Thursday, Oct. 24, 2019

Strategia

Scritto da:

|

il 7 Gen 2019

|

 

Perché è utile avere un coaching da un professionista?

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Perché è utile avere un coaching da un professionista?

Area

Vuoi approfondire?

Chi gioca a poker costantemente e ne vuole fare una vera e propria professione non può esimersi dall’affrontare prima o poi l’esigenza di avere un coaching da un professionista.

Oggi giorno sono tantissimi i giocatori professionisti che oltre alle sessioni di gioco attuano regolarmente sessioni di coaching individuali.

Pagare per un coaching da un pro player è un utilissimo investimento che molti sottovalutano ma che nel lungo periodo incrementa notevolmente il proprio livello di gioco e di conseguenza i propri guadagni.

Scegliere il coach giusto è il primo step e a seconda del proprio bankroll le possibilità sono tante.

Come funziona il coaching e quanto costa

Come è strutturato il coaching nello specifico dipende dal coach in questione e dal suo metodo di insegnamento personale.

Generalmente il coaching prevede l’utilizzo di un programma di VoIP ovvero di un programma per la comunicazione in tempo reale.

Il software più usato per la conferenza nei coaching è Skype, alcuni coach potrebbero usare Telegram o Teamspeak.

Una volta che la comunicazione col coach è in atto si passa all’utilizzo di programmi di accesso remoto che permettono al coach di accedere al nostro PC e guidarci in maniera diretta nelle varie fasi del coaching dalla hand history alle fasi di gioco in cui spiega le varie strategie.

Il programma più usato per l’accesso remoto è TeamViewer che offre diverse funzionalità e supporta plug-in esterni permettendo l’uso dei tools di poker e delle HUD senza alcun conflitto.

In alcuni casi il coach potrebbe non aver bisogno di agire sul nostro PC ma seguire semplicemente la nostra partita e quindi fare uso della funzione di screen sharing ovvero di condivisione schermo che gli permetterà di vedere quello che facciamo e correggere le nostre giocate.

Sia TeamViewer ma anche lo stesso Skype offrono la possibilità di condividere il proprio schermo con il coach in chiamata.

Il coaching quindi avrà luogo e il primo step dopo il colloquio Skype è quello di procedere alle Hand History review.

Rivedere le mani passate rappresenta il modo più efficace per capire gli errori che commette un giocatore e tramite la discussione sarà chiaro per il coach quali aspetti del gioco correggere e quale indirizzo dare all’allievo.

Per quanto riguarda il costo dei coaching questo viene calcolato all’ora e cambia a seconda del livello del coach.

I range di prezzo vanno dai 40€ all’ora per i coaching base per giocatori low level a 70€ l’ora per coaching mtt mid stakes. Range di prezzo simili anche per i cash game dai 40/50€ l’ora per i giocatori NL 10-20 fino ai 100€ l’ora per i NL 50.

Ovviamente più si alza il livello maggiore saranno i prezzi tuttavia la maggior parte dei coach offre la possibilità di ridurre il costo orario nel caso in cui si acquistino pacchetti di più ore. Un ulteriore riduzione di prezzo per ogni giocatore la operano i coach che offrono la possibilità di  lezioni di gruppo.

Ora che è chiaro come funzionano dal punto di vista pratico e quanto possono costare vediamo nel dettaglio quali aspetti rendono i coaching degli utili strumenti di miglioramento e profitto.

 

Essere seguiti individualmente

Se nel poker lo studio tramite il web e i libri è molto importante di certo un limite di questi mezzi è il fatto che sono rivolti a un pubblico ampio e non rispondono delle necessità personali di ognuno di noi.

Tramite un coaching si ha la possibilità di essere seguiti da un professionista che cura il nostro playstyle, valuta i nostri errori e il nostro mindset in maniera mirata e specifica.

Rispetto ai libri il coaching è immediato e prevede un dialogo, un botta e risposta, un confronto reale con un coach che ci guida e corregge i nostri errori.

Ogni giocatore ha i propri punti deboli e avere una guida più esperta che segue il nostro percorso individuale è sicuramente un ottimo investimento.

 

Analisi delle mani

Un aspetto del coaching che molti sottovalutano è l’utilità dell’analisi delle mani giocate.

Il tempo speso a rivedere le vecchie mani non è per nulla sprecato, il coach corregge gli errori sistematici che si commettono e mette in luce i vari aspetti di cui non si è tenuto conto in una mano come la posizione, lo stack o il livello del torneo mostrando in che modo ragiona un professionista.

Rivedendo le vecchie mani il confronto con il coach permette di non ripetere gli stessi errori in futuro senza dimenticare poi che da soli la mancanza di conoscenza delle varie sfaccettature del gioco non garantisce di capire effettivamente quali errori abbiamo commesso in determinati spot.

 

Migliorare il proprio mindset

Un aspetto da non sottovalutare nel poker è quello mentale.

I risvolti psicologici che una partita o persino una singola mano può avere su di noi possono rivelarsi decisivi.

Il coach agisce anche sotto questo punto di vista, migliorando sensibilmente la nostra capacità di tiltproof e consigliandoci il giusto regime di gioco a seconda delle nostre attitudini.

Tenere sotto controllo il proprio umore e le conseguenze negative che può avere sul nostro gioco è una delle funzioni utili che un coaching ci può dare e che da soli, soprattutto per chi gioca da poco, non è facile gestire.

Anche questi aspetti a prima vista di secondaria importanza possono garantire ottimi risultati e molti professionisti che amano il coaching e promettono grandi risultati non sottovalutano il mindset nel poker.

 

Coaching Spin&Go

In tempi recenti gli Spin&Go hanno avuto un successo non indifferente se vogliamo anche inaspettato.

Molti giocatori puntano a fare profitto giocandoli e quindi si affidano ai coaching per gli Spin&Go che sono per alcuni aspetti differenti da quelli per mtt o cash game.

Gli Spin&Go proprio per la loro variabilità in termini di field possono risultare molto profittevoli per chi impara a giocarli e il fatto che molti giocatori casual si lanciano più favorevolmente in una serie di spin che in un torneo ha favorito l’apertura di scuole organizzate per questa tipologia di poker.

Le scuole di Spin&Go sono molte e sicuramente tra le più importanti figura Smart Spin ricca di professionisti e studiosi degli spin dedicata proprio a questo tipo di gioco.

 

 

Perché è utile avere un coaching da un professionista è chiaro e nessuno lo mette in dubbio.

Ovviamente gestire a dovere il proprio bankroll e quindi valutare di conseguenza il coach da scegliere è una prerogativa importante.

Ricevere coaching è una pratica usata dai giocatori alle prime armi come da giocatori di livello più alto.

Non bisogna però credere che il coaching sia una tappa obbligatoria per migliorarsi, si può crescere anche da soli con tanto impegno nonostante questo voglia dire metterci più tempo.

Che sia estremamente utile riceve un coaching da un pro player non c’è dubbio e pensare siano soldi persi o investiti male è un errore molto grave.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari