Wednesday, Aug. 21, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 24 Apr 2019

|

 

La rapida ascesa di Massimo Raley90 Banchi su Stars: È il mio primo vero anno da grinder

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

La rapida ascesa di Massimo Raley90 Banchi su Stars: È il mio primo vero anno da grinder

Area

Vuoi approfondire?

C’è un nickname che ultimamente abbiamo citato diverse volte nei report dedicati ai tornei di PokerStars: quello di ‘Raley90‘.

Ai più attenti di voi il nick potrebbe ricordare uno trionfo ICOOP di fine ottobre, oppure una piccola gioia SCOOP di inizio aprile o ancora il Sunday Special di Pasqua.

Ebbene, ora possiamo rivelarvi finalmente chi è il misterioso player che vanta un guadagno di quasi 60.000 euro su Stars in meno di 3.000 partite.

Si chiama Massimo Banchi, ha 29 anni e grinda da Grosseto, in Toscana. Ci aveva parlato di lui già Gabriele ‘OMGabbro’ Rossi raccontandoci di una breve esperienza maltese nel ‘punto com’.

Dopo lo Special pasquale abbiamo avuto modo di fare due chiacchiere direttamente con Massimo che ci ha fatto un riassunto della sua breve carriera pokeristica e del suo momento:

Ho aperto il mio account su Stars circa 4 o 5 anni fa. Il nome Raley è una storpiatura di Riley, un cane del videogioco Call of Duty al quale giocavo anni fa.

Solo a settembre ho iniziato a grindare mtt più seriamente. Fino a novembre mi è andata molto bene e ho incassato pure un primo premio da 21.929 euro nell’ICOOP.

Poi c’è stata l’esperienza di Malta che ho chiuso più o meno in pari. Il 2019 fino a pochi giorni fa è stato privo di gioie. Alla fine piangere ha pagato.

A inizio mese mi sono iscritto per sbaglio all’Omaha H/L dello SCOOP. Pensavo fosse un semplice torneo di PLO. Avevo giocato poche volte a quella variante ma almeno mi sapevo muovere nelle dinamiche preflop. Comunque non penso che il resto del field fosse particolarmente preparato. Per fortuna ho runnato bene negli showdown decisivi. Non sono un grande intenditore di varianti in generale.

A Pasqua è arrivato poi è arrivato il colpo da 15.516 euro nel Sunday Special che ci voleva proprio“. Ecco qua come si presenta adesso il grafico di Massimo:

 

 

Ci siamo fatti dunque raccontare un po’ di più da Massimo sulla sua routine e sui piani futuri: “Quando ci sono le Series gioco tutti i giorni, altrimenti mi limito a 4 o 5 giorni a settimana. Ho iniziato ad ABI 15 for fun, incrementando piano piano. In questo momento le mie sessioni prevedono tra i 6 e gli 8 tornei in contemporanea, quasi esclusivamente su Stars. Scelgo quelli più interessanti della room.

Diciamo che quello passato è stato il mio primo vero inverno da grinder, ero un profano e ho sperimentato cosa significa tenere certi ritmi con gli mtt.

Soprattutto nella partentesi maltese abbiamo fatto orari un po’ disumani. Ora ho ripreso dei ritmi normali. Mi sono reso conto che lo scoglio più grosso è cercare di rimanere concentrati, darsi dei tempi durante la giornata. È importante gestire sonno e riposo, così come il regime alimentare e l’attività fisica. Tutto ciò ti aiuta nelle fasi finali dei tornei. Io ho pensato solo a giocare tanto, ma dal prossimo autunno mi comporterò diversamente“.

Massimo ha infatti intenzione di tornare al suo lavoro stagionale fisso questa estate per tornare in seguito ai tavoli da poker: “Da settembre mi rimetterò a grindare ancor più seriamente, magari aggiungendo i domenicali di altre room al mio piano. Credo siano indispensabili per i pro. Allo studio invece non ho mai dedicato tanto tempo, perché sono un po’ pigro. Però ne varrebbe la pena“.

 

Massimo insieme ai suoi compagni di avventura a Malta

 

In mezzo al grinding online, Massimo ha fatto anche qualche esperienza live: “Nei mesi scorsi ho giocato l’IPO  e la Battle of Malta, per esempio. Sono state delle belle esperienze e ho conosciuto altri ragazzi che grindano come me. Peccato non essere arrivato in fondo. Mi resta il rimpianto del BoM perché sono arrivato lontano ma poi ho fatto un bluff catch che non serviva“. Complimenti comunque a Massimo che è solo all’inizio della sua carriera da grinder e a quanto pare ha intenzioni piuttosto serie.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari