Wednesday, Oct. 16, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 17 Giu 2012

|

 

Niccolò Caramatti: “Al torneo 4-max potevo evitare alcune giocate, la sfortuna non conta!”

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Nuovo appuntamento con la pillola di Niccolò Caramatti che ci aggiorna costantemente sul suo andamento alle WSOP 2012.

Il primo argomento affrontato è l’analisi del torneo “4-Max”: “E’ un torneo particolarissimo: è come se giocassi un heads up. Non puoi aspettare, paghi sempre i bui. E’ un torneo devastante dal punto di vista dell’aggressività. Per darvi un esempio: dai 780 iscritti, siamo rimasti in poco più di 200 prima della pausa cena.”

Per “Luisagallo” il torneo non era partito male “grazie anche ad un colpo di fortuna, poi però è arrivato un mega fish al tavolo che colpiva tutti i flop, ma io sono stato più fish di lui dandogli parecchie chips. Lui utilizzava il vecchissimo trucco del limp/re-raise.” 

Ma, due mani giocate proprio contro questo oppo, lo costringono alla eliminazione ed è così, allora, che a mente fredda arriva il mea-culpa di Caramatti: “E’ il primo torneo dove la sfortuna non conta. Potevo evitare alcune giocate. Analizzare a posteriori è sempre più facile. E’ il primo torneo dove ci ho messo del mio: ho un po’ di amaro in bocca.”

Nella parte finale del video non potevano mancare alcune considerazioni culinarie, con una piccola critica verso i ristoratori: “Le bottiglie di vino costano troppo.”

Questo e molto altro nel video del Pro di Sisal Poker.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari