Full Tilt Poker : Accordo con Tapie per restituire i fondi ai giocatori! | Italiapokerclub

Saturday, Apr. 4, 2020

Poker Online

Scritto da:

|

il 1 Nov 2011

|

 

Full Tilt Poker : Accordo con Tapie per restituire i fondi ai giocatori!

Full Tilt Poker : Accordo con Tapie per restituire i fondi ai giocatori!

Area

Vuoi approfondire?

Finalmente uno spiraglio di luce concreto nella tempesta Full Tilt Poker: pochi minuti fa il sito web Subject Poker ha confermato che il Gruppo Bernard Tapie ha raggiunto un accordo con il Dipartimento di Giustizia Americano. Ora pare che sia davvero tutto pronto per l’acquisizione del marchio da parte di Bernard Tapie e suo figlio.

Da quanto si apprende l’accordo prevede il risarcimento dei conti gioco dei players di tutto il mondo, ora la parola spetta al consiglio di amministrazione di Full Tilt Poker che dovrà ratificare l’acquisizione.

La notizia è rimbalzata sul web attraverso una mail uscita direttamente da Ray Bitar, manager della Tiltware la società che controlla Full Tilt Poker, e indirizzata a tutti gli azionisti. Questo il contenuto della mail :

“Cari soci,

Sono lieto di annunciare che oggi il Dipartimento di Giustizia e il Groupe Bernard Tapie hanno raggiunto un accordo di principio per l’acquisizione delle società che costituiscono Full Tilt Poker. Da quanto appreso l’accordo prevede che, in cambio di un concordato in sede giuridica il Groupe Bernard Tapie si impegna al pagamento dei fondi dei giocatori, il DoJ rimborserà i giocatori degli Stati Uniti per poi risolvere il contenzioso in essere con le società che comprendono Full Tilt Poker. Al di là di queste condizioni restano poco chiari l’arco di tempo e il processo di rimborso dei giocatori.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Con il consenso del DoJ in mano, il Groupe Bernard Tapie può ora procedere per finalizzare un accordo di acquisizione delle aziende e delle attività che compongono FTP. Tale accordo sarà molto probabilmente indirizzato a portare le vostre azioni o i vostri interessi nelle società subentrante. Una volta ricevuta la proposta, sarà necessario coordinarsi con i nostri avvocati per garantire i termini dell’accordo proposto da condividere e votare con i soci.”

Per il momento non si conoscono ancora gli ultimi dettagli dell’accordo tra il GBT e il DoJ, sta di fatto che questa potrebbe essere la chiave di volta della vicenda Full Tilt Poker. Pare comunque che a fronte di un impegno da parte del Gruppo capitanato da Bernard Tapie per la restituzione dei fondi ai giocatori di tutto il mondo, il DoJ si impegnerà ad istituire un fondo per ripagare i giocatori USA.

Una volta definiti tutti i dettagli dell’accordo con il DoJ la parola passerà agli azionisti di Full Tilt Poker che potranno così dire l’ultima sentenza sulla vendita. Ovviamente pare scontato che la vendita si farà, restano ora solo da definire i tempi. Intanto il Groupe Bernard Tapie può già iniziare a muoversi in ottica licenze che dopo il blocco da parte della AGCC dovranno essere riacquisite.

Speriamo di potervi dare nel minor tempo possibile la notizia dell’avvenuta vendita e soprattutto speriamo che l’accorto possa portare nel minor tempo possibile la restituzione dei fondi ai giocatori di tutto il mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari