appena 17 giocatori. Un numero molto basso e sul quale crediamo influisca anche la contemporaneità con le WSOP Paradise. Sta di fatto che appena 9 player sbarcano al final day, con la late registration aperta ancora per due livelli. Comanda le operazioni Deividas Daubaris a quota 553.500 unità, mentre Steve O’Dwyer è sul fondo del count con 59.000 gettoni.

Il count ufficiale

1 Deividas Daubaris Lithuania 553,500 185
2 Pablo Brito Silva Brazil 384,000 128
3 Hwany Lee South Korea 215,000 72
4 Robbie Toan Ireland 153,000 51
5 Teun Mulder Netherlands 126,000 42
6 Niklas Astedt Sweden 90,500 30
7 Aliaksandr Shylko Belarus 67,000 22
8 Steve O’Dwyer Ireland 59,000 20
9 Yulian Bogdanov Bulgaria 53,000 18

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

WSOP Paradise: un coreano cecchino nelle taglie

L’evento#1 delle WSOP Paradise ha finalmente il suo campione. Dopo sei round di qualificazione e altre due giornate per approdare al tavolo finale, il $1,500 Mystery Millions incorona Jin Hoon Lee. L’asiatico mette alle spalle la bellezza di 3.445 avversari e dei 5.169.000 dollari che formano il prize pool incassa 420.000 bigliettoni, oltre alle taglie.

Insomma, uno spettacolo nello spettacolo, per una kermesse che ha scelto una cornice a dir poco stellare come quella delle Bahamas. Max Pinnola è il runner up, ma sul gradino più basso del podio ci sale la brava e bella Maria Ho. La giocatrice americana sfiora il colpaccio e riceve 200.000$ di premio.

WSOP Paradise: bracciale a ritmo di samba

Esulta il Brasile ed esulta Allan Mello. E’ il player verdeoro, il primo giocatore nella storia delle neo nate WSOP Paradise a mettere al polso il bracciale. Il trionfo arriva nell’evento#2 della kermesse in terra caraibica, con il brasiliano che si impone nel $1,500 Millionaire Maker. Torneo ibrido, visto che i day 1 si sono giocati online e il final day nella splendida cornice delle Bahamas.

In 3.496 ci hanno provato online e solo 100 di essi hanno raggiunto il Mar dei Caribi per la battaglia conclusiva. Allan Mello non ha fatto sconti nella discesa al titolo e l’ultimo ad arrendersi ai colpi del carioca è stato Nazar Buhaiov: l’ucraino si consola con un assegno da 593.000 dollari, mentre il neo campione riceve un milione di bigliettoni.

Il payout del tavolo finale

1 Allan Mello Brazil $1,000,000
2 Nazar Buhaiov Ukraine $593,500
3 Morten Norland Norway $263,500
4 Maksim Vaskresenski Poland $158,500
5 Maxime Parys France $128,000
6 Clemen Deng United States $103,500
7 Kasparas Klezys Lithuania $81,100
8 Arnaud Enselme France $65,000
9 Roland Israelashvili United States $50,000

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari