Friday, Jul. 19, 2024

Storie

Scritto da:

|

il 23 Nov 2016

|

 

La nuova vita di Liv Boeree: “Dedico sempre più tempo alla raccolta fondi per aiutare il mondo”

La nuova vita di Liv Boeree: “Dedico sempre più tempo alla raccolta fondi per aiutare il mondo”

Area

Vuoi approfondire?

Il famoso sito HuffingtonPost ha pubblicato in questi giorni una lunga e interessante intervista a Liv Boeree.

La giocatrice inglese è sempre uno dei personaggi pokeristici preferiti dai media. In questa recente intervista la bella Liv ha svelato alcuni retroscena della sua carriera e soprattutto ha spiegato cos’è la REG.

Sicuramente avrete sentito già parlare di questa associazione. Il nome completo è Raising Effective Giving e in un paio di anni ha già raccolto 1.500.000$ in beneficenza.

Ma andiamo con ordine. Ecco come racconta Liv gli albori della sua carriera da pokerista, iniziata a 21 anni: “Nell’estate in cui mi sono laureata, non avevo chiare prospettive lavorative.

Spendevo il tempo suonando la chitarra e andando nei rock clubs, quando lessi l’annuncio di un game show che invitata a usare l’abilità per vincere 100.000£.

Mi sembrò un’opportunità divertente per guadagnare soldi importanti in maniera veloce, così lasciai i miei dati. Poi venne fuori che si trattava di un reality show in cerca di cinque principianti del poker.

Non vinsi lo show (giocai terribilmente e mi misi anche a piangere nella partita finale) ma mi innamorai del gioco. A quel tempo giocavano solo uomini e mi piaceva l’opportunità di batterli. Adoravo il poker anche perché era un mix di scienza e arte“.

Quand’è che Liv ha deciso precisamente di diventare una poker pro? In realtà mai: “Non ho mai preso consapevolmente la decisione di lasciar stare l’astrofisica per il poker. È successo per caso. In un anno di pausa ho iniziato a giocare a poker e il gioco mi ha fatto innamorare.

Alla fine del 2006 mi sono posta un obiettivo: diventare la giocatrice di poker più famosa del mondo. A quei tempi il poker era così eccitante che non ho pensato di tornare all’università.

Adesso sono tornata alla scienza. Non sarò mai una ricercatrice ma penso di poter dare il mio contributo come comunicatrice“.

Il momento pokeristico più bello per Liv? Facile: “Quando ho vinto l’EPT in Italia nel 2010. Ai tempi è stato il più grande torneo europeo, mi guadagnai un sacco di attenzione. Qualche mese dopo sono stata presa dal Team PokerStars Pro“.

 

liv-boeree-meteo

 

Passiamo alla REG: “Raising for Effective Giving è un’organizzazione benefica di raccolta fondi che abbiamo creato nella comunità del poker, basata sulla filosofia nota come ‘effective altruism‘.

L’altruismo effettivo punta a fare del bene con i migliori metodi. Ci sono molti problemi nel mondo che causano sofferenza, ma sfortunatamente risorse limitate (come tempo e denaro) per provare a risolverle. È importante capire quali interventi avranno l’impatto più positivo con le nostre risorse.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Questo significa che dobbiamo essere molto scientifici e aperti nella nostra ricerca per capire quali sono i migliori interventi. Ci sono già tante organizzazioni che lo fanno.

REG fa due cose: diffonde l’idea di ‘effective giving’ tra il pubblico e raccoglie fondi per le migliori forme di beneficenza. REG è nata nel mondo del poker ma ora vogliamo diffondere il messaggio ad un pubblico più vasto“.

REG sarà sempre più importante nel futuro di Liv: “Sto dedicando più tempo alla REG che al poker. Mi piace ancora viaggiare e giocare ma dopo sette anni non è più soddisfacente come un tempo. Sono molto felice di poter fare una cosa che amo e di aiutare il mondo.

Gioco ancora per poter guadagnare e donare di più, ma spendo più tempo nel networking e nel fundraising piuttosto che nel poker.

Non saprei indicare il momento esatto in cui etica e altruismo sono entrati in me. Deve essere successo quando ho conosciuto degli altruisti effettivi. C’è un filosofo di nome Adriano Mannino che mi ha influenzato molto. Le sue argomentazioni sono davvero valide e d’ispirazione“.

Il bilancio di Liv sulla REG finora è positivo: “Considero REG una organizzazione di successo. In soli due anni abbiamo raccolto 1.500.000$ in beneficenza. Abbiamo avuto un supporto incoraggiante dai media del poker. Molti giocatori famosi nelle loro interviste hanno parlato delle donazioni. Ci sono molte opportunità in questo settore“.

Liv fa anche un particolare paragone: “Il bankroll management è necessario perché c’è molta varianza nel poker e non puoi permetterti di andare in bancarotta. Nelle donazioni è diverso. Noi cerchiamo sempre di individuare la migliore destinazione per i fondi. Possiamo anche sbagliarci ma è meglio comunque concentrarsi su una sola donazione“.

Ecco alcune iniziative legate alla REG: “Roman Romanovsky ha iniziato una Poker Charity Marathon. Sta cercando di trasformare il suo bankroll di 66.000$ in 600.000$ e ha promesso di donare 400.000$. Sta andando bene.

Ci sono inoltre molti charity poker tournaments in agenda. Negli USA hanno molta attenzione mediatica. Alle WSOP possiamo contare sul One Drop“.

 

liv-boeree-reg

 

Chiudiamo con un po’ di gossip. Liv parla del suo fidanzato: “La persona più importante della mia vita è il mio partner Igor Kurganov. Stiamo insieme da due anni e mezzo.

Igor è un grande giocatore di poker ed è una delle persone che hanno fondato REG. Sono fortunata ad avere una persona con così tanti interessi in comune. Lui è più razionale di me, una fonte di ispirazione“.

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari