Cinque ragioni per non andare in continuation bet | Italiapokerclub

Wednesday, Jun. 3, 2020

Strategia

Scritto da:

|

il 4 Ago 2016

|

 

Cinque ragioni per non andare in continuation bet

Cinque ragioni per non andare in continuation bet

Area

C-bet o non c-bet? Questo -a volte- è il problema.

Ormai i vantaggi di un gioco aggressivo sono noti a tutti, ma prima di aggredire bisogna riflettere su ciò che si sta facendo.

A volte ci si ritrova in situazioni borderline, dove né la continuation bet né il check sono buone opzioni, o viceversa lo sono entrambe.

Per aiutarvi a prendere una decisione in questi casi, PokerNews ha stilato delle linee guida per decidere quando è il caso di non c-bettare:

1 – Hai missato il flop

La vecchia teoria “Se non ho il punto l’unico modo che ho per vincere la mano è bluffare” è senz’altro vera, ma vediamo di tappare alcune falle: se c-bettassimo il 100% dei flop che non hittiamo diventeremmo più che exploitabili, e anche nel raro caso che i nostri avversari non lo notino, alla fine perderemmo soldi lo stesso.

Non centrare il flop è un valido motivo per evitare la c-bet, in particolare quando è coordinato o migliora il range del nostro avversario.

Es: Hero rilancia da MP con AK e BTN chiama. Flop JT9. Qui è preferibile il check alla c-bet, così come va bene foldare se il tuo avversario punta. Pensate di c-bettare questo flop e di ricevere un call. Come vi comportate al turn? Anche se scende un A o un K? E anche se fossimo in posizione il check behind non sarebbe così brutto…

2 – Sei fuori posizione

Il poker è un gioco di posizione, saranno più di dieci anni che si ripete questa frase che non perde mai di verità. Per questo motivo tenderete a rilanciare più spesso man mano che vi avvicinate al bottone, ma capiterà comunque di ricevere un call da un giocatore dopo di noi. Questo può essere una ragione per non c-bettare se siamo in dubbio.

Es: Hero rilancia da CO con TT, call del BTN e il flop è KJ4. Anche in questo caso se c-bettate e trovate un call, non saprete come comportarvi nelle street successive. Molto meglio check-callare o check-foldare piuttosto. Anche su flop più favorevoli di questo il check-call può essere una scelta migliore, più prudente, per mantenere il pot basso e trovarsi più a proprio agio nel gioco fuori posizione.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

3 – Multiway pot

La situazione di gioco più studiata è quella che ci vede contro un solo avversario. Per forza di cose nascono delle action automatiche in certi spot testa a testa, ma quando siamo contro due, tre o più giocatori allora non dobbiamo fare nulla di avventato. Anche un flop favorevole non richiede una c-bet obbligatoriamente.

Es: Hero apre da HJ con KQ, chiamano CO, BTN e i blinds. Flop AT2 ed entrambi i blinds checkano. Contro un singolo opponent una continuation bet sarebbe ottima la maggior parte delle volte, ma con così tanti avversari e un semplice gutshot+backdoor flush draw è perfettamente checkabile.

4 – Il tuo avversario è aggressivo

Contro i giocatori aggressivi, lasciare ad essi l’iniziativa può rivelarsi a volte la linea più profittevole con mani medio-forti. OOP possiamo fare check-back per indurli a bettare e permetterci così di chiamare e slowplayare o check-raisare per costruire il pot.

Es: Hero raise UTG con AA, call di LAG da bottone. Flop K72. Qui hero può checkare tranquillamente, in modo che l’avversario cominci a puntare e “innamorarsi” della sua mano nonostante sia molto indietro rispetto ai rockets di hero.

5 – Vuoi bilanciare il tuo gioco

Nel poker moderno una delle nostre prime preoccupazioni sarà quella di non essere exploitabili e bilanciare le nostre action. Per questo motivo non andremo in c-bet ogni volta che rilanceremo preflop, né quando missiamo il board né quando invece hittiamo qualcosa. A volte preferiremo checkare anche con il punto per non essere giocatori prevedibili e mixare un po’ il nostro gioco.

Es: Raise di hero da BTN con QQ e call del BB. Flop J43 e al check di opponent hero risponde con un check. 8 al turn, ancora check e delayed c-bet di hero, che ottiene così un call da un gran numero di mani che batte (J-X, 8-X, T-9, XX…). Senza dubbio aumentiamo i rischi di essere “scoppiati”, ma allo stesso modo aumentiamo le possibilità di vincere un piatto più sostanzioso di quanto avremmo fatto con una semplice c-bet.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari