Saturday, Jan. 29, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 18 Ott 2021

|

 

WSOP 2021. Phil Hellmuth, il GOAT delle WSOP. Tutte le statistiche su Poker Brat a Las Vegas

WSOP 2021. Phil Hellmuth, il GOAT delle WSOP. Tutte le statistiche su Poker Brat a Las Vegas

Area

Vuoi approfondire?

E sono sedici. Phil Hellmuth, con la vittoria nell’evento 31 delle WSOP 2021, ha arricchito ancora di più la sua (già straordinaria) bacheca pokeristica, che si completa con un 16esimo braccialetto.

Questa vittoria scava un solco ancora più grande (fatto di sei braccialetti di distanza) tra “Poker Brat” e il gruppo composto da Phil Ivey, Johnny Chan, e Doyle Brunson, tutti fermi a 10 titoli.

Cercheremo di fare alcune considerazione e, avvalendoci di alcuni dati statistici, di capire se Phil Hellmuth sia davvero il migliore pokerista di tutti i tempi.

Tutti i braccialetti di Phil Hellmuth

Anzitutto, una premessa doverosa: qui elenchiamo tutti i braccialetti e le discipline in cui sono stati vinti.

  1. 1989: $10,000 No Limit Hold’em World Championship ($755,000)
  2. 1992: $5,000 Limit Hold’em ($168,000)
  3. 1993: $1,500 No Limit Hold’em ($161,400)
  4. 1993: $2,500 No Limit Hold’em ($173,000)
  5. 1993: $5,000 Limit Hold’em ($138,000)
  6. 1997: $3,000 Pot Limit Hold’em ($204,000)
  7. 2001: $2,000 No Limit Hold’em ($316,550)
  8. 2003: $2,500 Limit Hold’em ($171,400)
  9. 2003: $3,000 No Limit Hold’em ($410,860)
  10. 2006: $1,000 No Limit Hold’em with rebuys ($631,863)
  11. 2007: $1,500 No Limit Hold’em ($637,254)
  12. 2012: $2,500 Seven-Card Razz ($182,793)
  13. 2012E: €10,450 No Limit Hold’em Main Event (€1,022,376)
  14. 2015: $10,000 Seven-Card Razz ($271,105)
  15. 2018: $5,000 No Limit Hold’em ($485,082)
  16. 2021: $1,500 No Limit 2-7 Lowball Draw ($84,851)

Il 2-7 Lowball era una disciplina che a Hellmuth mancava, motivo per cui il trionfo della notte tra domenica e lunedì assume forse ancora più valore.

Hellmuth e i trionfi WSOP: alcuni dati statistici

Non sappiamo se Phil Hellmuth sia il più grande pokerista mai esistito, ma una certezza ce l’abbiamo: Phil Hellmuth è senza dubbio il miglior pokerista di sempre alle World Series. Durante i campionati del mondo, infatti, Hellmuth riesce a dare veramente il meglio di sè, attestandosi costantemente nella parte alta di tutte le classifiche di rendimento.

Hellmuth ha infatti accumulato ben 176 piazzamenti a premio alle WSOP dal vivo per oltre $15 milioni di guadagni in soli tornei.

Sono solo sei giocatori i giocatori che più volte sono finiti ITM rispetto ad Hellmuth: parliamo di Roland Israelashvili (291 ITM), Arkadiy Tsinis (218), Douglas Carli (196), Daniel Negreanu (195), Ari Engel (194) e Allen Kessler (181). Cifre, queste, che però includono anche tutti gli eventi del circuito WSOP in giro per gli Stati Uniti. Limitandosi alle sole WSOP “ufficiali” solo Daniel Negreanu supera Hellmuth con 185 piazzamenti a premio.

In termini di vincite assolute, sono solo tre i giocatori che si classificano più in alto di Phil Hellmuth nelle vincite WSOP: Antonio Esfandiari ($ 22.365.691), Negreanu ($ 19.739.896) e Dan Colman ($ 17.413.782). C’è da dire, però, che nella valutazione di Colman ed Esfandiari pesano enormemente i trionfi al Big One for One Drop, che da solo influenza decisamente i risultati in termini di guadagni. Colman, infatti, ha collezionato solo 10 piazzamenti a premio WSOP , con un braccialetto; discorso simile per Esfandiari, che ha collezionato 51 piazzamenti a premio e tre braccialetti WSOP.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Quanto a Final Table, poi, Phil Hellmuth è il primatista assoluto: parliamo di un uomo capace di sedersi per ben 66 volte tra gli ultimi otto/nove giocatori di un torneo. Quattro di queste occasioni, poi, sono arrivate in queste World Series.

Altro record di Hellmuth, finora, è quello di aver vinto il Main Event WSOP sia a Las Vegas nel 1989 sia nel 2012 in Europa, in occasione delle WSOPE. A parte lui, non vi è alcun altro “eroe dei due mondi”.

Solo Negreanu, quindi, in termini numerici performa come e quanto Hellmuth; quest’ultimo, però, dalla sua ha anche un trionfo al Main Event, oltre che un numero maggiore di braccialetti, che lo pone in una posizione di indubbio vantaggio, quantomeno dal punto di vista statistico.

Hellmuth, il migliore di sempre o no?

Tremendamente efficace alle WSOP, non abilissimo nel cash game. Per alcuni, il più grande; per altri, solo abile e fortunato nel poter disputare praticamente tutti i tornei ogni anno.

La verità è che Hellmuth (in particolare quest’anno, con uno stato di forma pregevole)  è sulla cresta dell’onda da ormai 30 anni, e volenti o nolenti glielo dobbiamo riconoscere. Nessuno arriva da così lontano con questa continuità, neanche Negreanu (che è emerso qualche anno dopo rispetto a Phil). Un dato impressionante, se vogliamo, è che Hellmuth ha vinto in cinque decadi diverse: negli anni ’80, nei ’90, nei ’00, nei ’10 e nei ’20. Pazzesco, no?

L’incredibile fame di vittoria che l’ha sempre accompagnato, unitamente ad una costanza mostruosa, ne fanno forse il migliore di sempre, e pazienza se (come ogni tanto capita) la passione lo porta a sbagliare e ad arrabbiarsi troppo.

Fa parte del personaggio, e anzi il poker deve a lui buona parte del suo successo. La cosa bella (ne siamo certi) è che non passerà molto tempo prima di dover riscrivere tutte queste righe, aggiornando piazzamenti e incassi, e magari aumentando il numero dei braccialetti conquistati.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari