Sunday, Jun. 16, 2024

Strategia

Scritto da:

|

il 7 Nov 2023

|

 

ICOOP e tornei PKO, i consigli di Lex Veldhuis

ICOOP e tornei PKO, i consigli di Lex Veldhuis

Area

Vuoi approfondire?

La scorsa domenica, a favore di chi leggerà questo articolo con un po’ di ritardo, quella del 6 di novembre 2023, è partita la nuova edizione dell’Italian Championship Of Online Poker, che, per chi ha una certa dimestichezza con il gioco online, rappresenta una competizione che può essere parificata ai campionati italiani di poker.

Nei giorni scorsi abbiamo presentato in tutte le salse la kermesse che farà compagnia ai giocatori italiani per quasi tutto il mese di novembre e l’occhio dei più arguti sarà con ogni probabilità caduto sulla tipologia dei tornei programmati durante l’ICOOP, quasi totalmente facente capo ad eventi Progressive Knock Out. 

I consigli di Lex Veldhuis

Ma siamo sicuri che chi ci sta leggendo in questo momento, abbia tutte le carte in regola per prendere parte a questi tornei?

Soprattutto a vantaggio di chi li approccerà per la prima volta, vogliamo riportare qualche consiglio che arriva da uno dei giocatori più forti e carismatici del panorama pokeristico internazionale, il PokerStars Team PRO Lex Veldhuis, che proprio su PokerStars aveva dato qualche consiglio sul giocoai tornei PKO.

Veldhuis, dovreste saperlo, è uno dei giocatori più seguiti sul web, data la sua straordinaria capacità di intrattenere il pubblico che lo segue, una delle caratteristiche che lo hanno sempre diversificato dal resto dei suoi colleghi.

Il giocatore olandese aveva cominciato su Youtube, quando ancora Twitch, che diventerà poi preminente nell’attività di divulgazione del suo modo di presentarsi ai suoi followers, non esisteva.

Il fatto di usare un timer tra una mano giocabile e l’altra, ha sempre messo in condizione il giocatore europeo di spiegare ai sui seguaci che la pazienza ha un ruolo fondamentale, sia nei tornei, chiamiamoli così “tradizionali“, sia nel format PKO, che, per loro natura, richiederebbero sempre e comunque una maggiore aggressività.

Anche Veldhuis conviene con questo enunciato, ma ha sempre dichiarato che l’aggressività non va scambiata con la stupidità e la fretta. La pazienza è un elemento fondamentale, anche nei tornei coi Bounty in palio.

Considerare ogni situazione

Non basta partecipare alla corsa delle taglie, secondo Lex Veldhuis, con una mano di valore e intestardirsi sul fatto che la dobbiamo portare fino in fondo solo perché c’è un surplus di denaro in palio.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Quando abbiamo mani di un certo valore, come ad esempio un Asso forte, è meglio mettere subito in chiaro che abbiamo intenzione di far valere quel valore, in modo tale da non dare odds a chi parla dietro di noi, per provare a giocare in heads up, per cui al massimo contro un solo altro giocatore,  una mano come un Asso con un kicker molto forte.

Siamo infatti di fronte ad una combo che può rimanere buona fino allo show down se si misura con un’antagonista, come un Asso con un Kicker più piccolo, ma che diventa praticamente un colpo al 40% se a chiamare pre flop è più di un “Asso piccolo”, visto che dovremmo evitare sei outs invece che tre.

Una corposa 3Bet sull’apertura di un giocatore che ha agito prima di noi, dovrebbe essere sufficiente a mettere fuori gioco chi deve ancora agire.

A volte rallentare il gioco pre-flop o in prima strada, il flop,  è consigliabile quando vogliamo settare, quindi vederci il flop a basso costo, oppure se abbiamo un punto molto forte centrato al flop per tenere dentro il nostro, o i nostri, avversari, è necessario sempre assicurarsi di avere un motivo per farlo: non checkare mai di default le mani forti.

L’importanza dei range di apertura rispetto alla posizione e agli stack

Altro aspetto fondamentale da non sottovalutare, è quello delle frequenze di apertura da early e late position, quando gli stack effettivi si fanno meno profondi.

Questo succede ad ogni torneo, visto che prima o poi esso dovrà finire e i Bui erodono il valore di ciascuno stack.

Ciò significa che con l’incedere dei bui sarà necessario restringere il range di apertura da early position, esposto spesso all’incrocio con mani di estremo valore in possesso di tutto il tavolo che deve ancora parlare, e allargarlo da Cut Off e da Bottone, da late position, quindi, per il semplice fatto che, con mani marginali, i giocatori meno esperti e soprattutto quelli che non hanno confidenza con la late stage, sono restii a difendere il proprio Small e il proprio Big Blind con mani di valore medio/basso e sarà molto più semplice rubare i bui.

Foto in Homepage: Lex Veldhuis courtesy Manuel Kovsca & PokerStars

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari