Wednesday, Feb. 19, 2020

Strategia

Scritto da:

|

il 9 Feb 2020

|

 

Guida alle Varianti: regole e suggerimenti per il Pot Limit Omaha

Guida alle Varianti: regole e suggerimenti per il Pot Limit Omaha

Area

Vuoi approfondire?

Il Pot Limit Omaha è la variante di poker più giocata al mondo, dopo ovviamente il texas hold’em. Un gioco che nel corso degli anni  non solo è cresciuto in popolarità, ma che si è dipanato fra ulteriori varianti e modalità di gioco. Oggi ci occuperemo appunto del Pot Limit Omaha, ovvero la forma più classica della variante stessa. Dalle regole base del gioco, passando per i limiti di puntata, fino alla composizione del punteggio migliore.

In tutte le grandi kermesse di poker live il Pot Limit Omaha è presente: dagli EPT ai WPT, passando per Millions e fino a raggiungere le WSOP, dove ogni anno sono assegnati numerosi braccialetti per questa specialità. E sono tanti i giocatori italiani che nel corso degli anni si sono dedicati completamente al PLO ottenendo degli ottimi risultati. Stesso discorso online, dove fra MTT e tavoli cash game c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Le regole basilari del Pot Limit Omaha

Rispetto al noto Texash Hold’em, nel Pot Limit Omaha ogni giocatore riceve ben 4 carte. Di queste però ne potrà utilizzare solo due per costruire il suo miglior punto, legandole con tre delle cinque carte comuni. Dunque se vi vengono serviti tre assi nelle vostre hole cards, non avete un set d’assi, ma un semplice coppia.

L’altra essenza del gioco è la mancanza del rilancio libero nell’importo. Infatti siamo in assenza di No Limit e si gioca in modalità Pot Limit. Nello specifico l’importo che viene rilanciato deve essere pari almeno all’ultimo rilancio. Sommando l’importo presente nel piatto, all’importo con il quale si effettuerebbero 2 call, si ottiene l’importo massimo rilanciabile.

La graduatoria dei punteggio nel PLO

Il valore della mani Omaha è come quasi in tutte le varianti di poker:

  1.  Scala Reale
  2.  Scala colore
  3.  Poker
  4. Full house
  5. Colore
  6.  Scala
  7.  Tris
  8. Doppia Coppia
  9.  Coppia
  10.  Carta Alta

Consigli basilari per il PLO

Ecco di seguito una serie di consigli base da tenere sempre a mente quando giocate a Pot Limit Omaha, soprattutto se siete alle prime armi in questa variante:

1 – Essere molto selettivi con le vostre mani iniziali, cosa non facile quando si guardano quattro carte e si pensa a tutte le possibili combinazioni.

2 – Ancor prima di avventurarvi in giocate o scontri al tavolo, cercate di “leggere” i vostri rivali. La stessa “Lettura” che eseguite al Texas Hold’em, dovete farla anche nel PLO. Riconoscere il player chiuso da quello aggressivo, passando per colui che gioca quasi esclusivamente alla ricerca di progetti. Una volta prese le misure, potete iniziare a fare il vostro gioco, in base alle informazioni che avete ottenuto.

3 – Non affezionatevi in maniera ostinata alle vostre carte. A Omaha è meglio aspettare di avere una buona mano prima di puntare somme elevate. Siate pazienti. Soprattutto ricordatevi che le percentuali sono diverse dal Texas Hold’em e molto più vulnerabili. Anche una sola carta può cambiare totalmente il board e di conseguenza ribaltare la situazione.

4- L’Omaha è un gioco “nut“. Per questo motivo non sempre è una buona idea giocare un progetto (colore o scala) che non sia il più alto possibile. Le combinazioni nel PLO aumentano a dismisura e spesso ci sono board sui quali 2 o più giocatori inseguono lo stesso progetto.

Gli errori più comuni nel Pot Limit Omaha

Ecco in questo caso una serie di errori comuni nel PLO e che vanno eliminati dal proprio gioco per risultare vincenti:

1- Nonostante abbiate in mano quattro carte, ricordatevi che potete usarne solo due per costruire il vostro punto. Esse andranno a sommarsi con tre delle cinque carte comuni.

2 – Giocare troppe mani iniziali. Come nel Texas Hold’em dovete imparare a selezionare le vostre mani. Quattro Hole Card inducono spesso ad aumentare la percentuali di mani giocate e alla lunga può rivelarsi un errore grande come una casa. Il primo passo è riconoscere quali starting hands possono andare bene e quali no.

3 – Non esagerate con le carte basse. Non è Omaha Hi-Lo, dove si premia il punto più basso. Ci sono situazioni nel PLO in cui ha senso utilizzare carte basse per costruire progetti o quanto altro. Ma non deve essere la costante di ogni spot.

4 – Regalare carte a gratis nel poker è spesso un errore. A maggior ragione in un gioco come il Pot Limit Omaha, dove tutto può essere ribaltato anche in una singola street. Per questo motivo quando avete un buon punto in mano, o ritenete di essere in vantaggio sui vostri avversari, uscite in puntata ed evitate il check. Da trappare a restare trappati è un attimo nel Pot Limit Omaha.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari