Thursday, Dec. 9, 2021

Poker Live

Scritto da:

|

il 12 Mag 2015

|

 

La sorpresa Muhyedine Fares: “Non ero nervoso, non mi sono mai divertito tanto come all’EPT!”

La sorpresa Muhyedine Fares: “Non ero nervoso, non mi sono mai divertito tanto come all’EPT!”

Area

E’ andato in archivio lo straordinario, almeno per l’Italia, EPT monegasco, ma i riflettori sulla kermesse del Principato, comunque, faticano a spegnersi.

Gli azzurri, lo abbiamo sottolineato più volte, hanno dato vita a prestazioni pazzesche (6 le picche portate a casa), ma si è messo in luce anche un giocatore fino a pochi giorni fa sconosciuto, ovvero il senegalese bianco Muhyedine Fares, che è stato battuto nel Main Event solamente dal professionista spagnolo Adrian Mateos.

Capita di rado di vedere la bandiera del Senegal ai primi posti della classifica di un evento di tal portata, così i colleghi di Pokerlistings, presenti in loco, non si sono fatti sfuggire l’occasione di strappargli qualche battuta.

Ha dichiarato di essere un businessman e che si occupa di materiali per le costruzioni, specialmente ceramica. Il lavoro lo porta tutti i mesi in Europa, ma è comunque un regular delle case da gioco di Dakar: “Una volta all’anno mi prendo un break per fare qualche evento nel vecchio continente. Anche nel 2014, infatti, ho partecipato all’EPT Grand Final…”.

Uno come lui, quindi, che mette il lavoro al primo posto, non ha tempo per satelliti online, infatti ha pagato interamente il buy-in da 10.600 euro.

“Non ho molto tempo da dedicare al poker, così quando ho la possibilità di giocare pago il buy-in direttamente, senza tentare alcun tipo di qualificazione”.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Gli oltre 5.000 chilometri fatti per raggiungere Montecarlo dal Senegal, comunque, son stati ben spesi. Fares è arrivato ottavo al 5.000 euro 8-max turbo per 14.200 euro di incasso e, come già detto, col secondo posto al Main Event ha ottenuto ulteriori 679.000 euro.

La cosa incredibile, poi, è che Muhyedine ha giocato il final table senza troppa pressione, semplicemente perché stava godendosi appieno l’inaspettato momento.

“Non ero nervoso, ho avuto il miglior momento pokeristico della mia carriera in quest’occasione. Non mi sono mai divertito così tanto al tavolo!”.

Fares è arrivato nel Principato con un amico, che ha condiviso con lui attimi di ‘run’ fuori dal comune. Il suo nome è  Imad Derwiche e ha chiuso al secondo posto (750.000€) l’High Roller da 25.000 euro di buy-in vinto dal britannico Charlie Carrel.

Non c’è dubbio che li rivedremo il prossimo anno…

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari