Monday, Nov. 29, 2021

Storie

Scritto da:

|

il 13 Dic 2020

|

 

I più grandi gambler della storia: Benny Binion, il commerciante diventato boss delle WSOP

I più grandi gambler della storia: Benny Binion, il commerciante diventato boss delle WSOP

Area

Poche persone, nella storia di Las Vegas e del gambling più in generale, hanno avuto un impatto come quello che ha avuto Benny Binion: quest’ultimo, infatti, può essere considerato a pieno titolo uno dei “padri putativi” della SinCity che conosciamo oggi, nonostante un passato di luci ed ombre.

Un texano nato tra i cavalli

Lester Ben Binion nasce nel 1904 a Pilot Grove, Texas. Fin da subito ribattezzato “Benny”, soprannome che conserverà per tutta la vita, non ha una infanzia semplicissima per svariati problemi di salute che lo tengono addirittura lontano da scuola.

Benny, pertanto,  trascorre tutta la sua infanzia accanto al padre, un commerciante di cavalli. Pur senza alcuna istruzione, fin da piccolo dimostra grande impegno, muovendo i primi passi lavorativi a dieci anni come fattorino per il padre, e in seguito affiancandolo nei suoi viaggi lavorativi.

A quell’epoca, i commercianti di cavalli condividono una passione: quella del poker, che Benny apprende parallelamente alle nozioni lavorative del padre.

La messa in proprio

All’età di 24 anni, Benny ritiene di aver imparato tutto il possibile nel settore del commercio dei cavalli, così si trasferisce a Dallas per aprire una sua propria attività. In qualche modo, però, decide di aprire due canali commerciali paralleli: uno pubblico (nonché soggetto alle regole e tassazioni degli Stati Uniti) e uno “segreto” (illegale ed esentasse).

Negli anni ’30 e ’40, Binion diviene una vera e propria autorità nel commercio equino, posizione raggiunta anche… “pestando qualche piede”. Se non qualcosa di più: molti commercianti equini del Texas, suoi concorrenti, spariscono misteriosamente, dando a Benny la possibilità di esercitare una sorta di monopolio di Stato.

Benny, peraltro, per difendere i suoi interessi non si fa particolari problemi a coinvolgere politici e malavitosi, allungando più di qualche bustarella.

All’ennesimo episodio poco chiaro, in cui uno dei pochi concorrenti rimasti scampa ad un attentato,  per evitare persecuzioni legali Benny decide di fare fagotto e trasferirsi: la scelta ricade su Las Vegas.

Nuova vita a Las Vegas

E’ il 1951, e Benny Binion gode di una situazione invidiabile: ha un pacco di soldi da investire e miracolosamente è scampato alla legge del Texas, nonostante le numerose malefatte.

Così ha un’idea: decide di investire nell’apertura di un albergo, il Binion’s Horseshoe Casino (nome chiaramente ispirato alla sua attività precedente).

Il Binion’s, differentemente dagli altri hotel presenti in città, ha la particolarità di distinguersi subito per lusso e attenzione verso il cliente: è il primo vero e proprio hotel pensato più in ottica familiare che non strettamente turistica. Per primo a Las Vegas, Benny introduce le consumazioni gratuite al tavolo, strategia che porta a downtown tantissimi nuovi giocatori, facendo la fortuna del nuovo Casinò.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Un altro stratagemma di particolare effetto è quello del “Million Dollar Horseshoe”: in una teca di vetro a forma di ferro di cavallo, Benny decide di mettere diecimila biglietti da cento dollari, formando così una esposizione da un milione di dollari. Scelta apparentemente vincente: il Binion’s diventa una tappa pressoché obbligata per tutti gli avventori di Las Vegas, che si ammassano ogni giorno per portare a casa una foto davanti alla preziosa teca.

Inoltre, accetta puntate di ogni tipo e grandezza, senza alcun timore.

Una protezione particolare

Imprenditore di successo, ma anche metodi duri e protezioni discutibili: Benny, per non avere troppi problemi con la burocrazia o con la concorrenza, si affilia subito con la malavita di Sin City, che lo tiene al riparo dalle numerose noie della legge.

Legge che spesso infrange, in particolar modo con chi veniva pescato a barare all’Horseshoe: anche qui i truffatori venivano fatti sparire nel nulla, tant’è che risultano numerosi gli omicidi e le sparizioni irrisolte di quell’epoca. Benny, però, ne esce sempre pulito e praticamente mai accusato di qualcosa.

L’evasione fiscale

Come Al Capone è stato incastrato per evasione fiscale, anche Benny (nonostante le sue malefatte ben più gravi) non riesce del tutto a sfuggire dal fisco americano. Nei primi anni ’60, infatti, più volte perde il controllo del suo Casinò perché imprigionato per una gestione finanziaria… “piuttosto allegra”, senza pagare le tasse. Pertanto, pure lui (nonostante battaglie legali pagate fior di quattrini e la discesa in campo di personaggi malavitosi di spicco) si trova a dover passare qualche anno in galera.

Sono i figli Jack e Ted, unitamente alla moglie Jane, a proseguire il business di famiglia negli anni in cui Benny sta dietro le sbarre.

Benny Binion e le WSOP

Negli anni ’70, con un business assolutamente affermato (e, si spera, con un po’ meno malefatte in città) Benny Binion contribuisce  in maniera determinante all’istituzione delle World Series of Poker, che vengono ospitate proprio presso l’Horseshoe dalla loro prima edizione (e vi resteranno sino al 2003, quando la vittoria di Chris Moneymaker richiederà un’ubicazione molto più spaziosa a partire dall’anno successivo).

Benny Binion muore il giorno di Natale del 1989: poco dopo, dall’altra parte della strada rispetto al suo Horseshoe, viene collocata una statua che gli rende omaggio. Nonostante le controversie e la vita continuamente borderline, infatti, con le sua idee imprenditoriali Binion ha contribuito in modo determinante alla costituzione della Las Vegas moderna, come oggi la conosciamo.

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari