Jason Mo: “Durrrr è patetico e deve pagare i suoi debiti!” | Italiapokerclub

Saturday, Mar. 28, 2020

Storie

Scritto da:

|

il 11 Dic 2012

|

 

Jason Mo: “Durrrr è patetico e deve pagare i suoi debiti!”

Jason Mo: “Durrrr è patetico e deve pagare i suoi debiti!”

Area

Vuoi approfondire?

Dopo la totale disfatta subita contro Isildur1 nella tanto attesa sfida su Full Tilt Poker, Tom “durrrr” Dwan è al centro delle attenzioni della poker community internazionale.

Sui forum di tutto il mondo si discute animatamente su quella che ormai è la “questione durrrr“: quanto è davvero valido come poker player? Ha solamente avuto fortuna nella scalata agli high stakes o è davvero un campione? Il suo thinking process è all’altezza di quello degli altri indiscussi maestri del No Limit Hold’em?

Com’è ovvio che sia, il mondo del poker si è diviso anche in questo caso nelle due classiche fazioni, con alcuni che lo difendono a spada tratta e altri, i cosiddetti “hater“, che sminuiscono Dwan in confronto ai suoi avversari.

Tra tutti i denigratori di Tom Dwan spicca in particolare la voce di Jason Mo, poker player americano che ieri si è sfogato su Twitter con queste parole.

“Full Tilt, è uno scherzo questo? Lol, è patetico. Restituite i soldi a Jungleman e fateli sfidare fin che durrrr sarà in bancarotta.

Ecco alcune bombe di verità assoluta: Tom Dwan ha vinto quasi tutti i suoi soldi online contro Guy Laliberté che giocava con molti account diversi. Tra i 5 account a cui Dwan ha vinto di più, 4 sono di Laliberté.

[Durrrr] è un giocatore totalmente perdente contro chiunque sia competente nel No Limit Hold’em, e i suoi risultati lo dimostrano. Ha deciso di accettare una scommessa di 500.000 $ e quota 3:1 contro chiunque lo volesse sfidare Heads Up, è stato distrutto da Jungleman, e lo ha evitato per non concludere la sfida, finché Full Tilt non è stata chiusa. E ora che hanno riaperto, stanno promuovendo Durrrr, ignorando completamente i soldi e l’action che erano dovuti a Jungleman.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Dwan non ha assolutamente idea di che cosa sia la matematica di base. Ha perso 200.000 $ contro Isildur, probabilmente sapendo di essere sfavorito, ma tanto sono soldi di Full Tilt quindi che gli importa? La verità è che perderebbe tantissimi bb/100 contro qualunque regular del 5 $ /10 $.

Per come la vedo io, Tom Dwan deve 1.500.000 $ a Jungleman, a meno che non voglia giocare ancora e perdere altri soldi contro di lui.

L’aspro intervento di Jason Mo è stato subito riportato sul forum statunitense 2+2, nel quale si sono subito scatenati i commenti. Se Jason si aspettava di aprire un vaso di Pandora di critiche a Durrrr, in realtà ha sbagliato completamente, perché il commento più gettonato dagli utenti è stato:

“Ma chi ***** è Jason Mo?”

Ci sono stati, sì, alcuni utenti che gli hanno dato ragione, ma la stragrande maggioranza dei commentatori si è sorprendentemente ritrovata a difendere Dwan in questo frangente. Anche alcuni accaniti denigratori di Durrrr in questo caso hanno fatto notare che affermazioni di questo calibro, giuste o sbagliate che siano, andrebbero fatte da chi ha un nome nel mondo del poker, e non da Jason Mo che è un player quasi totalmente sconosciuto, anche tra gli “addetti ai lavori”, senza referenze o garanzie che non si stia inventando tutto di sana pianta.

Insomma, per criticare Durrrr non basta lanciare il sasso e poi nascondere la mano: la comunità del poker è severa con chi si comporta in questo modo.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari