Tuesday, May. 24, 2022

Poker Online

Scritto da:

|

il 25 Mag 2015

|

 

L’autogol di Michele Zago: “Mail goliardica a PokerStars, account sospeso fino al 20 giugno!”

L’autogol di Michele Zago: “Mail goliardica a PokerStars, account sospeso fino al 20 giugno!”

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Meglio non scherzare col fuoco, in questo caso le normative antiludopatia.

Ne sa qualcosa Michele Zago, regular di tornei multitavolo, che si è trovato il conto gioco sospeso dalla direzione sicurezza di PokerStars dopo aver inviato una mail che a suo dire voleva essere puramente goliardica, ma che evidentemente è sembrata tutt’altro ai responsabili della picca rossa.

Spiega Michele:

Ero in chat con l’amico Alex D’Amore e si parlava della sessione domenicale di tornei che purtroppo non stava andando benissimo. Quando gli ho detto che negli ultimi 40 giorni su Pokerstars non stava girando molto bene, lui in tono scherzoso mi ha suggerito di mandare una mail al supporto della picca insultandoli goliardicamente. Sempre scherzando mi ha detto che lui lo fa ogni volta che affronta un periodo di badrun, e che puntualmente poi torna a vincere”

Zago è stato al gioco e si è messo a scrivere:

“Logicamente nè io nè Alex crediamo che queste cose possano funzionare, ma sul momento ho scritto comunque una mail dicendo che su Pokerstars non vinco più un torneo da mesi, un colpo, niente di niente… Che mi stanno rovinando perché ho un figlio da mantenere e non posso perdere 4 mila euro al mese sulla picca rossa”.

Parole che più fatali non potevano essere. La politica di Pokerstars è ovviamente molto rigida sulla prevenzione della ludopatia e sui controlli da effettuare per prevenirla. La risposta che arriva a Michele assieme alla comunicazione della sospensione del conto gioco non lascia spazio a dubbi:

 

screen account sospeso michele zago

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Vista la mail e l’impossibilità a giocare su PokerStars, Michele ha subito provato a spiegare la situazione all’assistenza della picca, spiegando che “loro stessi possono verificare l’andamento delle mie giocate sul loro sito, che non sono ludopatico e che la mail era puramente goliardica. E soprattutto che non ho un figlio (ride, ndr)

PokerStars però prende molto sul serio la prima mail di Michele, e non potrebbe fare altrimenti visto che non può sapere se si trovi di fronte a uno scherzo o meno.

La frase legata al figlio da mantenere è vista dall’assistenza come una giusta causa per sospendere il conto gioco di ‘zago85’ fino al 20 giugno, quando il caso sarà ripreso in considerazione.

In particolare la room cerca di far capire che scherzare in tema di gioco, quando in ballo ci sono dei soldi, non è assolutamente una cosa accettabile per una società come PokerStars.it

Dice Michele: “Purtroppo mi sembra che abbiano preso la questione troppo sul personale. Ho chiesto la parte del regolamento dove si dice che possono sospendere in maniera arbitraria il conto di un giocatore, ma sembra proprio che dovrò prendermi una vacanza forzata da Pokerstars.it

Chiaramente siamo di fronte a un caso di finto tilt, ma il supporto delle poker room non può fare eccezioni.

Come già successo in occasioni simili in passato, PokerStars si attiene rigidamente alle norme AAMS sulla salvaguardia dei giocatori, ed è tenuta a prendere molto seriamente quanto essi scrivono.

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari