Monday, Sep. 28, 2020

Storie

Scritto da:

|

il 21 Giu 2017

|

 

Dal bullismo negli anni della scuola alla vetta del poker online: ecco a voi Chris Moorman!

Dal bullismo negli anni della scuola alla vetta del poker online: ecco a voi Chris Moorman!

Area

Vuoi approfondire?

Ho sempre pensato che vincere online fosse più facile perché non devi mostrare la tua faccia…

 

Se a dirlo è Chris Moorman, il player più vincente online della storia con oltre 12 milioni di dollari all’attivo, bisognerà pur crederci…

In una clip molto curata pubblicata sul sito Pokergo.com, lo stesso che offre lo streaming delle WSOP a partire da quest’anno, il campione inglese parla a 360° della sua vita, ripercorrendo i primi passi che lo hanno portato ad essere il player stimato che tutti conosciamo:

Sono cresciuto nell’Essex, vicino Londra, e da teenager volevo essere uno di quelli fighi ma non ce l’ho mai fatta. Venivo preso in giro da quelli più grandi ma era strano, perché gli atti di bullismo provenivano soprattutto da quelli che normalmente erano in miei amici. Ho provato a far di tutto nella vita per riscattarmi da quella situazione di inferiorità e non subire più e già da ragazzino riuscii a diventare tra i migliori nel biliardo. Ero il più bravo del liceo e da quel momento ho cominciato a giocare a livello professionale.

Il momento di cimentarsi in quel giochino che gli darà tante soddisfazioni arriva negli anni dell’università:

Ho cominciato a giocare a poker dopo aver letto di un freeroll con degli amici. In quegli anni eravamo tutti studenti universitari con pochi soldi in tasca, ma nel giro di breve tempo le cose sono cambiate. Io cominciavo a raccogliere qualsiasi informazione potesse essermi utile sul gioco e sugli avversari, mentre la casa cominciava a popolarsi di schermi ultrapiatti, sedie ergonomiche e diversi amici con cui condividere le sessioni. Ho detto a mia madre che avevo trovato un lavoro, ma nn le dissi che giocavo a poker. L’obiettivo era quello di raccogliere abbastanza denaro in un’estate per dimostrare di aver davvero guadagnato dei soldi: alla fine però guadagnai almeno il triplo…

Arriva quindi il momento di dirlo alla famiglia, ma come?

Mio padre scoprì che giocavo a poker verso la fine dei miei studi e non fu proprio felicissimo, ma non appena gli dimostrai di esser riuscito a pagarmi gli studi e avere la situazione sotto controllo mi diede sei mesi di tempo per dimostrargli che il poker potesse essere una valida alternativa. Sapevo che se non ce l’avessi fatta in quei sei mesi mi sarei dovuto trovare un lavoro qualsiasi.

La scalata verso il successo sembra essere a senso unico, ma nella sua vita c’è un problema più grosso del denaro:

Stavo vincendo un sacco di soldi ma non avevo nessuno con cui condividerli

Era il momento di entrare nella scena live: nel 2008 le WSOP Europe si giocano a Londra, e Chris decide di giocare il main event con oltre un milione di sterline in palio:

Ho giocato per 4 giorni e sono uscito in un paio di mani prima della cena, per un cash-out irrisorio rispetto al primo posto. Ero così deluso che ho chiesto ad alcuni amici di andarcene in vacanza e non pensare più al poker per un po’.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Dopo esser tornato alle vecchie abitudini e aver fatto una bella pausa, Chris scopre un’altro mondo, lo staking:

Avevo un amico che mi doveva dei soldi ma non pensavo fosse in grado di restituirmeli, allora decisi di stakarlo per un evento da 10.000$ e arrivò 2° per due milioni di dollari. Io ne guadagnai uno in una giornata e cominciai a pensare di investire qualcosa su altri giocatori.”

Le cose però non si mettono bene e Moorman comincia a perdere qualcosa, ma non la speranza. Finché un giorno non decide di stakare il padre al Grosvenor UK Poker Tour:

Sarebbe bello giocarlo assieme a mio padre, ho pensato, e ho pagato il buy-in per entrambi. Alla pausa cena era già in testa al count e continuava a macinare chip fino al final table. Ogni volta che faceva all-in metteva tutte le chip al centro e ci volevano tre minuti per rimetterle tutte a posto…Ma alla fine è stato sensazionale e al final table non ce n’è stata per nessuno!

E poi arriva il black friday: “Molto semplice, grazie al black friday finì col perdere oltre un milione di dollari.

Dopo aver conosciuto nel 2012 quella che diventa sua moglie, Chris recupera quella confidenza in se stesso che gli era mancata negli anni; ora bisognava solo riprendere a macinare tornei:

Sono tornato a giocare low e middle stakes online e ho ripreso quasi subito a fare soldi.

Nel 2014 arriva la prima vittoria di rilievo anche nel live, con il WPT LA Poker Classic per oltre un milione di dollari, superiore soltanto a secondo posto conseguito alle WSOP Europe nel 2011 a Cannes.

Il resto lo sapete già: Chris Moorman è semplicemente il giocatore online più vincente al mondo e pochi giorni fa è riuscito nell’impresa di vincere il suo primo braccialetto, oltre ovviamente a un altro mezzo milione di dollari. Che ne dite, si è riscattato dal periodo in cui veniva preso in giro a scuola?

 

Scriveteci le vostre impressioni sulla Fanpage!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari