Sunday, Jun. 13, 2021

Poker Live

Scritto da:

|

il 22 Gen 2012

|

 

Re Mida Challenge Day2 – Dragan Zaric chipleader dei 31 rimasti

Re Mida Challenge Day2 – Dragan Zaric chipleader dei 31 rimasti

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Giornata incredibile questa del Day2 del Re Mida Deep Challenge in scena al Casinò Perla di Nova Gorica, con i 223 player di partenza ridotti a soli 31 unità per una serie di eliminazioni che hanno animato a più non posso i tavoli da gioco. Alla fine è uno straniero a guidare il gruppo dei rimasti, Dragan Zaric che domina il chipcount dall’alto delle sue oltre 3.700.000 chips.

Nutrito il gruppo degli inseguitori dietro lo sloveno, tra cui anche Antonio Pugliese, Marco Falaschi, Fabio Berti e tanti abituè dei circuiti shark che potrebbero ancora dire la loro. Giornata segnata da “scoppi” ripetuti e giocate pazzesche (nel bene e nel male), che hanno fermato però la corsa alla vittoria di tanti volti noti come Giorgio Silvestrin, Fabio Scepi, Filippo Etna e Maurizio Sepede solo per citarne alcuni.

Il day2 di questo Re Mida Deep Challenge si è concluso in una falcidia di chips e di player, con il field che dai 223 partenti si è ridotto a soli 31 giocatori che potranno così affrontarsi per la giornata finale che li porterà dritti prima al final table e poi, l’ultimo, ad alzare la coppa ed il premio per il vincitore di questa prima tappa 2012. Una giornata che ha visto la sala costantemente piena di player in gioco, sia al main event, sia al torneo cash che è partito oggi, che ai side event sempre affollatissimi. Può avere di che sorridere sia il “patron” Massimo Monferini (che con Nunzio Magnani dirige lo Shark Events) che la room del Perla (come vediamo nella foto nello splendido sorriso della “floorman” Anastasia).

Tornano alla cronaca del Main Event Re Mida Deep Challenge, si parte al fulmicotone, con la bellezza di 60 eliminati solo nella prima ora e mezza di gioco. Poche mani e abbandonano i giochi Giorgio Silvestrin, Elena Lanini e Fausto Pizzoni. Ma in questa fase sono altri i protagonisti che sembrano ingranare la marcia giusta. E’ il momento della grande scalata di Gabriele Giacalone (che è ancora in corsa anche se accorciato nel finale) che vola in vetta e vi rimarrà per buona parte di questa fase di gara. Sembra iniziare bene la giornata anche per il buon Maurizio Sepede che dopo qualche sali e scendi si attesta come un metronomo sulla quota di average, per poi finire però in calando e uscire a ridosso della bolla.

Da questo momento in poi però, è certamente la dea bendata (ed un destino per molti versi in linea con alcune giocate un po’ al limite) a farla da padrone. Tanto che nonostante il clima del torneo come sempre goliardico, qualche imprecazione di troppo ha fatto da colonna sonora della giornata. Sorride di certo a Fabio “Big” Berti, che riesce a cogliere tutti i momenti migliori per volare alto con il suo stack, tanto da raggiungere la vetta della classifica. Pur partendo da corto, trova due spot favorevoli (incredibile il poker di donne con cui scoppia i cowboys dell’avversario) che lo  rilanciano, per poi sfruttare invece le sue doti e giocarsi al meglio le possibilità di vittoria.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Destino più beffardo con Filippo Etna (prima in grande evidenza, anche per alcuni spot dove gioca a favore la sua lettura dell’avversario in un bluff molto ben riuscito poi eliminato con una giocata abbastanza “creativa” del suo avversario), e con Paolo Eriques (anche per lui momenti di chipleader, per poi accorciarsi in alcuni spot e finire in uno scoppio e contro scoppio da capogiro). Non può dirsi fortunato quest’oggi nemmeno Fabio Scepi, che manca il colpo per rimettersi in corsa con una scala runner runner chiusa dal suo avversario ormai spacciato).

Una bolla che tarda ad arrivare, merito (o per meglio dire, colpa) anche di qualche giocata davvero troppo “nitty” che oltre a portare qualche fold abbastanza incredibile, culmina in una mano in cui per la prima volta (a mia personale memoria) un giocatore incita l’altro a foldare pur avendo AA in un 4bettato preflop.  Ma alla fortuna non si comanda, e se la mente non vuole, ci pensano alcuni cooler a portare gli ultimi 50 a premio (con Carlo Milani nello scomodo ruolo di Uomo Bolla). Tra di essi una sola fanciulla, Liliya Mykhaylovych, che da il via all’ultima girandola di eliminazioni chiudendo il numero dei player rimasti a quota 31.

Buste alla mano è uno dei pochi stranieri in gara a dominare letteralmente il chipcount. Zaric Dragan chiude infatti a 3.713.000 chips, ampiamente i doppio del secondo alla fine. E lo fa dopo aver chiuso una serie di colpi incredibili che lo hanno visto a volte scoppiare gli avversari, a volte essere a sua volta scoppiato. Ci attende dunque un epilogo di Re Mida all’insegna delle grandi emozioni, che potrete vivere in prima persona a partire dalle ore 14:00  in diretta sul nostro BLOG di ITALIAPOKERFORUM.

Eccovi intanto il chipcount completo di tutti i rimasti in gara (ci scusiamo fin d’ora se ci sono degli errori nei nomi ma sono presi direttamente dalle buste scritte a mano…) :
3.713.000 Zaric
1.709.000 Antonetti
1.680.000 De Angelis
1.492.000 Perica
1.467.000 Scotto
1.385.000 Pugliese
1.166.000 Falasci (Marco)
1.150.000 Sussan
1.253.000 Totis
1.109.000 Gazzotti
913.000 Berti
889.000 Piccardi
814.000 Albamonte
746.000 Biagio
741.000 Bertocchi
733.000 Mutto
727.000 Matarrese
702.000 Bozzato
680.000 Menou
661.000 Cantarutti
623.000 Calesso
580.000 Torri
568.000 Caldarola
442.000 Cappuccini
307.000 Giacalone
302.000 La Cognata
283.000 Palmieri
268.000 Basto
237.000 Alaistar
230.000 Biasoli
227.000 Moxedano

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari