Friday, Nov. 15, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 2 Lug 2012

|

 

WSOP 2012 – L’Italia del calcio vista dall’Italia del poker

WSOP 2012 – L’Italia del calcio vista dall’Italia del poker

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Gli Italiani sono ancora radunati tutti attorno a Dato. “Hai visto che roba? Prima eravamo in 8 italiani, ora siamo una quarantina e domani c’è la partita figurati”.

Parte il tam tam, dove vediamo la partita?

La partita è un’ottima scusa per raccontarvi un po’ come funziona la vita degli italiani qui a Las Vegas. Sì perché il Rio è solamente un posto dove venire a fare le WSOP, di certo è l’ultimo posto dove stare quando non si gioca.

Tranne nel caso di Rocco Palumbo, Mustacchione e quei pochi altri che hanno deciso di grindare pesantemente le WSOP e non muoversi troppo oltre al tragitto “casa – lavoro”.

Qui gli italiani sono più o meno tutti che gravitano all’Aria, qualcuno al Rio, qualcuno all’Harrah’s e sono divisi in micro-gruppi a seconda delle simpatie.

Ci sono gli accoppiati: Andrea Dato e la fidanzata Nuria (che tra l’altro è spagnola e avrebbe festeggiato comunque), il capitano del Team Sisal Dario Alioto e Paola, Candio e Daniela. Loro stanno organizzando il mega raduno degli italiani nello “sportsbook” dell’Aria.

Altri propongono il Lagasse’s Stadium (un posto piuttosto upper class) dove far confluire gli italiani restanti: alla guida del gruppo Giovanni Rizzo.

Altri tipo me, guardano la partita in camera in religioso silenzio. Bestemmiando in totale solitudine come i veri asceti.

Boom. 4-0. La Spagna passa come un caterpillar sopra l’Italia e io devo fare armi e bagagli e andarmene al lavoro col morale sotto i tacchi.
Alla fine da quanto ho capito i maxi raduni all’italiana non hanno funzionato e più o meno tutti sono stati per gli affari loro.

Gabriele Lepore: “Partita? Che partita? No scusa guarda ieri sono andato al Wet Republic e non sto capendo niente di niente da almeno 16 ore.”

Ferdinando Lo Cascio: “L’ho guarda in camera bestemmiando come un pazzo. Solo che a un certo punto sul due a zero per la Spagna non ho retto e sono venuto a farmi il torneo da 1.000 dollari”

Andrea Carini: “Tu non hai idea di cosa voglia dire aprire gli occhi appena alzati, accendere ESPN e trovare l’Italia sotto 2 – 0. Significa solo che ti devi alzare e andare a grindare Omaha Hi-Low 20-40”

E l’uomo del braccialetto? Rocco Palumbo? “Oh pazzesco ero lì che guardavo l’Italia nel privé di uno sportsbook…e chi arriva? Jungleman! Daniel Cates entra a vedere l’Italia”

Ma il migliore di tutti resta sempre lui, Cristiano “Crisbus” Guerra che non smette mai di difendere i colori della bandiera di Sisal scendendo in campo puntuale:

“E dove cazzo vuoi che l’abbia vista Erri? Ero in sala a giocare l’evento da 1.000$. L’ho guardata dai maxi schermi prima di essere bustato. Perde l’Italia e perdo io, standard

Alioto non pervenuto. Probabilmente è ancora lì a maledire la sfiga del “fossile” regalatogli da Greg Raymer.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari