Thursday, Apr. 25, 2024

Strategia

Scritto da:

|

il 7 Mar 2024

|

 

Poker ABC: l’importanza della strategia di gioco in relazione allo stack in possesso

Poker ABC: l’importanza della strategia di gioco in relazione allo stack in possesso

Area

Vuoi approfondire?

L’importanza dello stack all’inizio di una mano, viene spesso considerata con poca attenzione dai giocatori che hanno cominciato da poco tempo a sedersi di fronte a un tavolo da poker, sia esso live, oppure live.

Quando si cominciano a imparare le prime dinamiche di un gioco così complicato, uno dei primi parametri con i quali si familiarizza con più frequenza, è quello dell’entità dello stack in gioco, che sia, indifferentemente, nostro, oppure dei nostri avversari.

Si comincia a capire che determinate mosse non si possono fare con uno stack risicato e che, invece, non si DEVONO fare con uno stack molto elevato, poiché nella prima ipotesi non vi è margine di manovra, nella seconda si può fare di tutto.

Andiamo a vedere le varie possibilità che lo stack in nostro possesso, ci permettono di eseguire, o, se preferite, la famosa stack utility, che si riferisce alla possibilità di fare o non fare determinate mosse in relazione a ciò che possediamo.

<10 Big Blind

Non vi è grande possibilità di scelta. Uno stack così ridotto, soprattutto in un momento del torneo in cui affrontiamo avversari che hanno la capacità patrimoniale di poterci chiamare a cuor leggero, ci dovrebbe portare a metterle tutte nel mezzo e sperare che il colpo regga.

Ci sono state alcune correnti strategiche adoperate da qualche giocatore, che consigliava di poter ancora raise-foldare con circa 10x, ma con l’ampliamento dei range di push e di conseguenza di call, la cosa non ha avuto un gran successo, anche se, come per tutte le situazioni nel poker, va da sé che ogni situazione fa scuola a sé, se vogliamo fare riferimento agli avversari e al loro stile e alle loro capacità.

Dai 15 ai 20 Big Blind

La situazione in questo caso è decisamente meno disperata che nel caso precedente e, anche se alcune dinamiche tra regular, portano spesso a re-pushare una quantità di Bui superiore ai 15x, le mani di valore necessitano di una cura maggiore nella size di apertura.

L’All In sull’apertura di un nostro avversario, è invece spesso utilizzato nei tornei, per via dell’acquisizione di una percentuale di chips congrua rispetto al nostro stack, visto che, in caso di apertura standard di un nostro avversario, da 2,2 a 2,5x, il nostro push potrebbe portarci uncontested SB, BB e l’apertura di cui abbiamo appena parlato, qualcosa come 4 BB di media che equivalgono a circa il 25% del nostro stack complessivo.

30-35 Big Blind

Questo stack è solitamente quello con cui, mediamente, passeremo la maggior parte del nostro tempo seduti al tavolo da gioco mentre stiamo partecipando ad un torneo di poker.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Dobbiamo fraternizzare col nostro compagno di avventure e capire come curarlo e farlo crescere, o, più semplicemente, tenerlo costante con l’incedere dei bui e, di conseguenza, dei livelli.

L’opzione maggiore che ci possiamo permettere con uno stack di questo tipo, è quella di poter 3Bettare senza la fobia e/o l’obbligo di giocarci il colpo in caso di 4bet da parte dell’Original Raiser o di un altro giocatore che agisce dopo di noi.

Abbiamo anche la possibilità di maneggiare il nostro stack, mettendo alla prova le nostyre capacità di gioco post flop e, soprattutto, quelle dei nostri avversari.

Oltre i 40 Big Blind

Qui cambia praticamente tutto il mondo. Seppur da una parte dobbiamo fare attenzione a non mettere a repentaglio i nostri averi, la verità è che siamo in una posizione di comodo rispetto alla maggior parte dei nostri avversari, a meno che non siamo nella fase iniziale del torneo, la cosiddetta early stage, nella quale solitamente si parte con 100 Big Blind o superiori. 

Se sappiamo armeggiare la meravigliosa arte del bluff, questo stack ci permette di poterlo fare, ma attenzione a utilizzare le size adatte, perché è un attimo ritrovarsi in una situazione simile a quelle descritte in precedenza.

L’attenzione va posta per un motivo su tutti: salire a 80 o 90 Big Blind, che, ovviamente, sarebbe una condizione di vantaggio e comodità assoluti in un torneo, non sarà comunque importante quanto scendere sotto i 20, cosa che ci porterà, gioco forza, ad attuare una strategia come quelle descritte nei paragrafi precedenti.

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari