Tuesday, Jul. 16, 2019

Strumenti

Scritto da:

|

il 26 Ago 2015

|

 

Cosa succede nel minuto successivo dopo aver piazzato un big bluff?

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Cosa succede nel minuto successivo dopo aver piazzato un big bluff?

Area

Vuoi approfondire?

Lo abbiamo detto e ripetuto tante volte: il bluff è un’arma indispensabile per ogni poker player che si rispetti.

“Se non si viene mai presi con le mani nella marmellata, c’è qualcosa che non va”, recita un detto.

Ma per piazzare un bluff stile Doug Polk vs Patrik Antonius servono anche i cosiddetti “cojones”.

Non tanto nell’effettuarlo, quanto nel restare impassibili negli istanti seguenti dopo averle messe in mezzo confidando esclusivamente nel fold avversario.

In una curiosa e simpatica tabella realizzata da PokerStars, sono stati sintetizzati i pensieri più comuni che passano nella nostra testa dopo esserci inventati il bluff della vita:

blufa

Dopo 5 secondi. “Questo è quanto. Siete nel bel mezzo di un monster bluff. Guardate la pila delle chips in mezzo al tavolo. Sicuramente non potrà essere così facile no?”
Dopo 20 secondi. “I neurorecettori nel vostro cervello stanno andando in overdrive. L’intero tavolo ti sta guardando. Basta fare i fighi, come Fonzie di Happy Days.”
Dopo 30 secondi. “La tua percezione uditiva si acuisce, senti pulsare il sangue nelle orecchie. Oddio! Il naso inizia a pruderti, non ti grattare! Non ti grattare!”
Dopo 40 secondi. “Il tuo avversario chiede il count delle chips. I secondi passano come fossero anni. Lui non ha ancora preso una decisione. Senti te stesso che invita l’avversario a passare! Fold fold fold!”
Dopo 50 secondi. “I suoi occhi sono concentrati a capire se stai bluffando. Rallenta la respirazione e diventa consapevole il più possibile della postura del tuo corpo.”
Dopo 60 secondi. “L’oppo alza una mano dal tavolo. Il tempo si ferma. Sta cercando di leggervi dietro gli occhiali da sole.”
Oltre il minuto. “Ha foldato. Sei tornato in te. Il dealer spinge le chips verso di te. Le tue mani tremano mentre stai ordinando le tue fiches. Quand’è la prossima pausa? Avete un bisogno disperato di fare pipì!”

Ammetiamolo: almeno un paio di queste sensazioni le abbiamo provate tutti!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari