Polemica per la povera copertura mediatica delle WSOPE | Italiapokerclub

Sunday, Mar. 29, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 22 Ott 2013

|

 

Polemica per la povera copertura mediatica delle WSOPE

Polemica per la povera copertura mediatica delle WSOPE

Area

Ieri Daniel Alaei, campione dell’ultimo “Main Event” di Pot Limit Omaha delle WSOP, ha scritto un tweet che esprimeva il sentire di molti di noi che ci dedichiamo al giornalismo sportivo. Daniel si lamentava di come le World Series of Poker Europe stiano avendo una copertura mediatica molto al di sotto di quello che si poteva aspettare di un torneo di questo livello.

E’ veramente uno scherzo ed è stato così per anni. Sarebbe molto semplice avere aggiornamenti accurati affinché i fans e le famiglie possano godersi le nostre partite“. Daniel si riferisce alla povera copertura che l’organizzazione delle WSOPE sta offrendo non solo ai curiosi che vogliono capire ogni tanto cosa fa il suo giocatore preferito, ma anche ai giornalisti, che si ritrovano a dover fare i report delle diverse giornate del torneo senza un chipcount ufficiale.

In effetti, quelli che sono andati in questi giorni sul sito delle WSOPE hanno trovato diverse difficoltà per conoscere l’andamento dei vari tornei. La prima è quella appena accennata: la mancanza di un chipcount ufficiale a fine giornata con tutti i giocatori che passano al giorno successivo del torneo. Considerando che i field delle WSOPE sono piuttosto ridotti e che un elenco del genere viene fatto addirittura alle WSOP negli eventi con migliaia di iscritti, è una pecca davvero imperdonabile.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Al posto dei chipcount ufficiali si trova invece un breve elenco con alcuni dei giocatori più famosi che, avendo giocato qualche grosso piatto, compaiono con un numero di fiches che poi rimane comunque invariato per diverse ore, a volte persino quando il giocatore è stato eliminato. L’inesattezza è tale che addirittura alla fine del Day1B del Main Event non c’era un numero ufficiale di iscritti.

Tutto ciò non solo è imperdonabile per un evento come le WSOPE ma è ancora più grave se si compara con la copertura fatta di altri tornei: WSOP, EPT, WPT… Ovviamente il poker è uno sport difficile da tracciare dal vivo a meno che non si abbia un feature table come all’EPT in cui si può vedere ogni mano giocata, ma siamo sicuri che l’organizzazione delle World Series of Poker Europe potrebbe far decisamente meglio non solo per dare una mano a noi giornalisti ma soprattutto per aiutare voi spettatori a vivere lo spettacolo di un torneo di poker di queste caratteristiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari