Monday, Sep. 23, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 6 Set 2019

|

 

Gianluca Escobar e il suo ritorno nel poker: voglio migliorare e vincere

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Gianluca Escobar e il suo ritorno nel poker: voglio migliorare e vincere

Area

Vuoi approfondire?

L’anno sabbatico è ormai alle spalle per Gianluca Escobar. Un anno di “riposo” almeno per quello che concerne il poker online italiano e il poker live. E se la trasferta all’EPT Barcellona è servita per riprendere confidenza con il gioco, domenica nella sessione dei domenicali, ha shippato su Pokerstars.it il “€250 Sunday High Roller“. Insomma il modo migliore per riprendere.

Abbiamo deciso di intervistare Gianluca Escobar, il quale non si è certo sottratto alle nostre domande. Anzi, un sorta di fiume in piena il partenopeo in questa lunga chiaccherata: dal poker online al quello dal vivo, al livello che si innalza ogni giorno di più, al poker stesso che cambia, passando per i suoi obiettivi finali e fino a raggiungere l’altro suo grande amore, assieme al poker: il Napoli. Mai banale Escobar.

Dopo una lunga pausa, torni sul .it e shippi il Sunday High Roller. Non proprio il più facile dei tornei da vincere, per field e tasso tecnico. Come è andata e cosa provi? 

Fa sempre piacere vincere un torneo domenicale su PokerStars.it . Ovviamente quando giochi tornei live da tanto tempo , con cifre e prizepool di un certo livello, ti fa un po’ meno effetto vincere 5.000€ . Pero fa piacere sempre: online , live e ad ogni livello , il Sunday High Roller e’ un torneo che alza il morale se lo vinci,  proprio per la  presenza di tanti regular iscritti ti da particolare soddisfazione” .

“Non giocavo da tempo sul .it (quasi 1 anno prima di questa settimana, ndr), ma il livello mi sembra molto cambiato rispetto ad un anno fa . Con questo mi vorrei riallacciare anche alla questione del mercato condiviso e spero davvero si apra definitivamente anche all’Italia , per permettere a tutti il confronto da casa propria senza doversi trasferire all’estero e la possibilità di crescere come professional poker player”. 

Vittoria in scioltezza nel Sunday High Roller, oppure c’è stato da soffrire?

Il momento chiave del torneo e’ stato da 16 players left al tavolo finale. Il redraw mi ha spostato in un tavolo con 2 regular e altri players occasionali. In quel contesto sono riuscito a costruire uno stack importante per il final table, aggredendo molto e costruendo davvero senza troppi problemi un ottimo stack per la volata finale. Raggiunto l’ultimo atto è stata una bellissima cavalcata al successo”. 

Successo che probabilmente è figlio anche della tambureggiante trasferta di Barcellona all’EPT. Come è stato il ritorno al poker dal vivo, dopo la pausa?

Come per l’online, anche Barcellona e’ stato un ritorno al poker live. L’ultima mia presenza risale al PartyPoker Live di Rozvadov nel marzo 2018. Sono soddisfatto per il rientro ed è andato tutto sommato bene, centrando un ITM ed un accenno di deep run nel EPT National da 1.100€: su 4.682 iscritti ho chiuso il torneo al 114° posto per 4.770€”.

“Non ho giocato il Main, ma incrociando players stranieri che già conoscevo ho notato dei cambiamenti nel gioco che mi stanno facendo già muovere in questo senso per studiare e recuperare il terreno con i field internazionali di un certo livello”.

Per questo motivo a brevissimo inizierò un coaching con un top player straniero (Mister X per il momento, ndr) e spero in poco tempo di rimettermi al passo e tornare a competere ad alti livelli . Già magari per l’ultima settimana dei più importanti eventi delle piattaforme internazionali di poker online e sicuramente nei prossimi eventi live in programma”.

Questo significa che torneremo a vederti spesso in azione nel poker live?

Diciamo che l’obiettivo sarebbe di giocare dal 28 settembre al 06 ottobre il WPT A Nottingham , le WSOP Europe dal 15 ottobre fino al termine del mese a Rozvadov e l’EPT di Praga a dicembre. Un programma non impossibile, ma che mi permetta un rientro graduale nel poker live”.

Durante l’EPT Barcellona, sui social  girava una video con te al tavolo mentre indossi la maglia del Napoli ed esulti ad una rete in campionato della tua squadra. Se ti dicessero, devi scegliere: scudetto al Napoli o picca dell’EPT a Gianluca Escobar, tu cosa scegli?

Questa domanda e’ davvero difficile perché sono un grande tifoso del Napoli fin da bambino. Lo scudetto lo stiamo aspettando da troppo tempo e con l’EPT ho un conto in sospeso da quel Q-Q vs 10-9 11 left al Main Event Malta 2015. Però una mezza idea l’avrei: quest’anno portiamo il 3° Scudetto a Napoli ed io aspetto l’anno prossimo per l’EPT . Magari mi accontento di un WPT o un braccialetto alle WSOP nell’attesa“. (ride, ndr)

Scherzi a parte, sarebbero due cose importantissime per due ricordi indelebili. Spero di poter vivere entrambe queste gioie in futuro, così da un lato sistemiamo il cuore azzurro e dall’altra posso realizzarmi professionalmente nel poker. Sarebbe un connubio perfetto”. 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari