Wednesday, Nov. 30, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 16 Giu 2016

|

 

Justin Bonomo in difesa delle donne al tavolo: “In 45 minuti di gioco ho assistito a tre episodi di sessismo”

Justin Bonomo in difesa delle donne al tavolo: “In 45 minuti di gioco ho assistito a tre episodi di sessismo”

Area

Vuoi approfondire?

Justin Bonomo è un giocatore che sicuramente conoscete, visti gli incredibili risultati in carriera che hanno portato il suo profilo di HendonMob a superare i 10 milioni di dollari in vincite lorde, 32° giocatore al mondo nella All Time Money List.

Come il primo di questa lista, Daniel Negreanu, anche Justin non ha peli sulla lingua ed è molto attivo sul web, spesso aggiorna il suo blog parlando di pensieri o eventi particolarmente significativi, dai quali scaturiscono interessanti e lunghe discussioni.

Justin ha spesso parlato e criticato ogni forma di razzismo, sessismo, o discriminazione di genere. Possiamo dire che sia uno degli argomenti principali del blog del player americano, che ha recentemente sottolineato come le donne al tavolo da gioco non vengano trattate alla pari degli uomini.

Il suo ultimo lungo post (che potete trovare integrale qui), sfrutta un episodio particolarmente significativo per portare alla luce il problema: Justin si è seduto ad un tavolo 45 minuti prima della pausa cena, e in solo questi tre quarti d’ora ha assistito a ben tre episodi di “microaggressioni sessuali“, ovvero “Sottili ma offensivi commenti o azioni diretti ad una minoranza o ad un altro gruppo non-dominante, che spesso non intenzionalmente o inconsciamente rinforza uno stereotipo.

Appena seduto al tavolo, un dealer sessantenne nota una giovane giocatrice bionda al tavolo e comincia con qualche commentino chiamandola “bellezza” senza un contesto. La ragazza manifesta segni di piccolo disagio, abbozzando un sorriso, indossando le cuffie e distogliendo lo sguardo.

Poi la “battutina” più significativa: “Perché Dio ha fatto le donne belle? Così gli uomini possono amarle. Perché le ha fatte stupide? Così possono amare me”. 

La ragazza ignora il commento, Justin non riesce a credere di sentire queste parole da un uomo che rappresenta l’azienda in cui sta lavorando, e dopo qualche altro commentino lo rimprovera: “Sai, qualcuno potrebbe non essere contento di sentire certe cose.” e la risposta “Ehi, sono un dealer! È il mio territorio!” Bonomo: “Non credo che chiamare i clienti ‘stupidi’ sia parte di questo territorio…” 

Poi un giocatore prende la palla al balzo: “Dio ha creato le donne da una costola, come possono avere un cervello?“. No comment.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Dopo un paio di minuti il dealer si alza scusandosi nel caso avesse offeso qualcuno, e la ragazza risponde “Lo apprezzo molto“, dimostrando di non essersi trovata proprio a suo agio.

Il terzo episodio notato da Bonomo è probabilmente esagerato da definire “microaggressione”, ma lo riportiamo per completezza: la ragazza scherza su un giocatore che era distratto guardando la partita sul tablet ed esclama: “He was watching futbòl” cercando di marcare il termine “football” con l’accento europeo, dove questa parola significa “calcio”.

Il dealer la corregge dicendo: “No, that’s soccer“, ovvero il termine americano per il calcio, sottolineando (forse ingenuamente) la stupidità della ragazza, che reagisce sgranando gli occhi come a dire “Oh, davvero non ha capito che scherzavo?

Ad ogni modo se questo ultimo episodio non convince, gli altri due sono certamente tristi, e secondo Justin non così rari.

Anzi, Bonomo ha notato come le ragazze al tavolo siano spesso vittime di questi “commentini”, che spesso sembrano ingenui ma alla lunga possono essere davvero stancanti, specialmente se ne si sentono decine al giorno, ogni giorno.

Morale della storia: per quanto possa sembrare che le donne e gli uomini siano uguali al tavolo da gioco (nessuna discriminazione, nessun tipo di sessismo o misoginia) ci sono dei comportamenti che possono dare fastidio e mettere a disagio le persone anche senza rendersene conto. “Prendetevi un minuto e fateci caso” dice Justin per concludere.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari