Sunday, Aug. 14, 2022

Scritto da:

|

il 25 Ott 2010

|

 

Nuovo scandalo Bot su Full Tilt Poker

Area

Full Tilt Poker, la seconda maggiore poker room del mondo, ha inviato nei giorni scorsi una mail agli utenti nella quale spiega la nuove misure adottate dalla room nei confronti delle truffe online e per massimizzare la sicurezza dei clienti, nell’ e-mail viene anche illustrato come recentemente siano stati scoperti molti account che violavano le norme del sito attraverso l’utilizzo di Poker Bot.

Tutti questi account sono stati chiusi e i fondi confiscati, ma la room non ha fornito molti dettagli in questa mail riguardo a ciò che sia accaduto e a quali e quanti siano questi account, ma nella mail si fa riferimento a un risarcimento che sarà effettuato a coloro che risulteranno esser stati le vittime di questi bot-account.

Questo il testo: “Per una serie di ragioni non siamo in grado di fornire informazioni aggiuntive per quanto riguarda questo caso, sugli attori coinvolti e il tipo di gioco in cui si è verificato“. Sembrerebbe quindi che la lotta delle room contro le truffe continui e questo è il secondo caso eclatante di quest’anno dopo lo scandalo di luglio che aveva riguardato diversi account di Pokerstars collegati a un circuito di Poker Bot cinesi, truffa che secondo le stime aveva fatto guadagnare in pochi giorni agli autori circa 57 mila dollari nei sit double or nothing.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Attualmente i Poker Bot sono maggiormente utilizzati nel Cash Game, ma si stanno rapidamente diffondendo anche nel mondo dei Sit’n’Go grazie a modelli basati sull’equilibrio di Nash e sull’ICM. Per quanto riguarda Full Tilt un problema simile si era verificato lo scorso anno con la room pronta a bloccare i conti degli utenti Lary “pokergirl z” Kennedy e Greg Omotoy e poi citata dagli stessi in giudizio per frode, calunnia: in quel caso il giudice Margareth Morrow aveva respinto le accuse ai danni dei dirigenti della room per mancanza di prove e non riscontrando violazioni delle leggi federali.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari