Thursday, Jul. 9, 2020

Strategia

Scritto da:

|

il 5 Dic 2016

|

 

Donkbettare con set: Matt Affleck leada al flop e riesce a farsi callare da sotto da David Vamplew

Donkbettare con set: Matt Affleck leada al flop e riesce a farsi callare da sotto da David Vamplew

Area

Vuoi approfondire?

Set al flop e la tentazione, nonché la scelta più comune quando non si è gli aggressori, è quella di checkare e lasciare spazio all’avversario.

In una mano recente, giocata da due player di assoluto livello, è stata messa però in atto un’originale deviazione dallo standard, che ora vi descriviamo.

Siamo al Main Event del PokerStars Festival in New Jersey, Day 3, e i protagonisti sono David Vamplew, campione EPT, e Matt Affleck, professionista americano di cui ricorderete le lacrime alle WSOP, quando nel 2010 venne malamente estromesso dal poi campione Jonathan Duhamel.

Il livello è 3.000/6.000 ed entrambi i giocatori hanno un decente stack.

Affleck (stack 350.000), da early position, apre a 14.000 e si trova ad affrontare la three-bet di Vamplew (220.000) a 35.000. C’è il call dell’original raiser.

FLOP: 9 A 10

Affleck ci pensa un attimo poi effettua una puntata da 40.000, lo scozzese opta per il call. Il dealer gira il 7 di picche al turn.

Matt Affleck pusha e mette alle corde l’avversario, che deve decidere se chiamare e mettere, di conseguenza, a rischio la sua permanenza nell’evento.

Alla fine Vamplew ha effettuato il call, ma lo showdown non lo ha reso particolarmente sereno:

Affleck – 9 9

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Vamplew – A J

Il river è un ininfluente 3 di cuori, carta che ha estromesso David al 16° posto.

Ecco l’analisi del collega di PokerNews Mo Nuwwarah, colui che ha intercettato la mano in loco.

PREFLOP: nulla di particolare da segnalare, con apertura e 3-bet su un avversario il cui range è ampio; Affleck ha buone implied odds per flattare il re-raise di Vamplew, seppur non sia semplice gestire una mano come 9-9 fuori posizione postflop.

FLOP: di solito si opta per il check, specialmente quando cade l’asso, carta che potrebbe aver aiutato il nostro avversario. L’obiettivo di Affleck, però, è quello di vedere entrambi gli stack nel mezzo. Se Vamplew avesse avuto mani come K-Q o K-K, ad esempio, avrebbe poi checkato al turn, con la possibilità di hittare al river; con top pair, allo stesso modo, avrebbe potuto checkare al turn per pot controllare e Affleck avrebbe avuto la chance di stackarlo solamente ‘inventandosi’ una overbet al river. Su un flop così connesso, inoltre, Matt potrebbe anche donkbettare con doppie e forti draw (bilanciando il suo range), al fine di non concedere una potenzialmente pericolosa free card a David. Insomma, esponendosi al flop è stato funzionale ad Affleck per finire ai resti al turn, facendosi chiamare proprio dalla mano che sperava avesse il suo avversario.

 

 

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari