Saturday, Nov. 16, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 25 Set 2019

|

 

Rui Cao spiega un incredibile bluff con 10 High: Sono stato ottimista e fortunato

Rui Cao spiega un incredibile bluff con 10 High: Sono stato ottimista e fortunato

Area

Vuoi approfondire?

Rituffiamoci nel cash game più spettacolare, facendo un salto nel tempo fino alle Triton Super High Roller Series di Jeju dello scorso anno.

In particolare riviviamo un colpo clamoroso che ha visto protagonisti due giocatori di origini asiatiche che si conoscono bene tra loro: Wai Kin Yong e Rui Cao, noto online con il nick PepperoniF.

Vi avevamo già raccontato nel dettaglio la mano definita da Lex Veldhuis il miglior bluff che abbia mai visto. Riassumiamola. Si giocava al tavolo con blinds fissati a 3/6M di won coreani (circa 2.500/5.000 dollari americani).

Yong (527M di stack) apre da da cutoff a 20M con KQ, Cao (683M di stack) 3-betta a 63M da bottone con 104. Yong si limita a chiamare.

Il flop recita A22. Yong checka, Cao punta 41M e Yong chiama.

Turn: K. Yong si mette nuovamente in check/call. La puntata di Cao stavolta ammonta a 120M.

Il river è un 3. Yong (con 303M dietro) bussa, Cao (con 459M) non ci pensa un’istante e decide di mettere all-in il suo avversario! La bet corrisponde circa a 260.000 dollari statunitensi… Yong ci pensa e folda.

 

 

Mesi dopo ci pensa il canale YouTube di Triton Poker a chiedere a Cao il thought process di quella mano pazzesca. Ecco cosa ha risposto il francese, analizzando le varie street:

Ho deciso di 3-bettare con una pessima mano da bottone per due ragioni. È ok 3bettare light da bottone contro cutoff e poi era una cash divertente e televisivo dove ci conoscevamo tutti. Volevo divertirmi con lui. Lui conosceva bene i miei range. Con K-Q si sentiva sicuramente forte. Non poteva foldare.

Il flop A-2-2 nonostante i due fiori è molto dry. Lui può avere assi forti ma io potrei anche avere dei 2, per esempio K-2 suited. La mia cbet è standard. Non mi aspetto un call da K-Q ma da coppie varie o altre mani. Comunque lui è un player molto ‘sticky’. Non molla i colpi. Io avevo già in mente di sparare due o tre barrels.

Il K al turn l’ho odiato. In caso di altro call suo mi sarei trovato in difficoltà al river. La size è scelta in base agli stack. Non penso che avrei dovuto puntare di più perché il board non era così drawy. Al river avrei potuto così sparare 2/3 del pot.

Il river è un 3 che poteva cambiare i miei piani. Bluffare diventa più difficile perché lui può avere tanti assi. Lui non si aspetta un bluff in bianco. Ma io ottimisticamente l’ho fatto lo stesso (pushando velocemente) e lui ci è rimasto male.

Ho fatto molti bluff nella mia carriera ma mettere nel mezzo certe somme in bianco è sempre una bella sensazione. Sul momento devi restare impassibile ma poi puoi girare le carte e ne vale la pena. Comunque sia, non è stato il miglior bluff che abbia mai fatto. Dopo ne abbiamo parlato. Sono stato fortunato a non incrociare un Asso ma un Kappa. Con l’asso probabilmente mi avrebbe chiamato“. Facciamo ugualmente i complimenti a Cao per il coraggio dimostrato nello spot e anche per l’umiltà con cui lo ha analizzato successivamente!

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari