Sunday, Oct. 20, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 3 Ott 2019

|

 

Le mani pazze e sospette di Mike Postle: troppo belle per essere vere?

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Le mani pazze e sospette di Mike Postle: troppo belle per essere vere?

Area

Vuoi approfondire?

Negli ultimi giorni c’è un player americano che improvvisamente è finito sulla bocca di tutti per alcune mani spettacolari giocate davanti alle telecamere.

Lui si chiama Mike Postle, gioca a poker da oltre un decennio e in alcune recenti sessioni di cash game ha lasciato tutti senza parole…

Postle è un regular della Stones Gambling Hall in California, location dalla quale vengono trasmesse molte interessanti ore di Live Poker Stream, anche con personaggi noti del poker statunitense.

Insomma che è successo di tanto strano a questi tavoli cash? Beh, diciamo che Postle si è esibito in piatti molto particolari, uscendone spesso vincente. Si dice che abbia incassato qualcosa come 100mila dollari negli ultimi tempi.

Il che ha suscitato il sospetto della community su alcuni forum e sui social. Sono spuntati così parecchi video che documentano linee a dir poco particolari di Postle, vincente anche in piatti multiway complicati. Qualcuno sostiene che abbia delle conoscenze tra chi si occupa dello streaming e che dunque potrebbe in qualche modo aver saputo le carte avversarie in anticipo…

Joe Ingram ha perfino dedicato a Postle un video di cinque ore nel quale si dilunga a investigare su mani e comportamenti sospetti. Non poteva mancare nemmeno uno scettico Doug Polk all’appello.

Noi ovviamente non intendiamo spendere così tanto tempo sul caso, ma vogliamo proporvi alcune mani selezionate da PokerNews per farvi capire meglio di cosa parliamo.

Considerate che gli streaming hanno circa 20 minuti di ritardo rispetto alla realtà e che generalmente ai giocatori viene vietato l’uso di cellulari in queste situazioni.

Insomma, potrebbe essere stato sollevato un polverone senza validi motivi, ma di certi questi colpi meritano un approfondimento ugualmente…

 

K-K con due Assi sul board

In questo spot ci sono cinque giocatori coinvolti e Mike fa solo call preflop con KK. Il flop 9AJA non dovrebbe farlo molto felice, eppure chiama ancora. In quattro si vedono l’A al turn. Mike checka, Harlan punta 700 e Mike chiama. Il river è un 3 e nessuno punta: l’avversario con 86 si arrende e checka dietro.

Doppio all in, call con 5-4!

Questa è sicuramente una delle mani migliori e avviene tutta preflop. Tra l’altro è coinvolto anche una leggenda vivente come Chris Moneymaker.

Ci sono due call da $45 in late position. Naga rilancia a $245 con AK da SB. Moneymaker risponde: $705 da BB con AK.

Postle (che aveva messo lo straddle da 45) ci pensa con 54 e chiama. Naga è visibilmente confuso e pusha $2.900. Moneymaker lo imita mettendo $4.100. Postle copre entrambi e si unisce alla festa! A carte viste ha fatto bene perché gioca al 42% per 11.200 dollari di pot.

Il primo board recita 3-3-7-7-8. Split. Il secondo board è Q-Q-2-5-8. Il turn premia Postle che incassa così 5.600 dollari in tutto.

 

All in al turn senza paura

Altra mano, altro pot per Postle. C’è un raise preflop a $180 con 92. Ci sono due call con mani decisamente marginali: 52 per il nostro Mike e 64.

Il flop è 3106. Mike resta solo contro l’original raiser. Il turn è un 2. L’oppo Harlan insiste a puntare. I commentatori esaltano il gioco di Mike che si inventa l’all in. Harlan folda con 1.400 dollari dietro.

 

Tutte al river con il 6…

Ecco un altro all in vincente per Mike Postle… Bryan rilancia con 98 preflop e riceve due call. Il flop è 64K e Mike check/calla con 96 fuori posizione.

Il turn è un A e l’action si ripete. Il river è un A. Mike esce puntando $250 e Bryan si inventa un raise a $700. Mike ci pensa e va all in! I commentatori sono sbalorditi.

 

All in contro due draw mancati

In questa sensazionale mano ci sono addirittura otto giocatori che si guardano il flop 1053. Bryan punta $215 con K2. Cameron chiama con AQ. Mike con 76 resta nel pot…

Il turn è un J. Mike checka. Bryan insiste puntando $225. Cameron chiama ancora. Lo stesso fa Mike fuori posizione.

Il river è un 3 e dal nulla Mike dichiara l’all in da 1.400 dollari! Bryan e Cameron foldano. Ha pagato la mossa a dir poco rischiosa di Mike…

 

6-3 è buono contro A-K

Russel apre preflop a $30 con 84. Cmill 3-betta con AQ. Firas con la sua bella maglietta della Germania 4-betta a $375 con AK e Postle fa un cold-call con 63 dal bottone! Gli altri foldano.

Il flop è un divertente 893. Firsa punta $550 e Postle chiama senza esitazioni. Il turn è un 9. Firas punta 670. Postle va all in! Firas ci pensa tantissimo e infine chiama aggiungendo 1.600 dollari. Il doppio river fa cascare a terra 5 e 3 di fiori che non cambiano la sostanza…

 

Full contro full, eppure…

Anche quando perde il nostro Mike in realtà sembra uscirne da vincente. Mike apre a $30 con 88. Bryan chiama con 1010. Chiama anche un K5.

Il flop è 994. Mike punta $55 e Bryan chiama. Il turn è un 10. Mike punta 80 e Bryan chiama. Il river è un 8 che concede full anche a Mike. Eppure Mike checka. Bryan punta 200. I commentatori prevedono già l’all in e invece Mike si limita al call! I commentatori restano senza parole.

 

Re-Bluff al turn con A-2

E veniamo alla mano che probabilmente ha scatenato il putiferio attorno a Postle. Nel colpo a quattro c’è infatti anche la bionda Veronica Polak che sui social ha lanciato durissime accuse. Proprio la Polak 3-betta preflop fino a $300 con AK. Postle è dominato con A2.

Il flop recita 4QQ. Nessuno punta. Il turn è un 5. Scott punta $430 con 97. Postle rilancia a $1.200. Veronica folda e lo stesso fa ‘Head duck’, una giocatrice di colore, la quale folda la best hand: 1010.

Scott non si arrende e mette nel mezzo $3.000! Lo scatenato Postle allora si inventa una 4-bet a $5K! Solo a questo punto Scott folda…

 

7-2 è meglio di J-J?!

Questa è veramente bella. La classica mano di durezza pura. Postle 3-betta preflop $35 con 72 e Hart Banson chiama con JJ. Il flop è AAQ. Postle spara$155. L’oppo chiama. Turn: 3. Postle va con la seconda: $380. Oppo chiama ancora. River: 10. Oppo checka per la terza e ultima volta fuori posizione, Postle va in all in con aria quasi scocciata. Oppo ha 2.100 dollari dietro, di pensa parecchio ma infine folda. I commentatori sono estasiati.

 

Un 9-5 off senza senso

Chiudiamo con una chicca. Il preflop è ridicolo. Mike apre a $60 con una manaccia come 95. Ci sono due call con A-Qs e A-Js. Lo straddle Bryan con 64 3-betta $260. Mike chiama. Derick allora con AQ4-betta $950. Porter con AJ folda. Bryan pusha $965. Come se non bastasse le luci della sala si spengono. Mike chiama e Derick non può far altro che aggiungere $15.

Un commentatore esclama: “Questo piatto non ha senso di esistere“. Il flop è 39J. Mike pusha 3.000 dollari. Derick ne ha più del doppio e folda. Al tavolo scoppia una risata. Turn 7 e river 7. Turn K e river 6. Allo showdown finale l’imbarazzo è evidente.

 

In conclusione, ora che avete visto alcune mani, voi che ne pensate di tutta questa storia? Sinceramente a noi sembrano colpi alquanto bizzarri e spettacolari, ma prove evidenti di cheating non ce ne sono.

È solo un caso estremo di invidia per un giocatore che runna alla grande? Postle sinceramente sembra molto a suo agio al tavolo e si vede che i suoi avversari lo soffrono. Forse prossimamente ne sapremo di più.

La difesa di Mike Postle

Nel frattempo il diretto interessato su Twitter scrive: “È una vergogna che io debba scavare nel mio passato andando indietro di 16 anni per dimostrare che ho sempre giocato con questo stile. Chiunque sia stato al tavolo con me per qualche sessione lo sa. Ci sono centinaia di persone che lo sanno. Ringrazio tutti quelli che mi stanno supportando.

La differenza tra me e altri è che io ho speso tanto tempo a studiare il comportamento degli avversari e le puntate; in più sono stato benedetto da un buon istinto. Il poker è sempre stata la mia unica fonte di reddito. Non ho avuto una famiglia ricca alle spalle. Semplicemente ho sempre voluto diventare il migliore senza scordare da dove vengo“. Intanto la tramissione dello streaming dallo Stones è stata interrotta per indagare approfonditamente.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari