Friday, Jul. 3, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 1 Feb 2020

|

 

Mike Postle firma la notifica della causa: andrà in tribunale contro lo Stone Gambling

Mike Postle firma la notifica della causa: andrà in tribunale contro lo Stone Gambling

Area

Vuoi approfondire?

La firma di Mike Postle è arrivata. Dopo mesi di buio pesto su uno dei casi più spinosi di sempre nella storia del poker, il legale Mac Verstandig ha finalmente notificato la causa al giocatore professionista, il quale ha firmato lo scorso 24 gennaio.

Dunque nelle prossime settimane si dovrebbe aprire il dibattimento in aula, dove lo stesso Mike Postle è accusato di aver truffato al tavolo streaming dello Stone Gambling Hall di Sacramento. Sia la sala da gioco e sia alcuni dei giocatori che dichiarano di aver subito una truffa da Postle, chiedono in totale un risarcimento da 10 milioni di dollari.

Adesso spetterà al tribunale decidere se davvero Mike Postle ha utilizzato mezzi illeciti per vincere durante lo “Stone Live” al tavolo streaming del Casinò, oppure se le accuse verso di lui non hanno fondamento. Di sicuro siamo di fronte ad una vicenda molto intricata.

Mesi di accuse, ma…

Mike Postle lo scorso settembre è finito sotto le luci della ribalta, dopo una serie di accuse lanciate prima in rete e poi attraverso legali da 24 giocatori dello Stone Gambling Hall. Players che prendevano parte alle sessioni streaming cash game con lo stesso Poste, il quale è stato a loro dire autore di giocate fin troppo perfette. Così perfette da far pensare che il giocatore potesse conoscere in anticipo le carte dei rivali.

I 24 accusanti hanno parlato nei mesi scorsi di un possibile complice che potesse suggerire dalla regia le carte degli altri giocatori. Ma per il momento mancano davvero quelle prove che sarebbero necessarie per incastrare sia Mike Postle e sia l’eventuale complice.

Osservando i filmati delle sessioni incriminati, si può davvero dire che le letture al tavolo dello stesso Postle siano state di una perfezione unica. Ma oltre questo, non possiamo andare. Per questo motivo ci penserà il tribunale a stabilire se davvero Postle ha usato mezzi illeciti per arrivare al successo nelle varie sessioni giocate.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

I viaggi a vuoto di Mac Verstandig

I giocatori che hanno accusato Mike Postle di truffe ai loro danni, si sono raggruppati sotto un solo avvocato di Sacramento. Vale a dire Mac Verstandig che da fine novembre a metà gennaio si è recato per sette volte a casa di Postle, per tentare di consegnare la notifica della causa. Senza la firma del giocatore sarebbe stato molto più complicato arrivare in tempi brevi al processo.

Mike Postle

Per sette volte nessuno ha aperto al legale dei giocatori. Mac Versstanding ha riferito di aver avuto la sensazione che qualcuno lo stesse osservando dalle finestre di casa, pur senza aprire. Decisivo alla fine è stato l’ottavo viaggio dell’avvocato: ha suonato e Postle ha aperto, firmando la notifica. Il processo dunque può prendere forma.

Cinque capi di accusa

Mike Postle si è sempre definito innocente nei mesi scorsi e continua a farlo anche dopo la firma dello scorso 24 gennaio. Su di lui pendono in tutto 5 capi di accusa, una richiesta da 10 milioni di dollari come risarcimento e un’accusa molto agguerrita. Essa è composta appunto dai 24 players che hanno intentato la causa contro il professionista e dallo Stone Gambling Hall.

Richard Pachter è l’avvocato nominato dal casinò e dunque lavorerà gomito a gomito con l’alleato Mac Verstandig per arrivare alla sentenza di colpevolezza di Postle. Mike intanto ha lasciato scadere i termini per la nomina di un avvocato difensore e così il processo slitta sicuramente di 28 giorni, in moda da dare all’accusato il tempo necessario per assicurarsi un difensori che lo rappresenti nella causa.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari