Tuesday, Aug. 11, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 1 Mag 2020

|

 

Quando il trappolone finì male per Dan Cates vs Patrik Antonius

Quando il trappolone finì male per Dan Cates vs Patrik Antonius

Area

Vuoi approfondire?

Una mano storica che ha segnato il poker in TV, quella giocata fra Daniel Cates e Patrik Antonius nella quinta stagione del format “Premier League Poker“. Lo spot è davvero particolare, con Cates che inizialmente prova ad intrappolare il rivale, per poi cadere a sua volta nella sua stessa trappola. Insomma una mano che ha fatto e che continua a far parlare anche a distanza di anni.

Certo, il formato “Sit&Go” del programma è destinato proprio allo spettacolo e all’intrattenimento e forse, se si fosse trattato di una mano di cash game high stakes, il risultato sarebbe stato un altro. Sta di fatto che la mano giocata dai due regala molti spunti di riflessione e allora cerchiamo di capire dove finiscono i meriti di chi vince, per poi affrontare i demeriti di chi perde.

Allacciate le cinture e con la nostra “macchina del tempo” torniamo indietro di almeno di 10 anni.

Jungleman12 in slow play

Il video della mano si apre con 3 players left nel sit&go della “Premier League Poker“. Da bottone, nel livello 15.000-30.000, apre il gioco Antonius a 60.000 con K 8 e da small blind Dan Cates spilla A A . “Jungleman12” ci pensa qualche istante e invece di 3bettare fuori posizione, opta per un semplice call. Con 150.000 pezzi nel pot si va al flop.

Le 3 carte comuni recitano: Q 7 6 e Cates fa check lasciando la parola al rivale. Ti aspetti un proiettile in cbet da parte di Patrik, ma lo scandinavo bussa dietro. In quarta strada si materializza un 9 . Dan è sempre in vantaggio con la sua coppia d’assi e runna all’81%, mentre Antonius vede aprirsi un progetto di scala bilaterale che lo porta dal 7% al 19%.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Questa volta Cates decide di uscire e mette oltre la linea 90.000 unità. Patrik riflette alcuni secondi e poi chiama con il suo progetto. Il piatto decolla a 330.000 chips e tutti attendono la quinta carta che completerà il board. E il river è una carta che davvero sovverte tutto.

Un river micidiale

Ecco un 5 che consegna la scala ad Antonius . Cates sembra intenzionato a puntare nuovamente, ma dopo aver contato il suo stack di 345.000 fiches fa check. Patrik deve gioco forza valuebettare la sua scala e con 370.000 gettoni complessivi, il finlandese spara la bet a 230.000.

Praticamente è committato e comitta anche il rivale. “Jungleman12” ci pensa a lungo, sembra parecchio perplesso e poi dopo quasi un minuto chiama. Alla vista della scala runner-runner chiusa dal rivale rimane interdetto e il suo volto vale molto più di mille parole.

Chi giocherebbe la mano come Dan Cates? Troppo passivo, oppure la trappola stava funzionando alla grande? Al river si può passare Asso-Asso? Fateci sapere il vostro pensiero su questo particolare spot.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari