Saturday, Jun. 6, 2020

Storie

Scritto da:

|

il 20 Mag 2020

|

 

Cosa c’è da sapere sulla sfida heads-up tra Riccardo Lacchinelli e Luca Micalef

Cosa c’è da sapere sulla sfida heads-up tra Riccardo Lacchinelli e Luca Micalef

Area

Vuoi approfondire?

L’evento Turbo Series che ha visto il ritorno alla ribalta online di Riccardo Lacchinelli, con un notevole secondo posto su più di 7.200 iscritti, ha avuto qualche strascico.

Un po’, lo ammettiamo, c’è il nostro zampino, seppur in modo indiretto: sulla nostra pagina Facebook, infatti, il vincitore del testa a testa conclusivo ha postato un commento che ha fatto saltare la mosca al naso al mitico ‘funambolino’.

In pratica il giocatore ‘altezzissima’, al secolo Luca Micalef, 37enne di origine maltese che vive a Siracusa, ha scritto di aver letteralmente dominato Lacchinelli in heads-up.

screenshot-commento-altezzissima

 

Per Riccardo, invece, la sua sconfitta nel testa a testa conclusivo dell’evento Turbo Series, in cui partiva in chiaro vantaggio di chips, è stata causata più dalla mala sorte, come già ci aveva raccontato.

Per questo ‘funambolo’ ha lanciato il guanto di sfida all’avversario via social:

riccardo lacchinelli post sfida

Dopo questo post Riccardo e Luca si sono sentiti telefonicamente e si sono messi d’accordo: la data è ancora da stabilire, ma la sfida si farà al cento per cento.

 

La versione di Luca

“Ci siamo sentiti telefonicamente e abbiamo deciso di giocare. Il buy-in ancora non è stabilito ma sarà una sfida al meglio degli otto sit’n’go su quindici – dice Luca.

Il siciliano spiega di non avere alcun tipo di timore reverenziale nei confronti di uno dei professionisti storici del poker italiano. Anzi, come già aveva scritto su Facebook, ribadisce di partire avvantaggiato contro Lacchinelli nei testa a testa:

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

“Quando ho scritto che l’ho palleggiato intendevo in senso letterale, come quando Totti palleggia la carta igienica nei suoi video. Non è una forma di vanto ma è la verità. Credo che Riccardo non abbia accettato la sconfitta. D’altronde partiva con un ampio vantaggio di chips e in sette minuti di orologio si è ritrovato secondo”

Micalef spiega di sentirsi particolarmente sicuro di sè negli heads-up anche grazie alla esperienza maturata online con gli Spin&Go: nel 2016, nota di colore, ne vinse uno con moltiplicatore massimo da 5€ di iscrizione, incassando la bellezza di 50.000€:

“Gioco a poker da una decina di anni a livello amatoriale, non mi sento un pro ma negli Spin&Go credo di cavarmela molto bene e quindi anche nei testa a testa”

 

La versione di Riccardo

“Ci siamo sentiti ed è stata una conversazione piacevole, Luca si è mostrato gentilissimo e mi ha già chiesto scusa per qualche commento improprio. E’ stato davvero molto educato e mi ha anche fatto i complimenti per le vecchie trasmissioni a PokerItalia24. Io mi sono complimentato con lui per la vittoria del torneo”

La sfida, spiega Lacchinelli, avrà un valore simbolico più che monetario. Sul piatto i due sfidanti metteranno il proprio onore pokeristico:

“Il costo degli heads-up sarà simbolico. Magari chi perderà offrirà una cena al vincitore. Sarà una sana sfida a poker sportivo. E’ simpatico come sia nata da una cosa non così importante e magari un po’ sopra le righe come può essere stato quel suo commento su Facebook”.

Sull’esito della singolar tenzone al tavolo verde, Riccardo non ostenta meno sicurezza dell’avversario:

“Nel torneo Luca ha avuto fortuna a più riprese, prima del testa a testa conclusivo dove poi ha vinto tutte le gire. Onestamente sono davvero convinto che alla fine sarò il il vincitore…  VAMOS!”

 

Continueremo a informarvi sulla sfida heads-up Lacchinelli vs Micalef: stay tuned per tutti gli aggiornamenti del caso!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari