Friday, Feb. 21, 2020

Storie

Scritto da:

|

il 4 Mag 2017

|

 

Cash Game o MTT? Ivan Gabrieli: “Specializzatevi in ciò che vi riesce meglio!”

Cash Game o MTT? Ivan Gabrieli: “Specializzatevi in ciò che vi riesce meglio!”

Area

Vuoi approfondire?

Gli sono servite diverse ore per sbollire l’eliminazione di Nottingham.

Dopo il capolavoro contro Steve O’Dwyer, Ivan Gabrieli ha tenuto fede al suo storico nick, schiantandosi in bluff puro.

Ahinoi, il ravennate ha preferito non rivelare il TP della mano contro il pluricampione High Roller americano, ma a mente fredda si è concesso a noi per una chiacchierata tout court.

“Per imparare le regole del giochino basta un attimo. Ciò che impedisce a tanta gente di fare il salto di qualità proprio quando inizia a vincere regolarmente. Ne ho conosciuti tanti che pensano di essere arrivati quando in realtà hanno ancora lacune tecniche che nemmeno immaginano. Come in tutti i campi della vita il ‘trucco’ è rimanere umili e cercare di migliorare sempre e comunque. Bisogna sempre cercare di fare qualcosa in più, porsi obiettivi di medio-lungo termine e non essere mai sazi. Sono cose che non possono mai essere perse di vista, altrimenti ci stiamo distaccando troppo da quello che è il nostro valore reale/effettivo come player.”

Ivan, che in quel di Saint Vincent, ci aveva offerto un interessante spunto legato alla concentrazione/focus ai tavoli, ce ne serve un altro non meno brillante:

“Credo che nel poker ci si debba specializzare. La bravura di un giocatore sta nel capire in quale riesce meglio e puntare quasi esclusivamente su quella, studiando senza soluzione di continuità e provando a migliorarsi di giorno in giorno. Io sono sempre stato innamorato dei tornei e non ho mai avuto il bisogno di approfondire lo studio del cash game, nonostante mi sia sempre disimpegnato discretamente ogni qual volta impegnato in un tavolo ‘real money’. Negli anni ho cercato di plasmare il mio gioco, rendendolo il più imprevedibile possibile, specialmente post flop visto che, pur essendo un torneista, ho sempre pensato che i maggiori vantaggi da prendere su un avversario si hanno grazie alle carte comuni…”

La domanda sorge dunque spontanea: più bulli i cash gamer o gli mtter?

“Il giocatore cash è più abituato ad affrontare le dinamiche molto deep ed è generalmente più preparato post flop. Il giocatore MTT ci arriva dopo un po’. Al contrario un giocatore cash non è affatto detto che riesca a far sue le dinamiche e le strategie mtt più sofisticate. Nelle situazioni 20x-30x-40x, che sono le più frequenti in MTT, un cash gamer non può avere la stessa preparazione e dimestichezza visto che sono situazioni middle/short stack che non è abituato a giocare.
Dalla mia non ho una grandissima esperienza cash game, ma francamente non credo di soffrire particolarmente gli spot deep stack, nonostante il tuffo al Millions… 😀  Non credo sia corretto dire che i cash gamer siano più forti degli mtter o viceversa; il gioco è lo stesso ma si evolve in maniera differente. Nel poker ci sono una serie di discipline che non possono essere paragonabili. La sensibilità del singolo, unito all’aggiornamento costante, è la chiave per eccellere in questa o quella specialità.”

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari