Saturday, Oct. 23, 2021

Poker Online

Scritto da:

|

il 2 Nov 2016

|

 

Max Pescatori autocritico sulla prima stagione GPL: “Siamo stati sfortunati però anche io ho fatto degli errori”

Max Pescatori autocritico sulla prima stagione GPL: “Siamo stati sfortunati però anche io ho fatto degli errori”

Area

Vuoi approfondire?

Non ce l’hanno fatta i Rome Emperors a qualificarsi ai playoff della Global Poker League.

Come vi abbiamo già raccontato la settimana scorsa, il team italiano ha chiuso all’ultimo posto del girone Eurasia ma davvero per pochissimi punti ha mancato l’obiettivo minimo del quarto posto!

Questa prima e storica stagione GPL è stata beffarda con i nostri, che sono stati comunque protagonisti di una grande rimonta dopo una partenza a rilento.

Abbiamo allora fatto due chiacchiere con Max Pescatori, pro di Lottomatica e manager degli Emperors, che ci ha regalato il suo bilancio finale della stagione.

Max è piuttosto autocritico anche per quanto riguarda le proprie scelte iniziali e questo gli fa onore. Sentite infatti cosa ci dice:

Le altre squadre della GPL erano veramente forti, però se non ci siamo qualificati ai playoff è anche un po’ colpa mia.

Nel nostro team ho preso tre giocatori di primissimo livello come Kanit, Sammartino e Adams. Il problema è che loro spesso giocano gli stessi tornei.

Forse era meglio fare scelte un po’ diverse. Ad inizio stagione per esempio durante un EPT non potevo contare su nessuno di loro per la GPL.

Poi Tim si è trasferito ed è tornato disponibile, comunque ci sono mancati a volte gli specialisti heads-up. Una volta ho giocato io rischiando di vincere 3 a 0, ma non è la mia specialità, io sono più da 6-handed.

È successo di giocare in heads-up anche a Todd che purtroppo ha fatto invece 0 punti. Questo è un errore che il prossimo anno non bisognerà rifare“.

Max sottolinea inoltre come i nostri non siano stati fortunatissimi nei momenti cruciali: “Abbiamo perso situazioni clamorose all’80 o 90% per chiudere le partite.

La sfortuna ha inciso parecchio. Sappiamo che i pokeristi si lamentano sempre, ma qua parliamo di colpi decisivi per chiudere i match, che hanno spostato molto in termini di punti. È andata così, peccato“.

Max è rimasto un po’ deluso anche da come il pubblico italiano ha seguito la GPL: “La stampa italiana ha coperto abbastanza bene il tutto, ha fatto un buon lavoro.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Le persone in Italia però non si sono appassionate e questa è pura pazzia… Hai la possibilità di vedere tutti questi grandi campioni giocare a carte scoperte, scoprendo come pensano.

Secondo me dall’Italia non c’è stato il giusto seguito. L’italiano medio che vuole imparare a giocare come fa a non interessarsi alla GPL?. La puoi seguire ovunque, non ci sono scuse.

Questo aspetto è stato davvero deludente. I match sono stati visti, sì, ma la risposta del pubblico non è stata quella che mi aspettavo.

Se poi andiamo ai mondiali e facciamo schifo è anche dovuto a questo; la gente non vuole imparare, dà la colpa alla sfortuna.

La gente dovrebbe riflettere di più. Invece di giocare cinque giorni alla settimana, è meglio giocarne quattro e dedicarne uno allo studio“.

 

emperors-ultimi

 

Comunque sia, l’appuntamento con la GPL per i Rome Emperors è fissato al prossimo anno. Avremo modo dunque di rifarci.

Sentite cosa ci anticipa Max: “Nel 2017 si rigiocherà di sicuro, noi manager abbiamo firmato un contratto biennale e ci sono nuovi sponsor. Le squadre non saranno uguali“.

Prima però ci attende il gran finale di questa prima stagione: dal 29 novembre si giocano i playoff a Las Vegas tra le migliori otto squadre della GPL.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari